Immagine
 051-422-057 in Via del Torraccio di Torrenova. La tratta ora è interessata dai lavori per la ... di Omar Cugini
 
"
Non dalla ricchezza nasce la virtù, ma che dalla virtù deriva, piuttosto, ogni ricchezza e ogni bene, per l'individuo come per gli stati.

Platone
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Redazione Ilmondodeitreni.it (del 05/12/2011 @ 20:33:29, in News, visualizzato 1383 volte)

Per scongiurare l'assurda chiusura della linea Sulmona - Castel di Sangro, vittima come la tratta Castel di Sangro - Carpinone del disinteresse degli enti locali e della politica del gruppo Ferrovie dello Stato, ormai rivolta sopratutto solo ai servizi AV,Ilmondodeitreni.it sostiene  con forza l'iniziativa dell'Associazione Le Rotaie Molise che invita tutta la popolazione interessata, l'Assessore ai trasporti della Regione Abruzzo Morra, l'AD del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Mauro Moretti, i rappresentanti della DTR Abruzzo di Trenitalia, i Sindaci dei paesi interessati, i turisti e gli appassionati di ferrovia a partecipare al viaggio di sabato 10 dicembre a bordo del treno 3347 oppure, agli orari indicati, nelle seguenti Stazioni dove effettuerà fermata: Sulmona ore 16:00 ed ore 20:00; Campo di Giove ore 16:31 ed ore 19:32; Palena ore 16:47 ed ore 19:10; Rivisondoli-Pescocostanzo ore 16:55 ed ore 19:08; Roccaraso ore 16:58 ed ore 19:01 Alfedena-Scontrone ore 17:14 ed ore 18:43; Castel di Sangro ore 17:22 ed ore 18:35.  Tutti insieme per dire a gran voce NO alla chiusura della ferrovia, NO all'ennesimo regalo al trasporto su gomma. La "Transiberiana d'Italia" non deve e non può morire! L'attuale scarsa utenza è solo frutto di una disattenta programmazione dei servizi, che di fatto scoraggiano qualsiasi uso del treno. Chiediamo un rapido passo indietro ed un incontro con Regione,Trenitalia e Sangritana insieme agli amminsitratori locali,pendolari e sindacati per definire una strategia di rilancio della linea,anche alla luce dei costosi lavori intrapresi per unificare le stazioni di Castel di Sangro

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Omar Cugini (del 02/12/2011 @ 15:45:42, in News, visualizzato 808 volte)

Leonardo Express a Fiumicino AeroportoPresentato oggi a Roma Termini, alla presenza della Presidente della Regione Lazio Renata Polverini e dell'Amministratore delegato di Ferrovie dello Stato,Mauro Moretti, il nuovo Leonardo Express, il treno che collega la Capitale con l'Aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino. Il nuovo servizio, recentemente rinnovato nell'ambito del contratto di servizio tra Regione Lazio e Trenitalia, vedrà la luce dal prossimo 11 dicembre, in occasione del cambio di orario. Le novità che troveranno pendoalri e turisti sono sostanziali: un nuovo binario a Roma Termini, il 24, interamente dedicato al Leonardo Express con segnaletica ad hoc e personale di assistenza, e nuovo materiale rotabile. La scelta è caduta su una coppia di Minuetto Elettrico (ALe 501/502)sui quali si è intervenuto ampliando lo spazio destinato ai bagagli. L'offerta di posti a sedere, 280 per treno, è perfettamente coerente con la domanda effettiva registrata nel corso degli anni sul servizio Leonardo Express. "L'impegno della Regione - ha commentato la Presidente della Regione Lazio Renata Polverini - è stato quello di migliorare il servizio per l'aeroporto, finora non all'altezza delle richieste della clientale. La scelta di attestare i servizi al binario 24 - ha concluso la Polverini - è stata dettata dalla volontà di migliorare l'interscambio con i mezzi pubblici e gli altri servizi ferroviari" Per l'Amministratore Delegato di Trenitalia, Vincenzo Soprano "i nuovi treni rispondono in pieno alle richieste fatte dalla Regione Lazio, specie in tema di accessibilità per i disabili. Il nostro impegno resta quello di proseguire il miglioramento del servizio attraverso un dialogo costante con la Regione Lazio"

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Omar Cugini (del 01/12/2011 @ 15:40:28, in News, visualizzato 735 volte)

SMOG, CESMOT: "CONTRO INQUINAMENTO SERVE POLITICA DI TRASPORTI, TARGHE ALTERNE INUTILI"

Nonostante le promesse del sindaco Alemanno di alcuni anni fa, Roma torna a circolare a targhe alterne. Una decisione che sostanzialmente ben poco fa sia per l'inquinamento che per il traffico. Da un'indagine fatta per le strade della capitale nella prima fascia del provvedimento, ben poca cosa è stata la riduzione del flusso di macchine in città, così come tanti sono stati i veicoli a targa dispari in circolazione nonostante il divieto. Roma muore di traffico ed inquinamento e questo è purtroppo un dato evidente. Una lenta agonia causata dalla mancanza di provvedimenti strutturali seri e di nuovi investimenti nel settore del trasporto pubblico. Invece di adottare provvedimenti discutibili come le targhe alterne, ci si prenda per una volta una responsabilità impopolare con un blocco totale del traffico. Con le strade libere ed i mezzi pubblici non più stritolati dalla morsa dei veicoli privati respirerebbe la città e almeno per una volta autobus e tram riuscirebbero, ben potenziati, a svolgere un servizio degno di questo nome. E' evidente che serve un nuovo piano del traffico capace di scardinare la necessità del mezzo privato e contestualmente attuare una rivoluzione nella mobilità urbana incentrata sul rilancio del trasporto su ferro, che sia tram, metro o ferrovia urbana. A breve rientreremo in campagna elettorale e inizieremo a vedere proposte di grandi progetti, da tutti gli schieramenti politici, per il rilancio del trasporto pubblico. E' vero, viviamo un momento di grande crisi economica, ma anche da questi investimenti può partire la rinascita. Per una Roma più Capitale nei trasporti, nella lotta all'inquinamento e nella vivibilità.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Nei primi sei mesi dell’anno le FFS hanno portato a destinazione i loro clienti con la massima puntualità e sicurezza. Il 91,6% (+2,9% rispetto al 2010) dei treni ha fatto registrare meno di tre minuti di ritardo, garantendo così il rispetto della coincidenza nel 97,8% dei casi (+0,3%). Inoltre si è verificato un numero inferiore di incidenti di treno, di manovra e infortuni professionali. Ogni giorno circa 960000 persone hanno viaggiato con le FFS (+3,5%). Incrementi dell’efficienza ed effetti straordinari unici hanno fatto sì che il risultato si attestasse ai livelli dell’anno precedente, con 166,5 mio di CHF. Grazie a una serie di programmi per un valore pari a circa 550 mio di CHF, le FFS puntano nei prossimi anni ad aumentare ulteriormente l’efficienza e la produttività. Con l’aiuto di altri introiti supplementari le FFS saranno così in grado di compensare i maggiori prezzi delle tracce, di provvedere autonomamente agli investimenti nel nuovo materiale rotabile necessario per gestire l’incremento di mobilità e allo stesso tempo di stabilizzare il loro indebitamento. Le FFS sono riuscite a migliorare del 2,9% la puntualità dei clienti rispetto all’anno precedente. Il 91,6% dei treni è infatti arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo. In questo modo le FFS sono riuscite a garantire il rispetto delle coincidenze nel 97,8% dei casi (+0,3%), superando così per la prima volta l’obiettivo del 97,5% che si erano prefisse. Fortunatamente anche il livello della sicurezza è cresciuto: sia il numero degli incidenti di treno e di manovra che quello degli infortuni di lavoro si è ridotto rispetto al 2010. Nel primo semestre del 2011 le FFS hanno trasportato complessivamente quasi 175 milioni di passeggeri, cioè circa 960000 al giorno. Ciò significa che il loro numero è aumentato ancora una volta del 3,5%, o di 5,9 milioni, rispetto al primo semestre del 2010. Nello stesso periodo di riferimento il numero di titolari di AG è aumentato di 18600 (+4,6%) attestandosi a 423600, mentre quello dei titolari di metà-prezzo ha visto un incremento di 53000 unità (+2,3%) passando a quota 2,34 milioni. Incremento delle prestazioni nel traffico a lunga percorrenza come in quello regionale Le FFS hanno ulteriormente incrementato le loro prestazioni sia nel traffico a lunga percorrenza (ad esempio maggior numero di collegamenti per Vienna e Parigi, più treni tra Zurigo e Coira) che nel traffico regionale (ampliando tra l’altro l’offerta nella regione di Zurigo e istituendo nuovi treni nella Svizzera romanda). Di conseguenza il numero dei viaggiatori-chilometro transitati è passato a 8,7 miliardi (+2,6%). Nel traffico merci il numero di tonnellate-chilometro nette si è ridotto del 3,6%, passando così a 6,4 miliardi. Anche in termini di sostenibilità sul piano ecologico, uno dei nove obiettivi del Gruppo, le FFS sono sulla strada giusta. Le misure di efficienza energetica introdotte hanno permesso sino ad oggi di ridurre il consumo di corrente di 133 GWh l’anno, l’equivalente dei consumi energetici di 33250 famiglie nell’arco di dodici mesi. Il risultato consolidato si attesta al livello dello scorso anno Con 166,5 mio di CHF, nei primi sei mesi del 2011 le FFS hanno ottenuto un risultato consolidato paragonabile a quello dello scorso anno (2010: 165,9 mio). Oltre ai proventi delle attività operative, pari a 121,5 mio di CHF, a questo risultato hanno contribuito effetti straordinari nell’ordine di 45 mio (tra l’altro le vendite anticipate di immobili per il valore di 16 mio di CHF). Nel traffico viaggiatori il risultato è peggiorato di circa 60 mio di CHF rispetto al 2010, scendendo così a 94,4 mio di CHF. Gli introiti supplementari ottenuti dall’aumento delle tariffe e dall’incremento del traffico (+60 mio rispetto al 2010) sono stati vanificati in primo luogo da oneri aggiuntivi dovuti a maggiori prezzi di traccia ( –44 mio), maggiori costi del personale, ammortamenti ed effetti finanziari. Il risultato di Infrastruttura si è attestato a 31,5 mio di CHF (2010: –11,2 mio), quello di Immobili a 32 mio di CHF (2010: 64,4 mio) e quello del traffico merci a –7,2 mio di CHF (2010: –49,5 mio). Rispetto al primo semestre del 2010 FFS Cargo, grazie a importanti effetti straordinari e una produttività incrementata, ha migliorato il proprio risultato di 42,3 mio di CHF. FFS Cargo ha ridotto i costi operativi grazie a incrementi d’efficienza, riuscendo così a compensare eccessivamente il minore ricavo d’esercizio (–25 mio). Questa diminuzione del ricavo è riconducibile alla debolezza dell’euro, alla cessazione di attività non redditizie e ai fallimenti di importanti clienti. Le FFS incrementeranno ulteriormente la produttività e l’efficienza Per far fronte all’aumento della domanda, nei prossimi anni le FFS dovranno investire circa un miliardo di franchi l’anno in nuovo materiale rotabile. A ciò si aggiungeranno ulteriori aumenti dei prezzi di traccia di circa 170 mio di CHF l’anno a partire dal 2013 e altri circa 85 mio di CHF a partire dal 2017. Per essere in grado di affrontare queste sfide le FFS dovranno potenziare la loro capacità di reddito – se ciò non accadesse, l’attuale indebitamento soggetto a interessi di 8 mia di CHF circa potrebbe aumentare ulteriormente. Per scongiurare questo rischio è necessario incrementare gli introiti, ma anche potenziare ulteriormente l’efficienza e la produttività. Le FFS intendono tenere conto di questo obiettivo con misure pari a circa 550 mio di CHF. Entro il 2017 le FFS ridurranno di circa 220 mio di CHF o di un quinto le loro spese strutturali e amministrative. Questo programma è stato concordato in linea di principio con la Commissione del personale e i partner sociali e viene attualmente discusso con loro nell’ambito di uno stretto dialogo. Nel settore del traffico merci verranno inoltre attuate misure di risanamento del valore di 80 mio di CHF. Entro il 2016 le FFS contano inoltre di ottenere incrementi di efficienza tali da migliorare di 250 mio di CHF la prestazione del settore Infrastruttura, così da gravare meno sui poteri pubblici. Ampliamento dell’offerta nel traffico regionale e a lunga percorrenza La Confederazione prevede che entro il 2030 la mobilità aumenterà del 50%, e addirittura del 100% negli agglomerati urbani. Per questo, anche in vista di un numero sempre crescente di passeggeri, le FFS intendono ampliare ulteriormente la loro offerta e le loro capacità nei prossimi anni. A partire dal 2012 nel traffico regionale verranno impiegati nuovi treni a due piani, mentre in quello a lunga percorrenza verranno introdotti nuovi treni bipiano di 400 metri di lunghezza. Nei grandi agglomerati circolerà un numero maggiore di veicoli della rete celere e nel traffico a lunga percorrenza verrà introdotto un orario più denso, in modo da garantire ad esempio corse a cadenza semioraria tra Zurigo e Sciaffusa. Con la messa in servizio del passante di Zurigo, della galleria di base del San Gottardo, delle nuove linee Cornavin–Eaux-Vives–Annemasse e Mendrisio–Varese, tra il 2013 e il 2016 sarà possibile ampliare ulteriormente e in misura sostanziale l’offerta negli agglomerati di Zurigo, Ginevra e Lugano, sull’intero asse est–ovest ma anche nel traffico nord–sud, riducendo anche di molto i tempi di percorrenza. I treni saranno inoltre dotati di maggiori comfort, quali prese elettriche in tutte le carrozze di 1a classe, migliore ricezione dei cellulari, prenotazioni elettroniche dei posti a sedere, informazioni visive per i viaggiatori e carrozze per famiglie in ogni Intercity. Oltre a ciò le FFS si stanno adoperando per modernizzare e sviluppare ulteriormente le stazioni e le aree ferroviarie nell’intero Paese. Le FFS a favore del Fondo per l’infrastruttura ferroviaria della Confederazione Nell’ambito del modello «Finanziamento e ampliamento dell’infrastruttura ferroviaria» (FAIF), il Consiglio federale propone che in futuro l’esercizio, la manutenzione e l’ampliamento del sistema ferroviario vengano finanziati attingendo a un unico fondo per l’infrastruttura ferroviaria. Le FFS si schierano apertamente a favore di questa iniziativa e si impegnano quindi a eliminare le impasse più urgenti sulla rete ferroviaria e a incrementare sensibilmente l’offerta di posti a sedere. Le FFS ritengono che per la prima fase di ampliamento da attuare entro il 2025 saranno necessari 5,7 mia di CHF. Assolutamente fondamentale in questo contesto è la costruzione della galleria del Chestenberg, che eliminerà il grave problema tra Olten e Zurigo e apporterà notevoli benefici all’intera rete ferroviaria. Un finanziamento solido e sostenibile dei trasporti pubblici richiede uno sforzo congiunto delle imprese ferroviarie, ma anche della clientela, della Confederazione e dei Cantoni, che trarranno grandi benefici da un sistema efficiente.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Teodoro Beccia (del 30/11/2011 @ 12:13:57, in News, visualizzato 847 volte)

Roma, 30 novembre 2011

Viaggiare in treno il sabato potrà ancora costare la metà, fino a fine febbraio. Dopo il successo di Sabato Italiano e CartaFreccia Day, che negli ultimi tre mesi hanno venduto, a metà prezzo, rispettivamente 235mila e 121mila biglietti (complessivamente quasi 900mila da Aprile 2011), Trenitalia (Gruppo FS Italiane) proroga di oltre due mesi le sue promozioni, che restano quindi valide per partenze fino al 25 febbraio 2012. Sarà così ancora possibile raggiungere tutti i maggiori capoluoghi italiani, con il 50% di risparmio, anche durante le prossime festività natalizie. Sabato Italiano permette, infatti, di viaggiare in due al prezzo di uno, pagando un solo biglietto “base” intero. CartaFreccia Day consente ai titolari della Fidelity Card di Trenitalia di viaggiare il sabato a metà prezzo, accumulando allo stesso tempo punti per vincere omaggi e premi. Entrambe le promozioni sono valide, fino ad esaurimento dei posti disponibili, su tutti i treni nazionali, in 1^ ed in 2^ classe, e sui livelli di servizio Business, Premium e Standard dei nuovi treni AV Frecciarossa. Sono esclusi dalla promozione i servizi cuccette, le Vetture Letto e le Vetture Excelsior. Grazie a Sabato Italiano e CartaFreccia Day il sabato si può viaggiare in Alta Velocità tra Roma e Milano a 45,50 euro, tra Roma e Venezia a 38 euro, tra Venezia e Bologna a 14,50 euro, tra Milano e Torino a 16 euro. E si potrà andare da Roma a Lecce con soli 31,50 euro e da Salerno a Firenze con 36,50 euro. I biglietti possono essere acquistati cliccando su Trenitalia.com, rivolgendosi alle biglietterie di stazione, alle agenzie di viaggio, al Call Center di Trenitalia (892021) oppure utilizzando le biglietterie self service.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Le Ferrovie Udine-Cividale hanno ottenuto nelle scorse settimane - da TÜV Italia, filiale nazionale del Gruppo TÜV SÜD - il rinnovo del certificato di qualità ISO 9001:2008, rilasciato per l'erogazione del servizio di trasporto passeggeri sulla linea ferroviaria Udine-Cividale, per la gestione delle manutenzioni delle infrastrutture e del materiale rotabile, nonché per l'erogazione del servizio di trasporto merci sulla propria linea e su quelle di RFI-Rete Ferroviaria Italiana. "Un apprezzamento da parte dell'ente di certificazione - ha osservato oggi l'assessore regionale alla Viabilità e ai Trasporti Riccardo Riccardi, nel corso di un incontro nella sede di FUC con l'amministratore unico Corrado Leonarduzzi - anche in considerazione dei notevoli cambiamenti organizzativi e degli sviluppi strategici che la società, a capitale interamente regionale, sta implementando, sia in chiave locale che internazionale". FUC nel 2010 ha percorso oltre 234.000 chilometri trasportando 432.000 viaggiatori, "e soprattutto negli ultimi anni ha centrato gli obiettivi della qualità di servizio, di un buon rapporto con la clientela servita, di ottime performance nella sicurezza e nella puntualità di viaggio", hanno confermato Riccardi e Leonarduzzi. Lo scorso anno infatti, secondo i "livelli di soddisfazione della clientela" diffusi dalla società, l'83 per cento del campione intervistato si è positivamente espresso sul comfort dei mezzi, l'88 per cento sulla puntualità di servizio, l'87 per cento sulla pulizia interna ed esterna delle carrozze e l'89 per cento rispetto alla diffusione e alla chiarezza delle informazioni all'utenza. "Obiettivi che puntiamo a confermare o incrementare, come nel caso della puntualità di servizio che vorremmo raggiungesse almeno il 90 per cento nel corso del 2011", hanno sottolineato Riccardi e Leonarduzzi.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Gabriele Palmieri (del 29/11/2011 @ 16:08:43, in News, visualizzato 1177 volte)

A partire da giovedì 24 novembre, gli orari delle linee Fer subiranno le seguenti variazioni:

Linea Reggio-Ciano

La partenza del treno 833 da Ciano verrà anticipata di otto minuti (dalle 6,32 alle 6,24). Ciò permetterà di giungere a Reggio alle 7,19, consentendo un più agevole spostamento su bus e navette verso altre destinazioni. I treni della fascia centrale verranno invece posticipati di cinque minuti, mentre non cambieranno gli orari dei treni del tardo pomeriggio e della sera. Nella direzione contraria, da Reggio a Ciano, il treno 832 sarà anticipato di cinque minuti con partenza alle 6,24 (anziché 6,29). I treni della sera non subiranno modifiche.

Linea Reggio-Sassuolo

Viene anticipata di dodici minuti (dalle 6,45 alle 6,33) la partenza del treno 877 diretto da Sassuolo a Reggio (nuovo arrivo alle 7,14): anche in questo caso, come per la linea Reggio-Ciano, l’anticipo faciliterà l’interscambio con i bus a Reggio. Anche il treno 879 delle 7,18 verrà anticipato alle 7,08. Viceversa i treni della fascia intermedia partiranno dopo: in particolare il 273 alle 14,01 (anziché 13,44); l'885 alle 15,11 (anziché 14,28) mentre il 275 verrà sostituito da un bus che partirà alle 16,10. In direzione Reggio Emilia-Sassuolo verranno anticipati tutti i primi treni della mattina: l'872 partirà alle 5,45 (invece che alle 6,00), l'874 alle 6,16 (anziché alle 6,28) e l'878 alle 6,48 (anziché alle 7,02). Nella fascia intermedia cambiano le partenze dei treni 270 (alle 13,15 e non più alle 13,00), 881 (14,15 anziché 13,40). Il 272 verrà infine sostituito da un bus con partenza alle ore 15,10.

Linea Reggio – Guastalla

Vengono anticipati i treni 805 e 809 in partenza da Guastalla ( rispettivamente alle ore 6.07 e 6.50 giungeranno a Reggio alle 6,57 e alle 7,33). I treni della metà giornata e del primo pomeriggio verranno posticipati di circa 10 minuti . Simmetricamente lo stesso cambiamento subiranno i servizi del collegamento Reggio-Guastalla.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Teodoro Beccia (del 29/11/2011 @ 15:56:56, in News, visualizzato 904 volte)

Per il secondo anno consecutivo i soci FrecciaClub di Trenitalia potranno scoprire il Franciacorta con il Berlucchi wine tasting. L’appuntamento è al rinnovato FrecciaClub di Roma Termini. Iniziato ieri, proseguirà oggi e domani, dalle 17 alle 20. Proprio qui, dopo il successo dell’edizione 2010, è possibile degustare il Franciacorta ’61 Saten e il celebre Cellarius Brut 2007 millesimato, della prestigiosa casa vinicola fondata 50 anni fa da Guido Berlucchi e Franco Ziliani, che ha recentemente ottenuto il prestigioso riconoscimento dei tre bicchieri del Gambero Rosso. Ma non è tutto. I clienti dell’Alta Velocità che partecipano alla degustazione potranno ricevere una bottiglia di Berlucchi a scelta tra il Franciacorta ‘61 Satèn e il Cellarius Brut. L’omaggio sarà recapitato direttamente a casa dei soci tra dicembre e gennaio, basta ritirare la speciale card Berlucchi e seguire le istruzioni. Il mese di dicembre infine, poco prima delle feste natalizie, Berlucchi salirà a bordo del Frecciarossa. Sullo speciale vagone ristorante del treno Alta Velocità di Trenitalia si potranno degustare le pregiate etichette dello spumante italiano per eccellenza.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesco Maria (del 28/11/2011 @ 22:12:11, in Approfondimenti&Curiosità, visualizzato 839 volte)

Roma, 28 novembre 2011

Il complesso ferroviario di Roma Tiburtina nasce negli anni ’40 al posto dell’esistente stazione di Portonaccio, costruita agli inizi del ‘900. Il progetto redatto dall’architetto Angiolo Mazzoni - approvato dal Ministero delle Comunicazioni il 30 giugno 1939 - prevedeva un’articolazione in più edifici, collegati tra loro da pensiline. A Tiburtina, per la prima volta, veniva adottata per il Fabbricato Stazione la tipologia “a piastra”, cioè lo sviluppo del fabbricato è a un solo livello. Il progetto Alta Velocità ha modificato il ruolo degli hub ferroviari. Non più solo luoghi di passaggio per chi arriva o parte, ma vere e proprie porte di accesso alle città. Infrastrutture chiave per riorganizzare e razionalizzare i flussi di traffico e snodi di scambio modale (treni, metropolitana, autobus e taxi). La stazione AV di Roma è stata individuata a Tiburtina perché passante sull’asse Nord–Sud e porta di accesso a Termini. Le nuove infrastrutture, pianificate e programmate, richiedevano anche un intervento di riqualificazione urbana di ambiti più estesi della semplice stazione. Per questo motivo FS e Città di Roma, nel 2000, hanno sottoscritto un Accordo di Programma per un nuovo Piano di Assetto urbanistico delle aree Tiburtina – Pietralata. Un Piano che includeva sia la nuova stazione da realizzare, sia aree ferroviarie, dismesse, e comunali. Un occasione per Ferrovie dello Stato per ridisegnare un intero ambito urbano, riprendendo la tradizione di inizio secolo. FS ritorna così a promuovere, con i concorsi internazionali di idee, la grande architettura di qualità. E il primo concorso ad essere bandito, nel 2011, è quello per Roma Tiburtina. A presiedere la giuria internazionale, chiamata a valutare i progetti presentati, è il professor Giuseppe Campos Venuti. Alla fase finale del concorso internazionale vengono ammessi i progetti degli architetti Francesco Purini, Otto Steidle, Aldo Aymonino e Paolo Desideri. Vincitore risulta lo studio ABDR di Paolo Desideri. Il progetto di Paolo Desideri prevede per la nuova stazione Tiburtina, sopra la “piastra-ponte”, una grande galleria che assolva contemporaneamente la funzione di stazione ferroviaria e quella di boulevard urbano. Il risultato è la creazione di una nuova centralità urbana capace di riconnettere due quartieri, Nomentano e Pietralata, storicamente separati dalla ferrovia.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Omar Cugini (del 28/11/2011 @ 22:00:31, in Inaugurazione Stazione Tiburtina AV, visualizzato 1018 volte)
L'intervento del Presidente del Comitato per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia Giuliano Amato
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 8643 persone collegate

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aggiornamenti del Sito (5)
Approfondimenti&Curiosità (29)
Autobus di Roma (28)
Il viaggio del "Caritas Express" (5)
Il viaggio inaugurale di .Italo (15)
Inaugurazione Stazione Tiburtina AV (13)
La pagina dei Link (2)
News (374)
News Circolazione Ferroviaria (51)
News Ferrovie Estero (72)
News Roma Tiburtina (11)
Nuovo Orario Ferroviario 2012 - 2013 (21)
Nuovo Orario Ferroviario 2013 - 2014 (17)
presentazione nuovo frecciarossa (16)
Speciale "Caritas Express" (18)
Video (2)

Catalogati per mese:
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019

Gli articoli più letti



Titolo
Ilmondodeitreni.it




15/10/2019 @ 08:01:24
script eseguito in 256 ms