Immagine
 Firenze, GEST 1006 (AnsaldoBreda Sirio) in sosta al capolinea di Villa Costanza della Linea 1... di Omar Cugini
 
"
I cinici sono tutti moralisti, e spietati per giunta

Indro Montanelli
"
 
\\ Home Page : Storico : Approfondimenti&Curiosità (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Redazione Ilmondodeitreni.it (del 27/10/2011 @ 22:17:22, in Approfondimenti&Curiosità, visualizzato 1982 volte)

Papa Benedetto XVI ha viaggiato oggi da Roma ad Assisi sulla carrozza numero 2 del Frecciargento (ETR600) di Ferrovie dello Stato Italiane (treno ES28519/28520). Le particolari caratteristiche tecniche tendono ad esaltarne l’uso sui percorsi misti, quelli che includono tratte ad Alta Velocità e linee convenzionali. Il Frecciargento è dotato di motori distribuiti su tutto il convoglio, in grado di assicurare ottimi spunti di accelerazione e una velocità massima di 280 km/h (commerciale di 250 km/h). Il convoglio a composizione bloccata possiede la tecnologia d’avanguardia prevista per viaggiare in sicurezza sulle linee AV/AC (sistema ERTMS-ETCS – livello 2) e quella, altrettanto di eccellenza, per le linee convenzionali (SCMT). Sistemi automatici in grado di controllare l’operato del macchinista e di intervenire automaticamente se la velocità del treno non è coerente con le condizioni di circolazione della linea percorsa. I collegamenti in Italia del Frecciargento:

  • 30 treni Roma – Venezia S.L. di cui 2 no-stop (3h 30’). 2 treni da Mestre proseguono per Udine; 2 treni partono da Napoli
  • 10 treni Roma – Verona (2h 55’- 3h 10’) - 4 treni proseguono per Brescia e 4 per Bolzano „« 6 treni Roma – Bari (4h 03’- 4h 25’) che proseguono per Lecce
  • 2 treni Roma – Lamezia Terme (3h 59’) che proseguono per Reggio Calabria.

Composizione del Frecciargento:

  • 2 vetture di 1a classe (100 posti)
  • 5 vetture di 2a classe, 1 con bar/bistrot (326 posti + 4 per disabili + 2 per accompagnatori)

Il Frecciargento è dotato di:

  • impianto di climatizzazione
  • impianto di diffusione sonora
  • monitor LCD touch screen negli spazi tra le carrozze
  • monitor con informazioni aggiornate sul viaggio in ogni vettura
  • prese di corrente per ogni seduta
  • luce di cortesia per ogni seduta
  • spazi per bagagli di grandi dimensioni
  • una toilette in ogni vettura e ben due nelle carrozze n° 2 e 3
  • 1 area bar-bistrot (nella vettura n° 3)
 
Di Omar Cugini (del 01/11/2011 @ 15:20:58, in Approfondimenti&Curiosità, visualizzato 2154 volte)

Le varie sigle con cui vengono classificati e distinti i treni passeggeri sono note più o meno a tutti. Meno note sono le sigle con cui vengono identificati i treni merci, in quanto gli orari di questi treni sono presenti solo su pubblicazioni di servizio (fascicoli orari). In questa pagina verranno illustrati i significati delle varie sigle e le differenze tra i vari tipi di treni merci. I treni per trasporto derrate alimentari , un tempo indicati negli orari di servizio con la dicitura "DERRATE" sono ora compresi nei vari gruppi. EUC: Europ Unit Cargo. Hanno numerazione da 40000 a 40999 e sono treni che trasportano merci di qualità (autovetture, elettrodomestici,derrate, casse mobili, ecc.)e/o carri vuoti privati (es. Transwaggon, Cargowaggon, Nordwaggon). Si caratterizzano soprattutto per: Collegare tra loro alcuni centri di smistamento oppure centri economici importanti. Avere una circolazione regolare garantita annualmente senza grossi intoppi. Avere orari studiati da soddisfare le esigenze dei trasportatori e aver garantite tutte le coincidenze con altri treni merci nel più breve tempo possibile. MC: Merci Celere. Hanno numerazione da 29000 a 29499 e sono composti esclusivamente da bagagliai o carri adibiti al trasporto di colli espressi MD: Merci Diretti. Sono gli ex omnibus. MI: Merci Interzona. Impostati a 90 ÷ 100 km/h, dedicati ai collegamenti (senza fermate intermedie) fra le zone di manovra. Con la terza cifra 5 si individuano i treni che collegano scali capo zona di manovra limitrofi, con la terza cifra 6 si individuano treni di collegamento fra zone non limitrofe. MP: Merci Postale. Hanno numerazione da 29500 a 29999 e sono composti esclusivamente da bagagliai adibiti al trasporto di posta. Attualmente questa categoria di treni non esiste più in quanto Poste Italiane da alcuni anni non utilizza più il vettore ferroviario MR: Merci Rapido .Hanno numerazione da 53400 a 53499 e velocità di impostazione di 90 ÷ 120 km/h e sono dedicati al traffico convenzionale a treno completo per trasporti omogenei (a carico ed a vuoto) per il collegamento diretto fra l'impianto di carico e scarico e viceversa, utilizzabili di volta in volta (nell'ambito delle periodicità prefissate da clienti diversi) In questo sono inclusi anche i trasporti di derrate o merci deperibili MRI: Merci Rapido Internazionale. numerazione da 41000 a 41999 merci che trasportano gruppi omogenei di prodotti conto grandi clienti (esempio: FIAT, AGIP, Electrolux/Zanussi) In questo gruppo figurano anche i trasporti derrate Da qualche anno sono comprese pure le tracce orarie denominate FREEWAYS (per lo più trasporti intermodali) inserite nella numerazione 41900-41999. I treni con numerazione da 47000 a 48999 sono treni completi ma banalizzati: in base alle esigenze della clientela tali treni possono variare composizione, clienti, periodicità, stazione di partenza o di arrivo. Gli MRI con numerazione da 49000 a 49999 sono treni composti solo di carri vuoti (per lo più conto clienti) MRS: Merci Rapido Speciale. Sono impostati a 100 km/h per trasporti a treno completo conto grandi clienti escluso trasporti containerizzati MRV: Merci Rapido per invio carri Vuoti. Dedicati all'inoltro di condotte di carri vuoti, di qualsiasi tipo, dalle sedi di concentramento agli impianti di carico o scarico e viceversa (senza fermate intermedie), sono impostati a 90÷120 km/h MT: Merci per servizi Terminali. Sono treni merci senza fermate intermedie, impostati a 90 ÷ 100 km/h, dedicati ai collegamenti di andata e ritorno fra impianti capo zona ed impianti di 1° livello Con la terza cifra 8 sono individuati, relativamente ai servizi terminali, i treni che fanno eccezione al modello di esercizio. Hanno numerazione da 53700 a 53899 i treni ordinari per carri di vario tipo che collegano gli scali di smistamento con centri di terminalizzazione dei carri (esempio: MT 53764 Cervignano - Mestre: collega il centro di smistamento di 1° livello con un impianto terminalizzatore che poi provvederà alla distribuzione dei carri con apposite tradotte) I Terminalizzatori che portano la terza cifra 8 possono effettuare fermate intermedie per lo sgancio o l'aggancio dei carri NCLS: Non Classificati .Sono treni straordinari compresi in orario che non hanno una composizione definita e quindi possono essere usati ogni volta che se ne ravvisi la necessità con composizioni che possono variare. STM: Straordinario per Trasporti Militari. Hanno numerazione da 39800 a 39999e vengono utilizzati in base alle necessità per uso esclusivo di trasporto truppe e/o mezzi militari. In composizione c'è anche una carrozza di servizio per il personale militare di scorta. In genere il personale di macchina di questi treni sono militari del genio ferrovieri TC: Treno Intermodale (Containers). Sono impostati a 100 km/h TCS: Treno Intermodale Speciale (Containers, casse mobili, semirimorchi e contenitori). Sono impostati a 120 km/h TEC: Trasporti Europei Combinati. Hanno numerazione da 42000 a 43999 e sono treni merci che trasportano casse mobili, container, semirimorchi, camion e tir. TES: Trasporto Eccedente Sagoma Limite. Sono treni merci straordinari deviati su percorsi alternativi che hanno sagoma limite maggiore di quella della linea che normalmente dovrebbe percorrere il treno. Ai TES possono essere imposte particolari restrizioni, come ad esempio il divieto di incrocio in linea TRADOTTE: Hanno numerazione da 53900 a 53999. Sono treni ordinari con carri di vario tipo che collegano gli impianti principali con altri impianti secondari o con stabilimenti serviti da raccordi. Per la trazione possono venir utilizzate locomotive da manovra. Hanno velocità di impostazione da 80 a 100 Km/h LAV: con questa sigla vengono identificati i treni merci ad uso interno di Trenitalia composti di carrozze riparande o da riparare da/per gli impianti di revisione LISL o LIS: sono invii di locomotive isolate o da stazione a deposito (e viceversa) o per altre esigenze di servizio

 
Di Gabriele Palmieri (del 28/11/2011 @ 14:42:53, in Approfondimenti&Curiosità, visualizzato 1019 volte)

Roma 28 novembre 2011

Innovazione, tecnologie, attenzione al cliente e funzionalità. È Roma Tiburtina, la prima delle nuove stazioni del Sistema AV Torino – Milano – Salerno ad essere completata, che risponde non solo alle esigenze di mobilità e interscambio con altri mezzi di trasporto, ma anche all’evolversi della vita metropolitana. In quest’ottica, Tiburtina e tutte le stazioni AV, intendono riunire la componente di sistema e di infrastruttura con quella territoriale locale, assumendo il ruolo di spazi di prim’ordine per le metropoli del terzo millennio, all’interno del sistema ferroviario italiano ed europeo. Da luoghi d’incontro a fautori di una rinnovata identità nazionale. Frutto di un lavoro creativo tutto italiano la nuova stazione AV inciderà profondamente nel riassetto urbano della Capitale. Realizzata totalmente in autofinanziamento: la sostenibilità economica dell’operazione è collegata alla vendita di sei lotti di aree non più funzionali all’esercizio ferroviario, il primo dei quali è già stato venduto a BNP Paribas Real Estate. Un lotto di 7.300 metri quadrati che copre per circa la metà il costo della nuova stazione. Vetrina di qualità dell’architettura ferroviaria contemporanea, con un design avveniristico, Roma Tiburtina esprime l’eccellenza del “luogo per la città” ed è una delle più grandi realizzazioni infrastrutturali urbane del nostro Paese. Oltre al ruolo di terminal passeggeri per le linee veloci (nazionali e internazionali), la nuova stazione diventerà un nodo fondamentale di scambio tra la rete viaria urbana e i collegamenti su ferro e gomma: tre direttrici regionali, l’attuale linea della metropolitana B, il collegamento con l’Aeroporto internazionale Leonardo da Vinci (Fiumicino) e il trasporto pubblico di superficie su gomma. Cuore del progetto è la grande galleria realizzata al di sopra dell’esistente piattaforma ferroviaria che, come un boulevard urbano, unisce due quartieri: Pietralata e Nomentano. Lunga 300 metri e larga 60, la Stazione Ponte è un parallelepipedo di vetro supportato esternamente da una struttura reticolare a maglia piramidale, cui sono fissati i solai di otto volumi interni. Un sistema di elementi appesi e galleggianti destinati agli spazi commerciali e ai servizi ferroviari. Un grande “contenitore sospeso” che, grazie a soluzioni architettoniche d’avanguardia, non risente delle vibrazioni trasmesse dal traffico ferroviario. Una scelta che valorizza anche le condizioni bioclimatiche del progetto, il cui aspetto sperimentale è improntato all’eco-sostenibilità e alla semplicità di gestione e manutenzione delle strutture. Innovative e altamente tecnologiche anche le strategie bioclimatiche adottate, come il controllo dell’irraggiamento solare per il monitoraggio del naturale refrigerio estivo e del riscaldamento invernale. Dal nuovo assetto ferroviario e urbanistico trarranno beneficio non solo i viaggiatori, ma anche gli abitanti dei quartieri limitrofi, che potranno infatti attraversare i binari passando da una parte all’altra della città, camminando lungo una galleria animata da negozi e punti di ristoro. E non solo. Un più ampio progetto di riqualificazione urbana prevede nuove strade e parcheggi, aree verdi e piazze, piste ciclabile, poli direzionali, centri commerciali e alberghi: 160mila metri quadri di nuovi complessi immobiliari e 100mila di nuove aree a verde attrezzate con servizi culturali, sociali, ricreativi e sportivi. Un parco a Ovest ridisegnerà lo spazio pubblico di Piazzale delle Crociate. La Nuova Circonvallazione Interna (NCI), rivoluzionerà il sistema viario del quadrante Est cittadino: lunga circa 3 km, collegherà Batteria Nomentana allo svincolo della A24, spostando il percorso della vecchia tangenziale Est sul lato Pietralata. La nuova viabilità, realizzata da Rete Ferroviaria Italiana per conto di Roma Capitale, sarà ultimata entro i primi mesi del 2012. Una nuova centralità urbana favorirà, nel cuore della Capitale, anche una riorganizzazione funzionale dei servizi del terzo settore, previsti nel futuro Sistema Direzionale Orientale (SDO) di Roma, che potranno essere realizzati a ridosso di un importante nodo di scambio intermodale.

 IL PROGETTO IN CIFRE LA STAZIONE AV 

  • 170 milioni di euro l’investimento della stazione 
  • 36 mesi il tempo di realizzazione effettivo 
  •  265 unità il valore di picco delle maestranze 
  • 50.000 m2 la superficie della nuova stazione 
  • 4.000 m2 le aree dei servizi di stazione primari
  • 36.000 m2 le aree dei servizi secondari, tecnici e connettivi 
  • 7.000 m2 di vetrate esterne 
  • 13.400 t di acciaio 
  • 95.000 m3 di calcestruzzo 
  • 20 binari 
  • 29 ascensori e montacarichi 
  • 52 scale mobili

 I SERVIZI 

  • 140 treni Frecciarossa e Frecciargento transiteranno per Roma Tiburtina 
  • 38 treni lunga percorrenza, di cui 5 con fermata 
  • 290 treni del Trasporto Regionale 
  • 10.000 m2 le aree commerciali 
  • 140.000 frequentatori al giorno 
  • 1.100 posti auto di cui 430 coperti 
  • Collegamento linea metropolitana  Terminal linee bus ATAC e COTRAL 
  • 1 terminal bus lunga percorrenza

LA TRASFORMAZIONE URBANA 

  • 920.000 m2 di superficie territoriale di cui 324.000 m2 di infrastrutture ferroviarie 
  • 100.000 m2 di verde pubblico e parchi 
  • 13.000 m2 di piazze e spazi pedonali 
  • 63.500 m2 di servizi urbani 
  • 109.000 m2 di parcheggi 
  • 220.000 m2 di viabilità 
  • 156.000 m2 di servizi privati
 
Di Francesco Maria (del 28/11/2011 @ 22:12:11, in Approfondimenti&Curiosità, visualizzato 1140 volte)

Roma, 28 novembre 2011

Il complesso ferroviario di Roma Tiburtina nasce negli anni ’40 al posto dell’esistente stazione di Portonaccio, costruita agli inizi del ‘900. Il progetto redatto dall’architetto Angiolo Mazzoni - approvato dal Ministero delle Comunicazioni il 30 giugno 1939 - prevedeva un’articolazione in più edifici, collegati tra loro da pensiline. A Tiburtina, per la prima volta, veniva adottata per il Fabbricato Stazione la tipologia “a piastra”, cioè lo sviluppo del fabbricato è a un solo livello. Il progetto Alta Velocità ha modificato il ruolo degli hub ferroviari. Non più solo luoghi di passaggio per chi arriva o parte, ma vere e proprie porte di accesso alle città. Infrastrutture chiave per riorganizzare e razionalizzare i flussi di traffico e snodi di scambio modale (treni, metropolitana, autobus e taxi). La stazione AV di Roma è stata individuata a Tiburtina perché passante sull’asse Nord–Sud e porta di accesso a Termini. Le nuove infrastrutture, pianificate e programmate, richiedevano anche un intervento di riqualificazione urbana di ambiti più estesi della semplice stazione. Per questo motivo FS e Città di Roma, nel 2000, hanno sottoscritto un Accordo di Programma per un nuovo Piano di Assetto urbanistico delle aree Tiburtina – Pietralata. Un Piano che includeva sia la nuova stazione da realizzare, sia aree ferroviarie, dismesse, e comunali. Un occasione per Ferrovie dello Stato per ridisegnare un intero ambito urbano, riprendendo la tradizione di inizio secolo. FS ritorna così a promuovere, con i concorsi internazionali di idee, la grande architettura di qualità. E il primo concorso ad essere bandito, nel 2011, è quello per Roma Tiburtina. A presiedere la giuria internazionale, chiamata a valutare i progetti presentati, è il professor Giuseppe Campos Venuti. Alla fase finale del concorso internazionale vengono ammessi i progetti degli architetti Francesco Purini, Otto Steidle, Aldo Aymonino e Paolo Desideri. Vincitore risulta lo studio ABDR di Paolo Desideri. Il progetto di Paolo Desideri prevede per la nuova stazione Tiburtina, sopra la “piastra-ponte”, una grande galleria che assolva contemporaneamente la funzione di stazione ferroviaria e quella di boulevard urbano. Il risultato è la creazione di una nuova centralità urbana capace di riconnettere due quartieri, Nomentano e Pietralata, storicamente separati dalla ferrovia.

 

Come ogni anno,il ponte dell'immacolata porta con se anche il nuovo orario invernale di Ferrovie dello Stato Italiane,operazione questa volta passata molto più in silenzio,senza nessuna presentazione ufficiale, quasi come a voler mettere tutti davanti al fatto compiuto, forse anche a causa della moltitudine di collegamenti tagliati, giustificata da FS con la "scarsità di fondi disponibili per garantire il c.d servizio universale",ovvero tutti quei treni, giudicati "terribilmente in perdita", che costano molto di più di quanto riescano mediamente a incassare, ma che lo Stato reputa socialmente utili, chiedendone e pagandone, quindi, lo svolgimento”, e che quindi vengono mantenuti in vita "solo grazie al contributo statale" . Parafrasando il titolo di un famoso film, il nuovo orario potrebbe quasi essere ironicamente riassunto con una frase “Oltre l’Alta Velocità il niente”

Ilmondodeitreni.it, al di fuori dei proclami ufficiali che parlano solo dei nuovi fantastici servizi frecciarossa, della possibilità di utilizzare il wi-fi a bordo dei treni AV ed il nuovo portale multimediale per vedere gratis film, concerti, cartoni animati e news, vuole presentare ai viaggiatori e turisti quali sono le significative variazioni, ovvero tutto quello che NON troveranno più sui binari italiani, partendo dai servizi internazionali, passando per i treni a lunga percorrenza e concludendo con uno sguardo ai servizi regionali.

Servizi Internazionali

Mentre le amministrazioni ferroviarie europee sembrano puntare sui servizi internazionali, anche notturni, per fare concorrenza alle compagnie aeree low-cost, FS sembra perseguire la strada dell'isolamento. Già soppresso da tempo il frequentatissimo collegamento notturno con la Svizzera (il rimpianto EN Luna), con il nuovo orario scompare anche la relazione Venezia - Budapest (EN 440/441 "Venezia" ) cancellando definitivamente il traffico passeggeri dal valico di Villa Opicina ed isolando Trieste dal resto dell’Europa ferroviaria,cosa che non era mai accaduta neanche durante il periodo della “guerra fredda” quando,anzi, esistevano servizi della ferrovie jugoslave che raggiungevano Trieste. Inutile dire che anche il valico di Monrupino è abbandonato da anni (tranne la breve “rinascita” in occasione dei festeggiamenti per il centenario della “ferrovia meridionale” ), mentre il collegamento tra Gorizia e Nova Gorica vede solo 4 misere coppie di treni merci. Con il nuovo orari scompare anche lo storico "Palatino" Roma - Parigi sostituito da un collegamento Venezia - Milano - Parigi,denominato Thello, e gestito da TVT, la nuova società italofrancese composta da Trenitalia e Veolia. Altre novità riguardano i treni diurni: le coppie Milano-Zurigo e v.v. passano da 7 a 6 (soppressi gli EC 18/19); mentre l'EC 153/158 Basilea-Venezia e v.v. diviene Basilea-Milano e v.v. a causa della decisione di FS di utilizzare solo ed esclusivamente proprio materiale ETR470. Se invece ci spostiamo dall’Italia e guardiamo all'estero le cose vanno ben diversamente: le DB per il 2012 propongono ben 16 relazioni, attraverso la Germania, da e per Francia, Olanda, Danimarca, Polonia, Repubblica Ceca, Austria, Italia e Svizzera (integrate da altri collegamenti che consentono di raggiungere anche Croazia, Slovenia, Ungheria, Bielorussia e Russia), tutte effettuate con materiale moderno o modernizzato, con un'altissima qualità del servizio a bordo, inclusa la disponibilità su diverse relazioni della vettura ristorante, vettura totalmente assente nei treni notte interni ed anche sui collegamenti internazionali gestiti da FS, ma stranamente introdotta sui nuovi servizi per Parigi. Ma anche la vicina Svizzera propone interessanti soluzioni per raggiungere Francia, Belgio, Germania ed Austria, come ben illustrato nella nostra news (http://www.ilmondodeitreni.it/dblog/articolo.asp?articolo=153)

Collegamenti notturni e a lunga percorrenza Nord - Sud

Altra “rivoluzione” in negativo è il purtroppo annunciato taglio di tutti i collegamenti notturni tra il Nord ed il Sud Italia. Collegamenti storici,come la "Freccia del Sud" , la “Freccia della Laguna” , il “Treno dell’Etna” il “Trinacria” o il "Treno del Sole" , che per anni sono stati il simbolo dell'Italia unita e dell'emigrazione, vengono sacrificati in nome di “un’attenta razionalizzazione con l’obiettivo di renderla coerente con le risorse finanziarie disponibili e con l’effettiva domanda” . Anche sul versante adriatico assistiamo alla scomparsa di tutti i collegamenti notturni non periodici dal Nord per la Puglia sono sostituiti da quattro coppie di treni notturni Bologna-Lecce. Soppressi, dunque, tutti i notturni diretti da Bolzano per Lecce e da Milano e da Torino per Lecce e per Reggio Calabria via Jonica. I collegamenti notturni diretti Roma-Puglia passano da uno giornaliero ed uno settimanale ad uno solo (ICN 788/789 Roma-Lecce via Caserta-Foggia) limitato al fine settimana. Al posto di questi collegamenti FS ha creato “gli hub di Roma Termini e di Bologna Centrale. Il primo diventa capolinea per i treni notte da e per la Sicilia/Calabria e il secondo per i convogli giorno/notte da e per la Puglia. Così facendo i treni notte viaggeranno esclusivamente nella fascia notturna. La revisione dell’offerta prevede l’attestamento a Roma per 3 coppie di treni notte Sicilia e il completamento del viaggio utilizzando il network delle Frecce, con benefici anche in termini di durata complessiva del viaggio. Lungo la direttrice adriatica l’hub di Bologna offrirà un’altrettanto ampia offerta di servizi diurni da e per Torino, Milano, Bolzano, Venezia, Trieste e gli altri capoluoghi del nord” . Tradotto dal linguaggio FS significa sostanzialmente maggiore scomodità per i passeggeri, costretti a cambiare obbligatoriamente treno ed un aumento del prezzo mascherato da un presunto miglioramento del servizio. Che i treni notte fossero in profonda perdita è opinione solo delle FS, visto che in certi periodi dell’anno era impossibile trovare posti su alcuni collegamenti Nord-Sud e viceversa,preferiti da chi non poteva o voleva viaggiare in aereo, nonostante tempi di percorrenza extra large ed un servizio che spesso e volentieri lasciava spesso a desiderare in termini di pulizia e comfort di viaggio. Altra “novità” è la totale soppressione del servizio auto e moto al seguito sui treni nazionali, tra cui anche il frequentatissimo Roma Tiburtina - Calalzo. Servizi anche questi che FS dichiara essere in perdita e facenti parte del "servizio universale" pagato dallo Stato. Eppure all’estero tale servizio continua ad essere effettuato,come dimostra il servizio DB Autozug o il servizio OBB Vienna – Firenze,e non si riesce a capire come mai per DB ed OBB non sia in perdita.

Dopo le soppressioni vediamo le novità annunciate da Trenitalia sui treni a lunga percorrenza: vengono istituiti due nuovi treni sulla rotta Torino – Milano– Roma con fermate a Milano Garibaldi, Rogoredo, Bologna, Firenze, Tiburtina. Altre due corse da marzo, con origine e destinazione Napoli. Potenziata la fascia oraria mattutina tra Torino e Milano, con 5 treni in partenza tra le 6.30 e le 9, 3 dei quali concentrati tra le 7.37 e le 8.02. Salgono a dieci i collegamenti tra Milano e Salerno e a 12 le corse tra la Capitale e Salerno. Offerta sempre più flessibile, sulla AV Roma - Milano dove alle 72 corse ordinarie tra Milano e Roma si aggiungono, nei giorni di maggior affollamento e nelle ore di picco massimo, complessivamente 11 Frecciarossa (di cui 6 senza fermate intermedie). Rivisti gli orari di partenza dei 4 Frecciarossa che collegano Roma (Tiburtina) a Milano (Rogoredo) in 2 ore e 45 minuti. Istituita una nuova corsa da Napoli (p. 19.17) a Firenze (a. 22.18), con fermata a Roma Termini, dove il treno arriva alle 20.30 e riparte alle 20.45. Accorpate le due corse Napoli – Bologna delle 18.50 e Roma – Milano delle 20 in un’unica corsa Napoli – Milano. Mentre il Torino – Roma delle 18.42 fermerà la sua corsa a Milano (con nuova partenza da Torino alle 18.39) e l’attuale Milano Malpensa – Firenze delle 19.22 diventerà Malpensa – Roma con partenza da Malpensa alle 19.22, da Milano C.le alle 20.20 ed arrivo a Roma alle 23.45. Per quanto riguarda i "Frecciaargento" saranno sei in più le corse tra Venezia e Roma che si aggiungono alle 30 già operative. Tre Frecciargento in più nelle fasce del mattino, alle 8.20 da Roma, alle 5.39 da Mestre e alle 8.57 da Venezia Santa Lucia, una all’ora di pranzo (12.57 da Venezia S.L.) e due nel pomeriggio, alle 16.20 e 17.20 da Roma. Posticipata di un’ora, alle 17.45, la partenza del Frecciargento Roma - Lecce, molto utilizzato anche dai clienti campani. I Frecciargento della rotta Roma – Puglia fermeranno – in tutte e due le direzioni – a Caserta, Benevento, Foggia, Bari, Barletta e Brindisi. Anticipato di 33 minuti, alle 6.45, il Frecciargento in partenza da Reggio Calabria per Roma Termini, che offrirà un migliore sistema di coincidenze per i clienti del bacino calabrese nelle stazioni di Reggio Calabria, Villa S.G. e Lamezia Terme. L'ultima novità riguarda gli EurostarCity che cambiano nome (e prezzo)  diventando Frecciabianca, la terza Freccia di Trenitalia, che punta ad esportare” anche sulle linee convenzionali alcuni dei plus caratteristici dei Frecciarossa e Frecciargento: qualità, frequenza, velocità” . Sulla direttrice Tirrenica la razionalizzazione delle fermate, quasi esclusivamente nei capoluoghi di provincia (La Spezia, Massa, Pisa, Livorno, Grosseto), oltre che a Civitavecchia, permette di ridurre i tempi di viaggio tra Roma e Genova fino a 4 ore e 2 minuti. Viene potenziata l’offerta sulla trasversale padana con un nuovo collegamento Torino – Milano – Trieste, tre nuove corse Venezia (p.17.20) – Torino (a.21.55), Torino (p.17.05) – Venezia (a.21.40) e Milano(p.12.35) – Venezia (a.15.10). Rivisto anche il sistema di fermate tra Desenzano e Peschiera.

(continua...nella parte 2: tutte le novità del trasporto regionale) 

 
Di Francesco Bloisi (del 15/12/2011 @ 16:21:11, in Approfondimenti&Curiosità, visualizzato 1035 volte)

Quasi tutti noi hanno discusso almeno una volta con qualche zelante ferroviere o qualche zelante funzionario Polfer per scattare fotografie...Tutti voi conservano come una reliquia la famosa circolare FS REM/90, che permette di fare foto in luoghi aperti al pubblico, da sventolare davanti al naso del rompiscatole di turno. Tuttavia spesso ci si sente dire che la circolare non vale, che è stata abrogata, che esistono leggi e simili che modifcano la normativa in materia....ed ecco che si scatena il panico. Di seguito tutto quello che avreste voluto sapere sulle foto in ferrovia (ma proprio tutto) e non avete mai osato chiedere (oppure lo avete chiesto, vi hanno risposto ma ve lo siete dimenticato). Il tutto, come sempre, in chiave ironica, perchè, e occorre non dimenticarlo mai, il nostro è "solo" un bellissimo hobby!

FAQ: le 53 più frequenti "domande-frequenti" sulle frequenti riprese in ambito frequentemente ex FS.

Avete mai sentito parlare della nuova circolare killer? Si.

Avete mai incontrato ferrovieri, dirigenti Trenitalia, dirigenti RFI, Polfer, Polizia, Carabinieri, GdF, Capitaneria di Porto, Polmare, Polaria & omissis che vi parlano della nuova circolare killer? Si.

Esiste la nuova circolare killer? No.

Esiste l'abuso di potere? Si.

Esiste gente che vi fa perdere del tempo? Si.

Esiste la paranoia terroristica? Ovviamente Si.

Conoscete la circolare del 1990 sulle riprese emanata dall'allora Ente FS? Si.

Vi è mai stato detto che è vecchia e ormai non vale più? Si.

E' stato emanato qualcos'altro di specifico nel frattempo? No.

La mancanza di divieti specifici comporta un generale divieto generico? No.

Chi si attiene alle disposizioni di cui all'unico riferimento (REM 90) può costituire pericolo o intralcio per la circolazione ferroviaria? No, ci mancherebbe altro!

Avete mai preso una multa rispettando la REM del 15.6.90? No.

Conoscete qualcuno che è stato multato nelle condizioni suddette? No.

Si possono attraversare i binari a raso, dove vietato? No, è vietato.

Si può entrare in aree FS appositamente delimitate da cartelli monitori di divieto a norma di legge? No, è vietato.

Si può impegnare materiali, personale, mezzi dell'ex ente FS durante le riprese? No.

"Impegnare" è sinonimo di "interessare", "riguardare", "inquadrare" o di "fotografare"? No.

Si può usare un cavalletto per le riprese notturne? In teoria no.

Avete mai sentito qualcuno parlare di occupazione di suolo pubblico con riferimento al divieto di uso del cavalletto? Si.

C'entra qualcosa l'occupazione di suolo pubblico? No.

Sostare su un cavalcavia o su un posto rialzato rispetto alla sede ferroviaria "brandendo" una fotocamera/telecamera) integra di per sè il reato di "procurato allarme"? No.

Si può evitare in qualche modo che qualcuno segnali la vostra presenza su un cavalcavia ad una forza di polizia qualunque? Purtroppo no.

A cosa si può addebitare la segnalazione? Alla errata percezione della realtà da parte di chi vi osserva: nella migliore delle ipotesi, volete farla finita con la vita; nella peggiore, siete dei vandali e/o tossici e/o (sopratutto) state probabilmente per scagliare una pietra sul parabrezza di un'auto o contro un treno.

Come mai quelli che le pietre le scagliano per davvero non vengono segnalati con la stessa prontezza? Perchè si nascondono meglio e hanno l'intelligenza tattica di operare - contrariamente agli appassionati di fotografia - nottetempo.

Le forze di Polizia hanno tempo da perdere? No.

I locali in cui normalmente le forze di polizia operano sono climatizzati, in estate? Si.

E allora perchè ne escono per ragioni simili? Perchè qualcuno li chiama.

La gente che li chiama ha niente di meglio da fare? (domanda retorica, senza risposta)

Cosa fa la gente comune nella vita oltre a segnalare pericolosi potenziali terroristi? Nel tempo libero di solito guardano i film polizieschi, documentari su serial-killer, un giorno in questura con quello che ha messo la moglie a pezzi nel frigo, oppure un tg a caso che parla di ordigni giocattolo, falsi allarmi, personaggi sospetti, sette sataniche...ed ecco il problema.

Possono sequestrarvi i rulli e/o le memory card  e/o macchine fotografiche o videocamere senza passare attraverso un magistrato? Assolutamente no,commetterebbero un abuso

Un magistrato potrebbe autorizzare tale sequestro? In Corea del Nord forse.....

Possono chiedervi di rimuovere delle foto da internet? No, ma potrebbero chiedervelo

In tale caso, siete obbligati a rimuoverle? Assolutamente no

Vi conviene alzare la voce e litigare con la Polfer? Assolutamente no (potreste passare dalla parte del torto).

Vi conviene rimanere rilassati e cercare di instaurare una conversazione civile, sorridendo alla bisogna? Si.

Esiste una legge che impedisce di fotografare una persona in particolare, una cosa, una macchina, uno struzzo, un mattone forato da un luogo normalmente accessibile al pubblico? No, salvo eccezioni.

Il marciapiede è un luogo normalmente accessibile? Si, possibilmente con titolo di viaggio.

Avete l'obbligo di esporre ai vigilantes della Roma - Lido la ragione precisa per la quale non avete preso il primo treno utile, rimanendo sul marciapiede? No, anche se sicuramente vi chiederanno il motivo.

Una strada non privata è un luogo normalmente accessibile? Si.

E' vietato prendere appunti inerenti la circolazione ferroviaria? No.

Prendere appunti o effettuare foto/riprese in ambito ferroviario può ragionevolmente considerarsi il primo momento di un più ampio ed elaborato disegno criminoso di stampo eversivo-sovversivo volto alla distruzione dell'occidente capitalista globalizzato? Certo, che domanda da comunisti!

Quanti terroristi sono stati colti in flagranza mentre effettuavano preventivi rilievi alla luce del sole? Nessuno.

Come mai i terroristi, brigatisti ecc. prima di posizionare un ordigno non effettuano riprese in ambito FS? che domanda...

Chi effettua foto ha di norma lo scopo di svelare irregolarità sul posto di lavoro dei dipendenti Trenitalia/RFI? No.

Avete mai incontrato ferrovieri, manovratori, dirigenti e quant'altro che abbiano menzionato la legge sulla privacy? Si.

C'entra qualcosa la legge sulla privacy? No.

Normalmente nelle foto i ferrovieri occupano una porzione consistente del fotogramma? No.

E' vietato scattare foto in cui i ferrovieri occupano una porzione consistente del fotogramma? No.

E' vietato scattare foto ricordo in ferrovia ai ferrovieri dietro loro precisa richiesta? No.

E' opportuno evitare di inserire persone nelle foto? Si, ma per ragioni di convenienza del fotografo.

Si possono fare le foto ai treni secondo Trenitalia, Polfer & C.? No.

Si possono fare le foto ai treni secondo la legge? Si (salvo violazioni di altro tipo)

Porta sfiga parlare della circolare killer? Si.

Un dirigente RFI/Trenitalia a caso, leggendo quanto sopra e sopratutto le solite domande trite e ritrite su ogni dannatissimo forum, ripetute con una insopportabile ciclicità irreversibile, sarà preso dal prurito di far emanare una circolare killer SUL SERIO? Se non la piantate, SI.

La circolare prima o dopo la emaneranno veramente? Si.

Noi tutti smetteremo di fare le foto? Si.

E ci dedicheremo così alle poche attività libere consentite in aree ferroviarie di questo Paese: a) blocco di massa della circolazione ferroviaria in punto strategico per protestare contro la realizzazione di un termovalorizzatore. b) arresto di un treno, ordine di scendere dal convoglio intimato a chiunque e incendio doloso del convoglio c) truffe, irregolarità in appalti pubblici, sottrazione e distrazione di fondi d) vandalismi in aree ferroviarie e) detenzione, spaccio e somministrazione di droghe leggere e pesanti, nonchè sintetiche in ambito FS. f) decorazione, pittura a pennello, con spray, tempere, colori naturali alle erbe di materiale ferroviario g) vagabondaggio, cialtronaggio e accattonaggio nelle stazioni.

N.B.: si capisce, A-G sono tutte attività tecnicamente vietate, ma di fatto tollerate. L'essenziale è che però nessuno faccia le foto. Fotografate qualcos'altro... con tutta la roba che c'è.... gli alberelli, i fiorellini, i panorami, le albe, i tramonti, le donnenude, il cielo, il mare.... in fondo, ricordatevi sempre... chist' e' o' paese do sole!

 
Di Omar Cugini (del 15/12/2011 @ 17:41:29, in Approfondimenti&Curiosità, visualizzato 1123 volte)

Questa pagina nasce dall'idea di censire gli ultimi segnali semaforici ad ala ancora presenti sulla rete RFI. . L'ordine di censimento è progressivo, da Nord a Sud, in ordine di compartimento

Compartimento di Milano

Linea Como - Lecco:

Segnali di II Categoria della stazione di Cantù (tolti d'opera, come da CC 01/2009, dal 30/01/2009)

Segnali di II categoria della stazione di Merone (tolti d'opera, come da CC 01/2009, dal 30/01/2009)

Linea Palazzolo S/O - Paratico Sarnico:

Segnale di partenza della stazione di Paratico Sarnico (di fatto inattivo)

Compartimento di Bologna

Linea Fidenza - Salsomaggiore Terme Segnale di avviso della stazione di Salsomaggiore (mostra sempre l'aspetto: avviso di via impedita)

Segnale di protezione della stazione di Salsomaggiore (mostra sempre l'aspetto: via libera con avviso di via impedita)

Compartimento di Firenze

Linea Asciano - Monte Antico

Segnali di II Categoria della stazione di Monte Amiata (tolti d'opera, come da CC 03/2009, dal 10/03/2009)

Compartimento di Roma

Linea Orte - Capranica [il traffico viaggiatori e merci è sospeso dal 1994]

Segnali di II Categoria della stazione di Ronciglione

Segnali di II Categoria della stazione di Caprarola 

Compartimento di Ancona

Linea Carpinone - Sulmona [attualmente il traffico viaggiatori è sospeso]

Segnali di II Categoria della stazione di Castel di Sangro

Segnali di II Categoria della stazione di Roccaraso

Compartimento di Napoli

 Linea Benevento - Avellino - Sarno - Cancello:

Segnali di avviso e protezione della stazione di Avellino

Segnale di partenza a candeliere della stazione di Avellino (comanda le partenze per Rocchetta S.A.L. e Benevento)

Segnale di partenza di Avellino lato Cancello

Linea Rocchetta S.A.L. - Avellino:  [attualmente il traffico viaggiatori è sospeso]

Segnali di avviso e protezione della stazione di Avellino

Compartimento di Bari

Linea Rocchetta S.A.L. - Gioia del Colle

Segnali di avviso,protezione e partenza della stazione di Spinazzola

 
Di Francesco Bloisi (del 16/12/2011 @ 00:30:14, in Approfondimenti&Curiosità, visualizzato 1011 volte)

La velocità con cui vengono completati i lavori sui mezzi storici dipende secondo me dal modo in cui si distribuiscono (quantitativamente) gli appassionati (esterni alle associazioni) di una data regione in varie categorie:

Appassionato del tipo A: (quello che ha il poster di Stakanov in camera, voleva fare il ferroviere ma i suoi l’hanno mandato a studiare per diventare Notaio, poveraccio): si fa il mazzo a sverniciare, sgrassare, riparare, riverniciare, ritoccare, lavare. E quando esce la macchina se ne vanta giustamente (categoria a2: “se ne vanta a sproposito come se l’avesse costruita lui”) e la fotografa in continuazione (categoria a2: “la fotografa dieci volte al giorno, solo lei, su ogni singolo spezzone di binario, possibilmente affiancata “casualmente” ad altro mezzo di rilevante interesse, anche 20 volte al giorno”.)

Appassionato del tipo B: (quello che non si sporca le mani a faticare tutto il giorno in deposito) Non partecipa affatto ai lavori, ma apprezza il lavoro altrui; gli piacerebbe partecipare ma non può (categoria b1: veramente potrebbe, ma fa finta di essere una persona altrimenti impegnata; quando la macchina esce, loda l’iniziativa e fa qualche bella foto (categoria b2: fa solo qualche foto e se ne frega di chi ha lavorato sulla macchina, neanche li conosce e se li conosce a limite li saluta e gli chiede se gliela mettono sulla rotonda in buona luce). Per il resto: sta rigorosamente ZITTO.

Appassionato del tipo C: (quello che fa il vago ma alla fine gli piace) Non partecipa affatto: non vede perché dovrebbe: c’è già qualcun altro che fatica al posto suo. Nel frattempo parla, si lamenta in vari modi. Quando la macchina esce prende dallo scaffale qualche libro e contesta la posizione delle modanature, gli spigoli del fregio che non sono come quelli della foto inedita in suo possesso, rileva nel numero di bulloni un falso storico intollerabile; però, se vede la macchina in testa ad un treno, pianta l’auto sulla terza corsia della tangenziale con le quattro frecce e scatta una raffica di 9fps: se qualcuno glielo chiede: non l’ha vista; se l’ha vista non l’ha riconosciuta perché era buio; se c’era dormiva e se non dormiva, comunque una foto l’ho fatta “ma sarà venuta male” e in fondo “di quei mezzi lì non me ne frega niente”.

Appassionato del tipo D: (quello che realmente non glienefrega niente). Ha 24000 lastre e 144mila diapo degli anni Settanta (anche se poi l’80% sono scattate a treni in movimento a 1/125 di sec. e dei treni si vede solo la scia) e quindi ha le foto di quando quelle macchine erano VERAMENTE in quel modo, “queste sono solo finte, non mi interessano, anzi mi infastidiscono”. Deride chi se ne interessa.

Appassionato del tipo E: (quello che gira col catalogo Roco sotto il braccio anche in spiaggia) “Con questa iniziativa dovrò spendere dei soldi per acquistare il modello serie chicchiricchì ultra-limitata (salvo poi scoprire che lo stesso modello viene qualche mese dopo messo in vendita come modello normale a metà prezzo) e ciò nonostante trovo l’iniziativa simpatica”.

Appassionato del tipo F: (quello che ci vuole fare i soldi) Finanzia la riverniciatura e conta di rifarsi (giustamente) producendo la ricoloritura del modello in HO.

Appassionato del tipo G: (l’adorabile sprovveduto) Vede il mezzo e scrive su un forum: “scusate, ho visto una 646 (652? 428? 326?) tutto strano tipo verde come c’erano quando avevo 10 anni e mi sembrava tipo Treno Azzurro però tutta verde con lo stemma vecchio vecchio: non credevo ce ne fossero ancora!

Appassionato del tipo H: (ferroviere in pensione/appassionato fanfarone). A sentirlo parlare ha fatto il Vapore, ma poi parlando con qualche suo collega scopri che al massimo ha fatto 1/2 giorni in manovra con una 835 o 940 e poi si diede malato, dice di aver fatto il Vapore a Cremona, che lui sì che viaggiava con Diretti impegnativi, ma se poi guardi le fiancate orario di quelle linee negli anni '70 scopri che c'erano molti treni impostati a 50/60 km/h con 2/3 vetture. Di quello che lui sì che faceva i merci pesanti con le 735, ma alla fine indagando salta fuori che erano treni materiali con 2 o 3 carri di pietrisco. Quello che sa tutto su riparazioni, manutenzione, ecc, e poi al massimo una volta, perdendo una scommessa, ha dato una mano al manovale a smontare le portine per fare il lavaggio caldaia. Quello che viaggiava costantemente con il manometro a 10 perchè altrimenti a lavorare a 12 si comprometteva la tenuta delle guarniture. Quello che se smonti un iniettore per revisionarlo ti dà addosso perché: "fin che va lascialo stare, che poi se si rompe chi lo aggiusta più? non ci sono più le officine di una volta"... Quello che i giovani vanno bene per le loco moderne, "il vapore lasciatelo a noi vecchi", e quando anche loro non ci saranno più dovremo tagliare a fettine tutte le locomotive a vapore preservate perché chi le porterà adesso? E via di questo passo.

A volte le varie tipologie si mescolano, involontariamente o per calcolo, per convenienza, a seconda delle situazioni o degli interlocutori.

 
Di Francesco Bloisi (del 17/12/2011 @ 10:32:40, in Approfondimenti&Curiosità, visualizzato 1197 volte)

Di seguito alcuni consigli per tutti gli aspiranti fotografi in ambito ferroviario: non la solita barbosa lezione, ma un pò di sano umorismo che racchiude saggi consigli. Anche se con l'avvento del digitale alcuni ndi essi potranno sembrare superati, è sempre bene tenere a mente alcune fondamentali "nozioni fer-fotografiche!"...

Fotografi in Ferrovia? Da più di dieci giorni? Hai già capito che il sole possibilmente deve stare alle spalle? Hai già capito che i pali vanno scansati? Hai capito come tenere dritto l'orizzonte usando altri punti di riferimento? Hai capito che se scatti a meno di 1/250 è probabile che un treno in transito ti venga leggermente mosso? Hai capito come si mette a fuoco? hai capito cosa sono il diaframma e l'otturatore? Hai imparato a non tagliare i respingenti delle locomotive quando le fotografi? Hai studiato trigonometria e geometria per capire l'incidenza futura delle ombre dei pali (e dei segnali a portale!) prima che queste si manifestino nelle ore successive proiettandosi sul sedime? Ti sei dotato di pellicole di media qualità? Usi una macchina abbastanza affidabile? Conosci a menadito gli orari di tutti gli Interzona e di tutti gli Straordinari per Trasporti Militari? Hai capito come celarti dietro una colonna nelle fermate della Roma - Lido per fotografare i mezzi senza farti "sgamare" dai feroci vigilantes? Hai imparato l'antica e preziosa arte del digiuno tantrico quando sei in linea e non c'è assolutamente modo per pranzare? Hai imparato che si va in bagno prima che il sole sorga, perchè poi non ci sarà tempo altrimenti il merci ti passa mentre sei all'albero? Hai capito che se ti piazzi in mezzo ai binari ai macchinisti gli prende un colpo e tutto ciò non è affatto corretto? Hai compreso che se c'è qualcuno che fa le riprese con la videocamera devi stare zitto fino a quando il treno non scompare all'orizzonte? Hai capito che devi, in quel caso, anche staccare la suoneria "Guerre Stellari" del telefonino? Hai imparato a considerare l'ombra che proietti tu stesso, con tanto di macchina fotografica, borsa, zaino ecc. sul binario? Hai imparato che non si dice: "Speriamo che sia pulito" in attesa del treno? Oppure "Speriamo che il tempo tenga"? Hai imparato che se il tizio A sta fotografando a 50m dalla galleria, tu NON PUOI metterti a 48m perchè gli vieni in mezzo! Hai imparato a conoscere la dinamica delle correnti ascensionali, dell'interazione tra alta e bassa pressione, umidità relativa ecc, per capire se la giornata sarà buona dal punto di vista meteo-climatico? Hai imparato ad anticipare la nuvola di Fantozzi "zoomando" o "telando" sul treno che a 2km di distanza è ancora in luce? Hai imparato a metterci qualcos'altro nella foto, oltre al treno? Hai imparato che è normale gettare via 4 foto su 10 a causa delle macchine che ti incrociano il tram all'ultimo momento? Hai imparato a guardare fuori dal mirino dietro di te e a valutare la velocità di pedoni e veicoli per calcolare se avrai la possibilità di scattare senza rischio? Hai imparato a transennare il binario 18 di Termini in piena notte per evitare che durante l'ultimo dei 25'' di posa B un portabagagli ti si piazzi davanti al muso dell'ETR.500 in livrea Banca Marche, al tuo sesto tentativo di fare la medesima foto? Hai imparato che non ci sono solo i TAF e le 464 ma che anche un Kof o un locomotore della marmifera di Lasa è qualcosa di molto (più) interessante? Hai imparato che se scendi da una MDVC climatizzata a -21° ad agosto a Taormina, ti ritrovi per sbalzo termico l'obbiettivo appannato per 10' (il tempo che ti scorrono i primi e unici due merci in luce con 636 e poi và tutto apposto). Hai imparato che se c'è un treno a vapore tutti ti chiederanno di fagli la foto accanto? Hai imparato delle scuse da spararti quando il decimo ferroviere in un giorno ti chiede di fagli la foto col cane o vicino alla macchina che sta lavando abusivamente sul piazzale con la pompa FS? Hai imparato che ci vuole rispetto per le persone che in ferrovia ci lavorano mentre tu sei lì a divertirti? Voglio dire: hai imparato a comportarti secondo buon senso? Hai imparato a buttare via le foto venute troppo male? Hai imparato che non sempre ci sono le condizioni per fare una buona foto? Hai capito che se c'è molta gente che fa le foto meglio di te forse non è SOLO perchè ha milioni di attrezzatura? Hai imparato che se attraversi a raso i binari insieme ad altre 20 persone tu sarai l'unico ad essere fermato? Hai imparato a sorridere alla celebre frase "Non si possono fare le foto, eh!". Hai imparato che non si svitano nè si riavvitano i bulloni dalle rotaie? Hai imparato che NON SI FREGANO le targhe dalle locomotive? Hai imparato a tollerare gli insulti dei ferrovieri e le sterili diatribe con la Polfer? Hai imparato ad abbozzare a frasi del tipo "ah, ma fotografa treni? E perchè? Ma perchè non fotografa donne nude?" (o peggio: ma perchè non ti trovi una ragazza?" - non ho parole -). Sei mai tornato con la ragazza/moglie/fidanzato-gay dal tizio che te l'aveva detto? Hai imparato a tollerare (molto) cristianamente l'incompetenza degli addetti ai mini-lab che si intendono "fotografi" senza aver mai tenuto in mano neanche la la macchinetta che si trova in regalo nei fustini del Dash? Ti sei mai sdraiato su una panchina o su un marciapiede fradicio per fare una foto notturna dell'ultima ALe 582 rossa non - xmpr? Sei riuscito a trovare un laboratorio che ti intelai le diapositive senza graffiartele e ti stampi le foto senza colori marziani? Hai imparato a convivere e combattere per quanto possibile tutte le sorgenti di sfiga legate alle leggi di Murphy applicate alle foto in ferrovia? A questo punto, pensi di essere al sicuro. Niente affatto. Un pericolo ultimo e invalicabile ti attende al varco: Iscriviti anche tu alla associazione senza fini di lucro ARVF-Onlus- Argh (ASSOCIAZIONE RAILFANS VITTIME DEL FOTOLITO). Non pensare che la cosa non ti riguardi: inscriviti anche in via preventiva! Prima o poi, tocca a tutti! Il prossimo, purtroppo, potresti essere tu. Se una tua foto è stata violentata in modo selvaggio, rivolgiti a noi: ti doteremo di un fucile a pompa per entrare nei centri di scansione professionali (?), diretti responsabili di questo crimine per consentirti di farti giustizia sommaria da te. : - ) No intermediari. Basta con le lunghe trafile giudiziarie! Immediata soddisfazione. Utile anche come anti-stress. Raid programmati ogni mese. (ps: uno, nella vita, sceglie di fare un mestiere: se non sa fare neanche quello, che ci sta a fare al mondo? E' questo l'elemento base che legittima la nostra ira furente e la giusta e sanguinosa reazione...). Il fotolito scadente è in killer silenzioso e subdolo che ti fredda vigliaccamente alle spalle e non ti dà modo di reagire. E' come un calcio di rigore (inesistente) che ti fischiano contro al 96' sullo 0-0. Non c'è possibilità di recupero. Te la puoi prendere con l'arbitro, ma intanto sul tabellino esce che hai perso 1-0... il resto, è un dettaglio.

 
Di Omar Cugini (del 20/12/2011 @ 15:53:05, in Approfondimenti&Curiosità, visualizzato 3933 volte)

Poche, pochissime novità nel trasporto regionale e alcuni discutibili tagli di linee secondarie. Vediamo la situazione regione per regione:

Piemonte: Resta praticamente invariata l’offerta commerciale sulle linee piemontesi con l’eccezione delle linee Torino – Milano, Biella - Milano, Torino -Bardonecchia e Torino – Susa. Sulla linea Torino – Milano, aspettando il ritorno della concorrenza di Arenaways, viene aggiunta di una coppia di Regionali Veloci Torino – Milano che porterà la frequenza nelle ore di punta ad un treno ogni 20-25 minuti. Due coppie di treni regionali diretti collegheranno Biella a Milano Porta Garibaldi e viceversa. Infine da Torino, poi, al minuto 20 di ogni ora partirà un treno per Bardonecchia. Altrettanto al minuto 45 per Susa. Restano i disagi per i viaggiatori diretti ad Aosta a causa del divieto di transito di mezzi diesel nella nuova stazione di Torino Porta Susa che costringe a cambiare treno a Chivasso od Aosta. Sempre a rischio chiusura con un’offerta ferroviaria a dir poco asmatica la Ceva – Ormea,mentre restano sospese,ufficialmente a cusa di gallerie pericolanti, le  linee Mortara - Casale Monferrato - Asti ed Asti - Chivasso

Lombardia: una delle poche regioni virtuose che non ha effettuato tagli al servizio ferroviario, affidando, tra l'altro, il trasporto regionale al consorzio “Trenord” formato da Trenitalia e Ferrovie Nord Milano

Trentino Alto-Adige: nessuna variazione di rilievo per i servizi gestiti da Trenitalia. Da segnalare l'ottimo servizio svolto dalla SAD in Val Pusteria e sulla Merano - Malles, ex ramo secco FS risorto a nuova vita grazie agli investimenti della Provincia Autonoma di Bolzano

Veneto: il servizio viene “razionalizzato “ con la soppressione dei treni R 5754, R 5757, R 11122 e R 11129 nel tratto Belluno - Ponte nelle Alpi; R 6254 e R 6261 nel tratto Poggio Rusco - Verona; R 20651 e R 2694 nel tratto Legnago – Rovigo. Soppressione richiesta, a detta di Trenitalia, dal “Committente del Contratto di Servizio Regione Veneto”

Friuli Venezia Giulia: l’unica novità è l’introduzione di una coppia di treni pomeridiani sulla linea Casarsa – Portogruaro, a beneficio dell’utenza scolastica

Liguria: nessuna novità, se si eccettua la modifica del R11295 a cui sono state assegnate le fermate di Rapallo e Chiavari ed eliminate quelle di Sturla, Quarto, Quinto, Nervi e Recco. Emilia Romagna: poche le novità con l'offerta che rimane sostanzialmente invariata. Diventano più veloci i collegamenti tra Bologna e Venezia con i treni che, pur mantenendo lo stesso numero di fermate, vedono diminuire i tempi di percorrenza da un minimo di 10 ad un massimo di 16 minuti

Emilia Romagna: poche novità e drastica riduzione del servizio sulla linea Cremona - Piacenza (dove restano in servizio due sole coppie di treni) e soppressioni di treni sulla linea Cremona - Fidenza

Toscana: una delle poche regioni virtuose, da sempre attenta alle problematiche del trasporto su ferro grazie all'interessamento della giunta regionale, la Toscana vede l'istituzione di nuove coppie di collegamenti veloci sulle linee Firenze – Siena, Siena – Chiusi, Firenze - Prato – Pistoia ed nuovo collegamento veloce Sulla linea Chiusi – Arezzo – Firenze. Siena sarà collegata a Firenze da due Regionali Veloci in un’ora e otto minuti, quasi un terzo del tempo in meno rispetto alla media attuale. Il primo, originario da Grosseto, partirà da Siena alle 6.29 con arrivo a Firenze S.M.N. alle 7.37e fermata a Firenze Rifredi. Il secondo partirà da Firenze S.M.N. alle 18.40, fermerà a Firenze Rifredi e arriverà a Siena alle 19.48, da dove proseguirà fino a Grosseto. I nuovi treni non avranno impatto negativo sui pendolari della Valdelsa e dell’empolese. Sarà infatti inserito un nuovo treno, un vero e proprio "Treno della Valdelsa" che partirà da Poggibonsi alle 6.54 e arriverà a Firenze alle 7.52 con fermate nelle stazioni di Certaldo, Castelfiorentino, Empoli e Firenze Rifredi ad orari pressoché analoghi all’attuale 3030. Sulla linea Siena – Chiusi viene istituiti un Regionale Veloce in partenza da Chiusi alle 6.45 con arrivo a Siena alle 7.50, mentre da Siena il rientro è previsto alle 17.43 con arrivo a Chiusi alle 18.48. Novità anche sulla Firenze – Prato – Pistoia, dove si potrà viaggiare da Pistoia a Firenze in 30 minuti, con una sola fermata intermedia a Prato. Il primo servizio parte da Pistoia alle 7.03 del mattino (arrivo a Firenze alle 7.33), mentre il rientro da Firenze è alle 17.56 (arrivo a Pistoia alle 18.26). Infine nuovo collegamento regionale veloce da Chiusi per Firenze in partenza da Chiusi alle 7.53, con fermata ad Arezzo 8.35 e arrivo a Firenze alle 9.32. Al rientro i pendolari con carta Tutto Treno Toscana potranno utilizzare l’IC 589, che modifica l’orario fermando a Firenze Rifredi alle 17.47 e a Firenze Campo Marte alle 18.06, con arrivo ad Arezzo alle 18.35 e a Chiusi alle 19.11. Resta fuori dalle modifiche la Cecina - Saline di Volterra, che sembra ormai essere dimenticata continuando a vedere confermata l'asmatica offerta di treni nelle ore mattutine, rimpiazzati da bus nel pomeriggio e sulla quale aleggia ormai da anni lo spettro della chiusura.

Marche: in questa regione,in maniera piuttosto "criptica", Trenitalia informa che sono stati "razionalizzati alcuni servizi secondo le richieste del Committente del Contratto di Servizio Regione Marche" senza però specificare quali essi siano. Unici dati certi è sono la chiusura  della Fabriano - Pergola, già sospesa prima del cambio d'orario, ed una riduzione dell'offerta ferroviaria sulla linea Civitanova - Macerata

Umbria: altra regione dove si registrano diverse novità, a partire dalla conferma dei 2 Intercity che collegano Terni direttamente con Milano (IC 580 in partenza da Terni alle 5,08 con arrivo a Milano alle 12,10 e IC 599 in partenza dalla città meneghina alle 17,45 ed arrivo a Terni alle 00,35) e la rimodulazione dell’offerta dei collegamenti verso Roma ed Ancona con la riclassificazione di 2 coppie di treni della Roma- Ancona e di 1 coppia della Perugia-Roma da Eurostar in Intercity. Scelta praticamente obbligata vista la passività dei servizi che vengono così inseriti nel servizio universale, sovvenzionato dallo stato. Segno evidente che non sempre "spennare" i viaggiatori con servizi Eurostar sia una scelta vincente. Per quanto riguarda il trasporto regionale il nuovo orario riconferma tutti i volumi di traffico verso Roma, Terontola-Firenze ed Ancona. Tutti i collegamenti diretti tra l’Umbria e la Capitale continueranno a percorrere la Linea Direttissima tra Orte e Roma e avranno come stazione di arrivo e di partenza quella di Roma Termini. Viene riprogrammata l’offerta tra le ore 12 e le 14 per 3 treni che da Roma raggiungono l’Umbria, che sono stati posticipati per facilitare il rientro della clientela pendolare.

Si tratta dei treni

• Reg 2482 in partenza da Roma Termini alle 12,13 con arrivo a Foligno alle 14,03: fermate intermedie in Umbria a Nera Montoro (13,04), Narni-Amelia (13,09), Terni (13,18), Spoleto (13,41) e Trevi alle 13,53

• Reg 2322 in partenza da Roma Termini alle 13,28 per Ancona (17,36) con fermate a Nera Montoro (14,18), Narni-Amelia (14,23), Terni (14,33), Baiano di Spoleto (14,51), Spoleto (14,58), Trevi (15,09), Foligno (15,21), Nocera Umbra (15,44), Gualdo Tadino (15,58) e Fossato di Vico alle 16,05

• Reg 21626 in partenza da Termini alle 14,18 con arrivo a Foligno alle 16,05: fermate intermedie a Narni-Amelia (15,12), Terni (15,22), Baiano di Spoleto (15,40) e Spoleto (15,47).

Riprogrammati, sempre da Roma, anche 3 treni tra le ore 16 e le 19:

 • Reg 2324 in partenza da Roma Termini alle 16,18 per Ancona (20,13), con fermate intermedie a Nera Montoro (17,13), Narni-Amelia (17,17), Terni (17,26), Baiano di Spoleto (17,44), Spoleto (17,51), Trevi (18,01), Foligno (18,13), Nocera Umbra (18,29), Gualdo Tadino (18,43) e Fossato di Vico alle 18,49

• Reg 12122 in partenza da Roma alle 16,48 per Foligno (18,30), con fermate intermedie a Narni-Amelia (17,36), Terni (17,44), Baiano di Spoleto (18,01), Spoleto (18,08) e Trevi alle 18,20

• Reg 2484 in partenza dalla Capitale alle 17,35 e diretto a Perugia (20,17), con fermate a Nera Montoro (18,25), Narni-Amelia (18,30), Terni (18,39), Spoleto (19,10), Trevi (19,21), Foligno (19,31), Spello (19,38), Assisi (19,47), Bastia (19,54) e Perugia Ponte San Giovanni alle 20,07. Sulla Terontola-Foligno è stato infine modificato l’orario del Reg 12103 in partenza da Terontola alle 8,26 per Foligno (9,56) per venire incontro alle esigenze degli studenti della facoltà di Ingegneria dell’Ateneo perugino, che potranno utilizzare questo treno (fermata a Perugia Università alle 9,05) per arrivare in tempo con l’inizio delle lezioni.

Lazio: sostanzialmente invariata l’offerta del trasporto regionale con la conferma dei treni già presenti nello scorso orario. L’unica novità, inutile per i pendolari, è il ritorno del Leonardo Express al binario 24 di Roma Termini,con l’introduzione, su questo collegamento, di nuovi convogli di tipo “Minuetto” (cfr http://www.ilmondodeitreni.it/dblog/articolo.asp?articolo=149 ) . Restano insoluti i disagi quotidiani dei pendolari che quotidianamente utilizzano i servizi delle FR, come emerso anche dal recente rapporto “Pendolaria” di Legambiente che assegna il poco ambito “Trofeo Caronte” alla linea FR3 Roma – Viterbo distintasi nel corso del 2010 per le peggiori “performance di viaggio”, seguita dalla linea FR2 Roma – Tivoli e dalla FR8 Nettuno – Roma. Ai pendolari non resta che sperare in un futuro migliore, quando, come comunicato da Trenitalia “l’ attuale offerta sarà oggetto di verifica nei prossimi mesi in relazione all’effettiva congruenza con le risorse disponibili da parte del committente Regione alla luce dell'ultima manovra finanziaria” anche se gli annunciati tagli annunciati dal governo potrebbero portare spiacevoli sorprese.

Abruzzo: da sempre una delle regioni meno attente al trasporto ferroviario, distintasi in passato più per scelte quantomeno discutibili (vedi gli eterni lavori sulla rete della Ferrovia Sangritana) che per aver puntato sul trasporto ferroviario. E,anche con il nuovo orario la Regione continua a dare il peggio di se tagliando servizi ferroviari. Quella che Trenitalia dichiara essere stata una “razionalizzazione dei servizi regionali” altro non è che incapacità di studiare orari migliori per l’utenza ed una concreta integrazione tra vettori,ad ulteriore dimostrazione del totale disinteresse anche di Trenitalia nei confronti del trasporto locale. Ad aggravare il tutto c’è la consueta ed assurda sospensione estiva sulla linea Sulmona - L’Aquila dal 23 luglio al 26 agosto 2012, mentre sulla linea Avezzano - Roccasecca la circolazione sarà sospesa dal 15 luglio al 9 settembre 2012

Campania: il nuovo orario non porta alcuna novità per i pendolari campani

Molise: La nuova offerta regionale nel Molise porta pochissime novità per i pendolari,confermando nella quasi totalità i precedenti treni, compresa l’assurda eliminazione delle corse ferroviarie Sulmona – Carpinone – Isernia. D’intesa con l’assessorato Regionale ai Trasporti sono state però apportate alcune modifiche su richiesta dalla clientela tramite le Associazioni dei Consumatori:

 •sulla relazione Campobasso - Roma, nei giorni festivi, è stata anticipata l’ora di partenza del treno 22217 dalle 17.00 alle 16.30, in modo da consentire, un più agevole rientro dei pendolari molisani nella Capitale, oltre che per favorire le coincidenze con treni diretti verso nord;

•sulla relazione Roma – Campobasso, è stato anticipato, l’arrivo a Isernia dalle 8.27 alle 8.17 ed a Campobasso dalle 9.23 alle 9.15, con una riduzione, del tempo di percorrenza complessivo di 10 minuti a Isernia e 8 minuti a Campobasso;

•sulla relazione Isernia - Vairano, è stata prolungata da Venafro fino a Vairano la corsa bus CB 107 in partenza da Isernia alla 16.30, con arrivo a Vairano alle 17.30 in coincidenza con collegamento per Caserta/Napoli;

•sulla relazione Campobasso – Termoli, è stato modificato l’orario del treno 8122 per agevolare la coincidenza con il treno in arrivo da Roma e a Termoli, consente il proseguimento per Milano con il nuovo treno IC in partenza alle ore 11.26;

•sulla relazione Termoli – Campobasso, è stata ritardata la partenza del treno 8129 dalle 14.38 alle ore 15.00 per consentire le coincidenze con i treni IC in arrivo alle 14.26 da Milano e alle 14.40 da Lecce; l’arrivo alle 16.39 a Campobasso permette il proseguimento col treno 2379 delle ore 17.00 per Roma

Puglia: i drastici tagli dei treni a lunga percorrenza, molto utilizzati dai pendolari pugliesi, e le minacciate soppressioni di treni regionali hanno provocato il deciso intervento della Regione,con l’Assessore Regionale ai Trasporti, Minervini, accorso subito a Roma per discutere con Trenitalia le modifiche urgenti del servizio. Incontro molto fruttuoso che ha portato Trenitalia a potenzierà l’offerta nella fascia pendolare del mattino sulla linea Lecce-Bari e a modifiche degli orari e delle fermate di alcuni treni regionali sulla linea Bari – Taranto per andare incontro alle esigenze dei pendolari. Sulla linea Lecce – Bari da viene istituito un nuovo treno regionale (R12618) con partenza da Lecce alle 7.08 ed arrivo a Bari Centrale alle 8.45 effettuando fermate intermedie a Trepuzzi, Squinzano, San Pietro Vernotico, Brindisi, Fasano e Monopoli. Da Bari Centrale partirà un nuovo treno regionale (R12619) alle 12.00 che fermerà a Monopoli, Fasano, Brindisi e arriverà a Lecce alle 13.28. Il treno regionale veloce in partenza da Lecce alle 7.57 sarà posticipato di cinque minuti: partirà alle 8.02 per arrivare a Bari Centrale alle 9.31. Sulla linea Bari – Taranto le novità più significative riguardano quattro treni regionali in partenza da Bari nella fascia pendolare del pomeriggio. Nel dettaglio:

• il treno R12633 partirà da Bari Centrale alle 14.20 ed effettuerà fermate a Modugno Città, Bitetto, Grumo Appula, Acquaviva con arrivo a Gioia del Colle alle 15.03;

 • il treno R12635 partirà da Bari Centrale alle 14.43 e fermerà a Gioia del Colle, Castellaneta, Palagianello, Palagiano Mottola, Massafra con arrivo a Taranto alle 15.58:

• il treno R22455 partirà alle 17.20 da Bari Centrale e fermerà a Modugno Città, Bitetto, Grumo Appula, Acquaviva con arrivo a Gioia del Colle alle 18.02;

• il treno R12645 partirà da Bari Centrale alle 17.40 e fermerà a Gioia del Colle, Castellaneta, Palagianello, Palagiano Mottola, Massafra con arrivo a Taranto alle 18.55.

Inoltre, sempre l’impegno della Regione, ha portato Trenitalia, dal 23 di dicembre, a lanciare una nuova tariffa per i treni notte tra la Puglia e il Nord del Paese. Questa nuova tariffa sarà data dalla combinazione del prezzo del treno notte (che come noto, col nuovo orario coprirà la tratta Puglia-Bologna Centrale), e il nuovo prezzo scontato dei treni ad Alta Velocità (che completeranno l’intero percorso coprendo il tragitto tra Bologna e Milano/Torino/Venezia). In questo modo le nuove tariffe saranno pressoché in linea con il vecchio sistema di prezzi in vigore fino al 10 dicembre scorso, quando cioè i treni notte percorrevano l’intera tratta Puglia-Torino/Milano/Venezia. Resta però confermata la riduzione del servizio sulla linea Spinazzola - Gioia del Colle

Calabria: Il comunicato di Trenitalia fa sapere che “la Direzione Regionale Calabria, in considerazione dei buoni risultati ottenuti anche grazie alle novità introdotte nell’orario in corso, riproporrà per l’orario 2011-2012 la stessa offerta ferroviaria (con i necessari aggiustamenti), come concordato con la Regione, in attesa di conoscere le determinazioni della Regione stessa sugli eventuali tagli di produzione che potrebbero essere richiesti” . E quest’ultima frase potrebbe togliere il sonno a molti pendolari che potrebbero vedersi sopprimere all’improvviso il loro treno…

Sicilia:nessuna novità per i collegamenti regionali

Sardegna: l'unica novità del nuovo orario è l'istituzione di due nuovi Regionali Veloci tra Cagliari ed Olbia

 

Dall'analisi appare sempre più evidente la necessità sia di maggiori investimenti da parte delle regioni verso il trasporto su ferro, sia la necessità,per le regioni, di attuare le gare per l'affidamento del servizio a soggetti diversi da Ferrovie dello Stato/Trenitalia, ormai sempre più palesemente interessate solo ai c.d. "servizi a mercato"

 
Pagine: 1 2 3
Ci sono 1329 persone collegate

< maggio 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aggiornamenti del Sito (5)
Approfondimenti&Curiosità (29)
Autobus di Roma (28)
Il viaggio del "Caritas Express" (5)
Il viaggio inaugurale di .Italo (15)
Inaugurazione Stazione Tiburtina AV (13)
La pagina dei Link (2)
News (374)
News Circolazione Ferroviaria (51)
News Ferrovie Estero (72)
News Roma Tiburtina (11)
Nuovo Orario Ferroviario 2012 - 2013 (21)
Nuovo Orario Ferroviario 2013 - 2014 (17)
presentazione nuovo frecciarossa (16)
Speciale "Caritas Express" (18)
Video (2)

Catalogati per mese:
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022
Settembre 2022
Ottobre 2022
Novembre 2022
Dicembre 2022
Gennaio 2023
Febbraio 2023
Marzo 2023
Aprile 2023
Maggio 2023
Giugno 2023
Luglio 2023
Agosto 2023
Settembre 2023
Ottobre 2023
Novembre 2023
Dicembre 2023
Gennaio 2024
Febbraio 2024
Marzo 2024
Aprile 2024
Maggio 2024

Gli articoli più letti



Titolo
Ilmondodeitreni.it




21/05/2024 @ 12:41:57
script eseguito in 87 ms