I clienti FFS hanno viaggiato sicuri, con sempre maggiore frequenza e puntualità - Ilmondodeitreni.it
Immagine
 ASF 3150 (Iveco Europolis) in servizio sulla linea 4 (Como FS - Camnago Volta)... di Redazione Ilmondodeitreni.it
 
"
Vola solo chi osa farlo

Luis Sepulveda
"
 
\\ Home Page : Articolo
I clienti FFS hanno viaggiato sicuri, con sempre maggiore frequenza e puntualità
Di Gabriele Palmieri (del 30/11/2011 @ 13:47:07, in News Ferrovie Estero, visualizzato 913 volte)

Nei primi sei mesi dell’anno le FFS hanno portato a destinazione i loro clienti con la massima puntualità e sicurezza. Il 91,6% (+2,9% rispetto al 2010) dei treni ha fatto registrare meno di tre minuti di ritardo, garantendo così il rispetto della coincidenza nel 97,8% dei casi (+0,3%). Inoltre si è verificato un numero inferiore di incidenti di treno, di manovra e infortuni professionali. Ogni giorno circa 960000 persone hanno viaggiato con le FFS (+3,5%). Incrementi dell’efficienza ed effetti straordinari unici hanno fatto sì che il risultato si attestasse ai livelli dell’anno precedente, con 166,5 mio di CHF. Grazie a una serie di programmi per un valore pari a circa 550 mio di CHF, le FFS puntano nei prossimi anni ad aumentare ulteriormente l’efficienza e la produttività. Con l’aiuto di altri introiti supplementari le FFS saranno così in grado di compensare i maggiori prezzi delle tracce, di provvedere autonomamente agli investimenti nel nuovo materiale rotabile necessario per gestire l’incremento di mobilità e allo stesso tempo di stabilizzare il loro indebitamento. Le FFS sono riuscite a migliorare del 2,9% la puntualità dei clienti rispetto all’anno precedente. Il 91,6% dei treni è infatti arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo. In questo modo le FFS sono riuscite a garantire il rispetto delle coincidenze nel 97,8% dei casi (+0,3%), superando così per la prima volta l’obiettivo del 97,5% che si erano prefisse. Fortunatamente anche il livello della sicurezza è cresciuto: sia il numero degli incidenti di treno e di manovra che quello degli infortuni di lavoro si è ridotto rispetto al 2010. Nel primo semestre del 2011 le FFS hanno trasportato complessivamente quasi 175 milioni di passeggeri, cioè circa 960000 al giorno. Ciò significa che il loro numero è aumentato ancora una volta del 3,5%, o di 5,9 milioni, rispetto al primo semestre del 2010. Nello stesso periodo di riferimento il numero di titolari di AG è aumentato di 18600 (+4,6%) attestandosi a 423600, mentre quello dei titolari di metà-prezzo ha visto un incremento di 53000 unità (+2,3%) passando a quota 2,34 milioni. Incremento delle prestazioni nel traffico a lunga percorrenza come in quello regionale Le FFS hanno ulteriormente incrementato le loro prestazioni sia nel traffico a lunga percorrenza (ad esempio maggior numero di collegamenti per Vienna e Parigi, più treni tra Zurigo e Coira) che nel traffico regionale (ampliando tra l’altro l’offerta nella regione di Zurigo e istituendo nuovi treni nella Svizzera romanda). Di conseguenza il numero dei viaggiatori-chilometro transitati è passato a 8,7 miliardi (+2,6%). Nel traffico merci il numero di tonnellate-chilometro nette si è ridotto del 3,6%, passando così a 6,4 miliardi. Anche in termini di sostenibilità sul piano ecologico, uno dei nove obiettivi del Gruppo, le FFS sono sulla strada giusta. Le misure di efficienza energetica introdotte hanno permesso sino ad oggi di ridurre il consumo di corrente di 133 GWh l’anno, l’equivalente dei consumi energetici di 33250 famiglie nell’arco di dodici mesi. Il risultato consolidato si attesta al livello dello scorso anno Con 166,5 mio di CHF, nei primi sei mesi del 2011 le FFS hanno ottenuto un risultato consolidato paragonabile a quello dello scorso anno (2010: 165,9 mio). Oltre ai proventi delle attività operative, pari a 121,5 mio di CHF, a questo risultato hanno contribuito effetti straordinari nell’ordine di 45 mio (tra l’altro le vendite anticipate di immobili per il valore di 16 mio di CHF). Nel traffico viaggiatori il risultato è peggiorato di circa 60 mio di CHF rispetto al 2010, scendendo così a 94,4 mio di CHF. Gli introiti supplementari ottenuti dall’aumento delle tariffe e dall’incremento del traffico (+60 mio rispetto al 2010) sono stati vanificati in primo luogo da oneri aggiuntivi dovuti a maggiori prezzi di traccia ( –44 mio), maggiori costi del personale, ammortamenti ed effetti finanziari. Il risultato di Infrastruttura si è attestato a 31,5 mio di CHF (2010: –11,2 mio), quello di Immobili a 32 mio di CHF (2010: 64,4 mio) e quello del traffico merci a –7,2 mio di CHF (2010: –49,5 mio). Rispetto al primo semestre del 2010 FFS Cargo, grazie a importanti effetti straordinari e una produttività incrementata, ha migliorato il proprio risultato di 42,3 mio di CHF. FFS Cargo ha ridotto i costi operativi grazie a incrementi d’efficienza, riuscendo così a compensare eccessivamente il minore ricavo d’esercizio (–25 mio). Questa diminuzione del ricavo è riconducibile alla debolezza dell’euro, alla cessazione di attività non redditizie e ai fallimenti di importanti clienti. Le FFS incrementeranno ulteriormente la produttività e l’efficienza Per far fronte all’aumento della domanda, nei prossimi anni le FFS dovranno investire circa un miliardo di franchi l’anno in nuovo materiale rotabile. A ciò si aggiungeranno ulteriori aumenti dei prezzi di traccia di circa 170 mio di CHF l’anno a partire dal 2013 e altri circa 85 mio di CHF a partire dal 2017. Per essere in grado di affrontare queste sfide le FFS dovranno potenziare la loro capacità di reddito – se ciò non accadesse, l’attuale indebitamento soggetto a interessi di 8 mia di CHF circa potrebbe aumentare ulteriormente. Per scongiurare questo rischio è necessario incrementare gli introiti, ma anche potenziare ulteriormente l’efficienza e la produttività. Le FFS intendono tenere conto di questo obiettivo con misure pari a circa 550 mio di CHF. Entro il 2017 le FFS ridurranno di circa 220 mio di CHF o di un quinto le loro spese strutturali e amministrative. Questo programma è stato concordato in linea di principio con la Commissione del personale e i partner sociali e viene attualmente discusso con loro nell’ambito di uno stretto dialogo. Nel settore del traffico merci verranno inoltre attuate misure di risanamento del valore di 80 mio di CHF. Entro il 2016 le FFS contano inoltre di ottenere incrementi di efficienza tali da migliorare di 250 mio di CHF la prestazione del settore Infrastruttura, così da gravare meno sui poteri pubblici. Ampliamento dell’offerta nel traffico regionale e a lunga percorrenza La Confederazione prevede che entro il 2030 la mobilità aumenterà del 50%, e addirittura del 100% negli agglomerati urbani. Per questo, anche in vista di un numero sempre crescente di passeggeri, le FFS intendono ampliare ulteriormente la loro offerta e le loro capacità nei prossimi anni. A partire dal 2012 nel traffico regionale verranno impiegati nuovi treni a due piani, mentre in quello a lunga percorrenza verranno introdotti nuovi treni bipiano di 400 metri di lunghezza. Nei grandi agglomerati circolerà un numero maggiore di veicoli della rete celere e nel traffico a lunga percorrenza verrà introdotto un orario più denso, in modo da garantire ad esempio corse a cadenza semioraria tra Zurigo e Sciaffusa. Con la messa in servizio del passante di Zurigo, della galleria di base del San Gottardo, delle nuove linee Cornavin–Eaux-Vives–Annemasse e Mendrisio–Varese, tra il 2013 e il 2016 sarà possibile ampliare ulteriormente e in misura sostanziale l’offerta negli agglomerati di Zurigo, Ginevra e Lugano, sull’intero asse est–ovest ma anche nel traffico nord–sud, riducendo anche di molto i tempi di percorrenza. I treni saranno inoltre dotati di maggiori comfort, quali prese elettriche in tutte le carrozze di 1a classe, migliore ricezione dei cellulari, prenotazioni elettroniche dei posti a sedere, informazioni visive per i viaggiatori e carrozze per famiglie in ogni Intercity. Oltre a ciò le FFS si stanno adoperando per modernizzare e sviluppare ulteriormente le stazioni e le aree ferroviarie nell’intero Paese. Le FFS a favore del Fondo per l’infrastruttura ferroviaria della Confederazione Nell’ambito del modello «Finanziamento e ampliamento dell’infrastruttura ferroviaria» (FAIF), il Consiglio federale propone che in futuro l’esercizio, la manutenzione e l’ampliamento del sistema ferroviario vengano finanziati attingendo a un unico fondo per l’infrastruttura ferroviaria. Le FFS si schierano apertamente a favore di questa iniziativa e si impegnano quindi a eliminare le impasse più urgenti sulla rete ferroviaria e a incrementare sensibilmente l’offerta di posti a sedere. Le FFS ritengono che per la prima fase di ampliamento da attuare entro il 2025 saranno necessari 5,7 mia di CHF. Assolutamente fondamentale in questo contesto è la costruzione della galleria del Chestenberg, che eliminerà il grave problema tra Olten e Zurigo e apporterà notevoli benefici all’intera rete ferroviaria. Un finanziamento solido e sostenibile dei trasporti pubblici richiede uno sforzo congiunto delle imprese ferroviarie, ma anche della clientela, della Confederazione e dei Cantoni, che trarranno grandi benefici da un sistema efficiente.

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
Ci sono 1353 persone collegate

< marzo 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aggiornamenti del Sito (5)
Approfondimenti&Curiosità (29)
Autobus di Roma (28)
Il viaggio del "Caritas Express" (5)
Il viaggio inaugurale di .Italo (15)
Inaugurazione Stazione Tiburtina AV (13)
La pagina dei Link (2)
News (374)
News Circolazione Ferroviaria (51)
News Ferrovie Estero (72)
News Roma Tiburtina (11)
Nuovo Orario Ferroviario 2012 - 2013 (21)
Nuovo Orario Ferroviario 2013 - 2014 (17)
presentazione nuovo frecciarossa (16)
Speciale "Caritas Express" (18)
Video (2)

Catalogati per mese:
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020

Gli articoli più letti



Titolo
Ilmondodeitreni.it




29/03/2020 @ 07:42:56
script eseguito in 47 ms