Immagine
 051-422-057 in Via del Torraccio di Torrenova. La tratta ora è interessata dai lavori per la ... di Omar Cugini
 
"
Ti chiedi "Come mai?", ti chiedi "Quasi quasi?". "Dov'è la risposta?". La risposta non la devi cercare fuori, la risposta è dentro di te. E però è sbagliata!

Quelo
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Omar Cugini (del 01/02/2012 @ 13:02:52, in News, visualizzato 690 volte)

Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane sta garantendo la mobilita dei viaggiatori e la circolazione dei convogli su tutto il territorio nazionale, nonostante il gelo e le abbondanti nevicate in Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna e Toscana. L’offerta regionale nelle ore di punta del trasporto pendolare (6 – 9) non ha registrato particolari conseguenze con alcune isolate eccezioni e ritardi compresi tra i 10 e i 15 minuti. A partire dalle ore 9 – 9.30 in alcune aree si sono registrati ritardi anche consistenti a causa della neve che ha continuato a cadere abbondantemente sui binari e al gelo che ha provocato alcuni problemi tecnici ai treni e agli scambi. Le prossime ore cosiddette “di morbida” serviranno per recuperare, anche con cancellazioni, gli slittamenti di orario che si sono accumulati nel corso della mattina, in vista delle ore di punta del pomeriggio. Alcuni ritardi, compresi tra i 45 e gli 80 minuti, anche per alcuni treni AV a causa di problemi tecnici legati alle basse temperature risolti prontamente dalle squadre specializzate attive 24 ore su 24. Piemonte e Liguria Confermata tutta l'offerta commerciale. Le linee sono tutte operative con allungamenti dei tempi di viaggio tra i 15 e i 90 minuti dovuti sia alle abbondanti nevicate che al gelo. Sulla linea La Spezia - Genova circola 1 treno regionale ogni ora. Toscana Nella fascia pendolare ha viaggiato il 75% dei treni regionali. Le cancellazioni si sono verificate principalmente sulle linee Firenze – Pisa - Livorno e Firenze – Prato - Viareggio a causa delle abbondanti precipitazioni nevose che hanno investito in particolar modo i nodi di Livorno, Lucca e La Spezia. Emilia Romagna Nella fascia pendolare ha viaggiato il 75% dei treni regionali. Le cancellazioni si sono verificate principalmente sulle linee Bologna – Porretta, Bologna – Prato e Bologna – Ancona. Lombardia La circolazione dei treni è regolare, con qualche rallentamento. Interessate le linee Milano –Piacenza (ritardi tra i 30 e i 60 minuti) e Milano – Voghera (ritardi compresi fra i 15 e i 30 minuti). Triveneto Circolazione regolare in Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Nevica moderatamene solo a Trieste, ma senza conseguenze sul traffico ferroviario. Rallentamenti sulla linea Verona – Modena con ritardi dei treni regionali fino a 20 minuti, per la nevicata in atto fra Soliera e Modena. ___________________________________________________________

Aggiornamenti e ulteriori comunicazioni saranno divulgati in tempo reale attraverso gli annunci di stazione, le locandine, a bordo treno, su FSNews.it, su FSNews Radio, su Trenitalia.com e sull’account Twitter @fsnews_it.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Omar Cugini (del 24/01/2012 @ 09:05:59, in News, visualizzato 1015 volte)

In seguito alla richiesta inoltrata dal Comune di Genazzano, la Cotral, sempre attenta alle esigenze dei propri utenti, istituisce, da mercoledì 25 gennaio 2012, una nuova fermata in via Valmontone, all’altezza del civico 20, per entrambe le direzioni. Gli utenti saranno informati anche attraverso avvisi regolarmente predisposti dalla Direttrice Roma – Frosinone.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Omar Cugini (del 16/01/2012 @ 11:12:02, in News, visualizzato 1019 volte)

Il filobus in Piazza ArgentoGiovedì 12 Gennaio resterà una data storica per il TPL leccese. Dopo "soli" 1708 giorni di ritardo sulla data prefissata ed una lunga ed inesauribile coda di polemiche e inchieste giudiziarie su presunte tangenti, è finalmente partito il servizio filoviario. Partenza alle ore 06:52 (in realtà si è partiti alle ore 7),con a bordo, vista l'ora e la scarsa pubblicità data all'evento, solo il presidente di SGM, Giovanni Peyla, e la stampa. Un pò meglio è andata la seconda inaugurazione,avvenuta alle ore 9.30, che ha registrato la presenza anche di un discreto numero di cittadini, ai quali il Presidente Peyla ha offerto un buffet a base di dolci leccesi. Colpevolmente assenti in entrambe le inaugurazioni le autorità cittadine,ma si è trattato di un'assenza in certi versi annunicata annunciata: da molto tempo l'attuale sindaco di Lecce, Paolo Perrone, che era vicesindaco nella giunta Poli Bortone che approvò l'opera, da lungo tempo ha preso misteriosamente le distanze dell'opera,arrivando anche ad affermare,forse abbastanza avventatamente, che se l'inchiesta giudiziaria attualmente in corso accerterà irregolarità nella realizzazione dell'opera si impegnerà a smantellare l'opera. Proclami politici a parte la realtà è che per il momento la montagna ha partorito un topolino: delle tre linee previste dal progetto per ora il servizio sarà attivo su una sola linea, quella che sul progetto era identificata con il numero 3 e che è stata numerata 29, numero mancante tra quelli delle altre corse cittadine. Il percorso si snoda tra Porta Napoli e la Stazione, passando per Viale Calasso - Largo Bastioni - Viale De Pietro - Viale XXV Luglio e Viale Lo Re (all’andata) / Viale Otranto e Viale Cavallotti (al ritorno) – Viale Gallipoli - Viale Oronzo Quarta. Il percorso completo è di 6,4 km. Per i primi tre mesi, al fine di pubblicizzare il nuovo mezzo di trasporto e convincere i leccesi ad abbandonare l'automobile, il servizio sarà gratuito, con tre mezzi impiegati, più uno di riserva, per frequenza di circa 15 minuti. la nuova linea 29 ripresa in Via CavallottiNonostante l'impegno e gli sforzi di SGM, che più di tutti si è impegnata per arrivare all'attivazione della linea, il futuro della filovia leccese resta ancora non ben definito. Se per i 4 filobus ancora fermi in deposito l'entrata in servizio potrebbe essere imminente, dopo l'intervento dei tecnici della Van Hool previsto per la fine del mese, non ci sono tempistiche definite per l'arrivo dei restanti quattro filobus, attualmente fermi in Germania presso la Vossloh,ufficialmente per verifiche tecniche. Nessuna tempistica neanche per l'attivazione delle restanti due linee previste, la cui attivazione dipende dal comune, che,come già visto, non si è dimostrato molto entusiasta, così come molti cittadini, del nuovo mezzo. Altra incognita sul futuro della filovia sono i costi di gestione, in quanto attualmente la filovia leccese non è stata ancora inserita nel piano dei servizi minimi previsti della Regione Puglia e quindi non gode ancora di quote di finanziamento come TPL. Ora che il primo passo è stato fatto resta la speranza che il filobus possa giocare un importante ruolo nella mobilità leccese, facendo entrare la città salentina nella ristretta cerchia delle "città elettriche" . Aspettando, sempre in Puglia, il ritorno del filobus a Bari.

Massimo Di Giulio

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Redazione Ilmondodeitreni.it (del 14/01/2012 @ 09:29:56, in News, visualizzato 891 volte)

Le atlete e lo staff tecnico della squadra di calcio femminile del Torino hanno scelto il treno ad Alta Velocità di Trenitalia per raggiungere la Capitale, in occasione del match del Campionato femminile di Serie A con la Lazio. La partita è in programma oggi, sabato 14 gennaio, allo stadio Borghesiana di Roma. Giocatrici, staff tecnico e accompagnatori sono partiti stamani alle 7.55 da Torino Porta Susa e, dopo 4 ore di viaggio, sono arrivati a Roma Termini, da dove ripartiranno in serata per fare ritorno al capoluogo piemontese. Come molti altri clienti, i componenti del team sportivo piemontese hanno usufruito delle particolari offerte di Trenitalia; in particolare quella che permette, il sabato, di viaggiare in coppia spendendo la metà (Sabato Italiano )

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Omar Cugini (del 13/01/2012 @ 08:55:12, in News, visualizzato 827 volte)

Sui treni della Toscana, al fine di potenziare e migliorare il servizio di pulizia, normalmente svolto quando il treno è fermo, è nato SPRINT, il nuovo Servizio Pulitore Regionale In Treno, messo a punto da Regione Toscana e Trenitalia. Si tratta di un servizio analogo a quello previsto a bordo dei treni Frecciarossa e Frecciargento che la Toscana, prima regione in Italia, estende ora ai treni dei pendolari. Il pulitore, dipendente delle ditte appaltatrici che già svolgono per Trenitalia i servizi di pulizia, sarà presente sui treni a maggior frequentazione. Fra i suoi compiti pulire e igienizzare le toilette, i vestiboli e le maniglie delle porte di salita, svuotare i portarifiuti e areare le vetture durante le soste nelle stazioni, ma potrà intervenire su richiesta nei caso di specifici problemi o anomalie.

"Migliorare la qualità del viaggio sui treni utilizzati dai pendolari è possibile - spiega l'assessore regionale ai trasporti Luca Ceccobao - nonostante il momento di crisi economica e le risorse limitate che abbiamo a disposizione. Avevamo chiesto a Trenitalia di elaborare un progetto innovativo per migliorare la pulizia dei treni e, di conseguenza, il comfort del viaggio. Questa risposta ci sembra interessante e positiva, perché oltre a integrare il programma attuale di pulizia dei mezzi, aumenta la presenza di personale a bordo e garantisce un rapporto diretto tra chi effettua il servizio e chi ne fruisce". “Abbiamo accolto volentieri la sollecitazione della Regione – aggiunge il direttore regionale di Trenitalia Gianluca Scarpellini – inserendola in un insieme di azioni già avviate per il miglioramento del decoro e del comfort in treno: fra queste la presenza fissa di ispettori col compito di verificare la corretta esecuzione delle pulizie prima della partenza dei convogli e l’installazione di erogatori di profumo in alcune vetture. Da questa nuova figura di pulitore a bordo, il cui costo è interamente sostenuto da Trenitalia, ci aspettiamo un ulteriore salto di qualità per migliorare il servizio offerto ai nostri passeggeri.” Gli operatori in servizio saranno quattro, di cui due con base a Firenze, uno a Siena e uno a Pisa, e garantiranno il servizio su un totale di oltre 80 treni (tra i più importanti della Regione) per un impegno giornaliero su circa 30 treni. La loro attività si concentrerà, in particolare, nelle ore pomeridiane, ovvero quando i treni hanno già effettuato più corse e trasportato molti viaggiatori. I pulitori saranno riconoscibili dalla divisa e identificabili grazie a un cartellino con l’indicazione della ditta di appartenenza. La Regione Toscana e Trenitalia valuteranno, sulla base del gradimento espresso dai passeggeri in questa prima fase, il proseguimento e l’eventuale estensione del servizio.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Omar Cugini (del 29/12/2011 @ 20:02:20, in News, visualizzato 878 volte)

 

 Il mondo del calcio della Serie bwin sceglie il treno per le trasferte. Lega Serie B e Trenitalia (Gruppo FS Italiane) hanno siglato un accordo che prevede riduzioni fino al 30% e altri vantaggi, come un’accoglienza dedicata in partenza e in arrivo nelle stazioni, per le ventidue formazioni della Serie bwin del Campionato 2011 – 2012. Gli spostamenti, effettuati in treno, diventano così più sicuri, veloci, ma anche più confortevoli e rispettosi dell’ambiente. Anche i clienti di Trenitalia, che seguiranno in treno la trasferta della loro squadra del cuore, potranno approfittare di una particolare offerta: acquistare 2 biglietti per l’ingresso allo stadio al prezzo di uno e, viaggiando di sabato, spendere la metà. Sarà sufficiente che tra la data del viaggio in treno e quella della partita non intercorrano più di tre giorni. L’offerta è valida per Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca, Intercity o Eurostar con destinazione le città del campionato della Serie bwin. Sconto identico, due ticket per lo stadio al prezzo di uno, anche per i clienti Cartafreccia. Il sabato, giorno in cui si giocano prevalentemente le partite della Serie bwin, anche il costo del viaggio in treno potrà ridursi della metà. Grazie infatti all’offerta Sabato Italiano: si può viaggiare in 2 al prezzo di 1. Analoga iniziativa per i titolari di Cartafreccia che il sabato, con l’offerta Cartafreccia Day, viaggiano pagando il 50% in meno. I biglietti in promozione, disponibili in numero limitato, possono essere acquistati su www.diagramma.info/trenitalia oppure su http://www.legaserieb.it/it/trenitalia e utilizzando i servizi di ticketing online del network Diagramma. La Cartafreccia o il biglietto Trenitalia dovranno essere esibiti, a richiesta, insieme alla mail che conferma la regolarità dell’operazione. Tutte le informazioni utili su www.trenitalia.it e su www.legaserieb.it

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

In relazione a quanto comunicato da NTV, RFI precisa di aver richiamato i gestori delle stazioni, Grandi Stazioni e Centostazioni, ad evitare per ragioni di sicurezza che barriere costituite da desk fissi e mobili, totem ed altre postazioni commerciali possano ostacolare, in caso di pericolo, il rapido ed ordinato deflusso delle persone nelle stazioni. Il richiamo è stato fatto verificando che, mentre cresce l’affluenza di cittadini nelle stazioni (affluenza che nel periodo natalizio porterà ad una vera e propria congestione delle stazioni), stavano aumentando strutture che possono rappresentare vere e proprie barriere agli effetti del sicuro deflusso. Una situazione che tutti possono direttamente verificare

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Rosso, come il colore assegnato all’Italia nelle prime competizioni automobilistiche dopo la seconda guerra mondiale. Rosso, perché è il colore della velocità. E Italo, il nuovo treno di NTV - Nuovo Trasporto Viaggiatori, la prima compagnia fondata da Luca di Montezemolo, Diego Della Valle, Gianni Punzo e Giuseppe Sciarrone destinata a fare concorrenza al monopolista FS sui servizi viaggiatori . Il nuovo treno, che usa lo stesso sistema di trazione del treno Alstom detentore del record mondiale della velocità con 575 Km/h, ha tutti i titoli per indossare una livrea rossa. Rossa bordeaux, più propriamente, impreziosita da una elegante banda d'oro, che come un filo conduttore accompagna le 11 carrozze del treno, legandole l'una con l'altra con la bandiera tricolore. Il nome, che richiama l'italianità del treno,è stato scelto da quasi 40 mila navigatori con un sondaggio lanciato dal sito aziendale e racchiude non solo l'identità, la filosofia e il progetto dell'impresa, ma interpreta anche il sogno, il sentimento e l'impegno degli azionisti verso l'Italia. Imprenditori che sono espressione di un Paese maestro di stile di vita, di alta qualità, di design, di genialità e di innovazione. Il brand Italo è tutto questo, con grande immediatezza. Il logo si coniuga poi con le caratteristiche stilistiche e formali del concept prescelto: il leprotto, rappresentato nello slancio della sua corsa. La figura snella, di profilo, trasmette un messaggio di velocità e di agilità, proprie del servizio Italo. L'essenzialità del tratto infonde la sensazione di forza e leggerezza e interpreta così i caratteri innovativi del nuovo treno e le attese dei Viaggiatori: Italo è veloce, sicuro, ecologico e agile. E dal momento che il leprotto è comunemente percepito, in tutte le culture, come un animale simpatico, rassicurante e docile, di conseguenza Italo è l’amico di cui ti puoi fidare e che ti accompagna fedele nel viaggio. Lo stile del logo rimanda anch'esso all'idea di velocità, sinuosità e flessibilità proprie del leprotto. Il punto in testa riecheggia invece sia l’innovazione tecnologica, sia un nuovo punto (e a capo) di partenza: l’inizio di un nuovo modo di viaggiare. Con Italo. Il nuovo treno presterà collegherà 9 città italiane e 12 stazioni, lungo le seguenti due linee: Italo collega 9 città italiane e 12 stazioni, lungo le seguenti due linee: Italo collega 9 città italiane e 12 stazioni, lungo le seguenti due linee: Italo collega 9 città italiane e 12 stazioni, lungo le seguenti due linee: TORINO - BOLOGNA - FIRENZE - ROMA - NAPOLI - SALERNO e VENEZIA - PADOVA - BOLOGNA - FIRENZE - ROMA. La scelta delle stazioni di Roma e Milano è innovativa rispetto alla tradizione di queste due città. A Roma I terminali di Italo sono due: Roma Tiburtina, che è la nuova grande stazione AV della capitale e che costituirà il terminale principale di Italo; Roma Ostiense, che ha una funzione complementare a Tiburtina: serve una zona della città, quella Sud, Sud-Ovest, particolarmente importante per i viaggi di affari e di lavoro, dalla quale Termini e Tiburtina non sono facilmente raggiungibili. Anche a Milano Italo ha due terminali del tutto innovativi: Porta Garibaldi, che costituisce il principale terminal milanese di Italo, è collocata in zona centrale, all'interno del più importante progetto di riqualificazione della città (il nuovo Quartiere Isola); Rogoredo, che ha una funzione complementare a Porta Garibaldi, è posizionata in zona periferica e quindi facilmente accessibile da tutto l'hinterland milanese. A regime, ovvero una volta completata la consegna dei 25 treni, ogni giorno saranno effettuati 50 viaggi per un totale di circa 12 milioni di treni-km all'anno. 

Maggiori informazioni su.Italo, sui futuri servizi ed una descrizione dettagliata degli interni sono disponibili sul sito ufficiale di ntv (http://www.ntv.it) e sul sito ferrovie.it (http://www.ferrovie.it)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Redazione Ilmondodeitreni.it (del 20/12/2011 @ 19:24:04, in News, visualizzato 1075 volte)

I desk di NTV a Roma TerminiNTV denuncia i gravi episodi che stanno avvenendo in queste ore nelle stazioni di Milano Centrale e Porta Garibaldi, dove si sta materialmente impedendo l’installazione dei desk informativi di supporto all’attività di promozione e informazione ai viaggiatori, nonostante l’intervenuta sottoscrizione di un regolare contratto in merito con i Grandi Stazioni e Cento Stazioni, società che gestiscono gli spazi di tali stazioni. Dopo la presentazione del treno ITALO a Nola, il 13 dicembre scorso, il piano di lancio di NTV prevede infatti attività di promozione con distribuzione di materiale informativo ai viaggiatori nelle seguenti stazioni italiane: Milano, stazione Centrale e Porta Garibaldi, Bologna, Firenze SMN, Roma Termini e Napoli Centrale. NTV, già nei giorni scorsi, ha regolarmente installato i primi desk nelle stazioni di Roma Termini e Napoli Centrale, e da oggi è presente anche a Firenze e Bologna. L’iniziativa ha riscosso subito un grandissimo interesse del pubblico. Tanto calore da parte dei viaggiatori ha però probabilmente provocato fastidio, dal momento che, su disposizione di RFI, i Gestori hanno chiesto, in assenza di ogni plausibile giustificazione, l’immediata sospensione di tutte le iniziative relative alla campagna di comunicazione, impedendo agli operatori di NTV di installare i desk nelle due stazioni di Milano. Grandi Stazioni ha addirittura chiesto la rimozione delle strutture già installate nelle altre stazioni. NTV, sulla scorta di quanto previsto contrattualmente, è determinata a non piegarsi a tale illegittima imposizione e, quindi, a non rimuovere le strutture installate, proseguendo la propria campagna promozionale pure nelle stazioni di Milano, presidiando gli spazi con il proprio personale, anche in assenza dei desk di supporto. NTV ha immediatamente denunciato al vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Mario Ciaccia, il comportamento grave e illegittimo, che costituisce un’evidente violazione non solo degli impegni contrattualmente assunti dai predetti gestori delle stazioni, ma anche dei basilari principi di uguaglianza e di libera iniziativa, e ha avviato le opportune azioni di tutela legale dei propri diritti.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Omar Cugini (del 20/12/2011 @ 15:53:05, in Approfondimenti&Curiosità, visualizzato 3447 volte)

Poche, pochissime novità nel trasporto regionale e alcuni discutibili tagli di linee secondarie. Vediamo la situazione regione per regione:

Piemonte: Resta praticamente invariata l’offerta commerciale sulle linee piemontesi con l’eccezione delle linee Torino – Milano, Biella - Milano, Torino -Bardonecchia e Torino – Susa. Sulla linea Torino – Milano, aspettando il ritorno della concorrenza di Arenaways, viene aggiunta di una coppia di Regionali Veloci Torino – Milano che porterà la frequenza nelle ore di punta ad un treno ogni 20-25 minuti. Due coppie di treni regionali diretti collegheranno Biella a Milano Porta Garibaldi e viceversa. Infine da Torino, poi, al minuto 20 di ogni ora partirà un treno per Bardonecchia. Altrettanto al minuto 45 per Susa. Restano i disagi per i viaggiatori diretti ad Aosta a causa del divieto di transito di mezzi diesel nella nuova stazione di Torino Porta Susa che costringe a cambiare treno a Chivasso od Aosta. Sempre a rischio chiusura con un’offerta ferroviaria a dir poco asmatica la Ceva – Ormea,mentre restano sospese,ufficialmente a cusa di gallerie pericolanti, le  linee Mortara - Casale Monferrato - Asti ed Asti - Chivasso

Lombardia: una delle poche regioni virtuose che non ha effettuato tagli al servizio ferroviario, affidando, tra l'altro, il trasporto regionale al consorzio “Trenord” formato da Trenitalia e Ferrovie Nord Milano

Trentino Alto-Adige: nessuna variazione di rilievo per i servizi gestiti da Trenitalia. Da segnalare l'ottimo servizio svolto dalla SAD in Val Pusteria e sulla Merano - Malles, ex ramo secco FS risorto a nuova vita grazie agli investimenti della Provincia Autonoma di Bolzano

Veneto: il servizio viene “razionalizzato “ con la soppressione dei treni R 5754, R 5757, R 11122 e R 11129 nel tratto Belluno - Ponte nelle Alpi; R 6254 e R 6261 nel tratto Poggio Rusco - Verona; R 20651 e R 2694 nel tratto Legnago – Rovigo. Soppressione richiesta, a detta di Trenitalia, dal “Committente del Contratto di Servizio Regione Veneto”

Friuli Venezia Giulia: l’unica novità è l’introduzione di una coppia di treni pomeridiani sulla linea Casarsa – Portogruaro, a beneficio dell’utenza scolastica

Liguria: nessuna novità, se si eccettua la modifica del R11295 a cui sono state assegnate le fermate di Rapallo e Chiavari ed eliminate quelle di Sturla, Quarto, Quinto, Nervi e Recco. Emilia Romagna: poche le novità con l'offerta che rimane sostanzialmente invariata. Diventano più veloci i collegamenti tra Bologna e Venezia con i treni che, pur mantenendo lo stesso numero di fermate, vedono diminuire i tempi di percorrenza da un minimo di 10 ad un massimo di 16 minuti

Emilia Romagna: poche novità e drastica riduzione del servizio sulla linea Cremona - Piacenza (dove restano in servizio due sole coppie di treni) e soppressioni di treni sulla linea Cremona - Fidenza

Toscana: una delle poche regioni virtuose, da sempre attenta alle problematiche del trasporto su ferro grazie all'interessamento della giunta regionale, la Toscana vede l'istituzione di nuove coppie di collegamenti veloci sulle linee Firenze – Siena, Siena – Chiusi, Firenze - Prato – Pistoia ed nuovo collegamento veloce Sulla linea Chiusi – Arezzo – Firenze. Siena sarà collegata a Firenze da due Regionali Veloci in un’ora e otto minuti, quasi un terzo del tempo in meno rispetto alla media attuale. Il primo, originario da Grosseto, partirà da Siena alle 6.29 con arrivo a Firenze S.M.N. alle 7.37e fermata a Firenze Rifredi. Il secondo partirà da Firenze S.M.N. alle 18.40, fermerà a Firenze Rifredi e arriverà a Siena alle 19.48, da dove proseguirà fino a Grosseto. I nuovi treni non avranno impatto negativo sui pendolari della Valdelsa e dell’empolese. Sarà infatti inserito un nuovo treno, un vero e proprio "Treno della Valdelsa" che partirà da Poggibonsi alle 6.54 e arriverà a Firenze alle 7.52 con fermate nelle stazioni di Certaldo, Castelfiorentino, Empoli e Firenze Rifredi ad orari pressoché analoghi all’attuale 3030. Sulla linea Siena – Chiusi viene istituiti un Regionale Veloce in partenza da Chiusi alle 6.45 con arrivo a Siena alle 7.50, mentre da Siena il rientro è previsto alle 17.43 con arrivo a Chiusi alle 18.48. Novità anche sulla Firenze – Prato – Pistoia, dove si potrà viaggiare da Pistoia a Firenze in 30 minuti, con una sola fermata intermedia a Prato. Il primo servizio parte da Pistoia alle 7.03 del mattino (arrivo a Firenze alle 7.33), mentre il rientro da Firenze è alle 17.56 (arrivo a Pistoia alle 18.26). Infine nuovo collegamento regionale veloce da Chiusi per Firenze in partenza da Chiusi alle 7.53, con fermata ad Arezzo 8.35 e arrivo a Firenze alle 9.32. Al rientro i pendolari con carta Tutto Treno Toscana potranno utilizzare l’IC 589, che modifica l’orario fermando a Firenze Rifredi alle 17.47 e a Firenze Campo Marte alle 18.06, con arrivo ad Arezzo alle 18.35 e a Chiusi alle 19.11. Resta fuori dalle modifiche la Cecina - Saline di Volterra, che sembra ormai essere dimenticata continuando a vedere confermata l'asmatica offerta di treni nelle ore mattutine, rimpiazzati da bus nel pomeriggio e sulla quale aleggia ormai da anni lo spettro della chiusura.

Marche: in questa regione,in maniera piuttosto "criptica", Trenitalia informa che sono stati "razionalizzati alcuni servizi secondo le richieste del Committente del Contratto di Servizio Regione Marche" senza però specificare quali essi siano. Unici dati certi è sono la chiusura  della Fabriano - Pergola, già sospesa prima del cambio d'orario, ed una riduzione dell'offerta ferroviaria sulla linea Civitanova - Macerata

Umbria: altra regione dove si registrano diverse novità, a partire dalla conferma dei 2 Intercity che collegano Terni direttamente con Milano (IC 580 in partenza da Terni alle 5,08 con arrivo a Milano alle 12,10 e IC 599 in partenza dalla città meneghina alle 17,45 ed arrivo a Terni alle 00,35) e la rimodulazione dell’offerta dei collegamenti verso Roma ed Ancona con la riclassificazione di 2 coppie di treni della Roma- Ancona e di 1 coppia della Perugia-Roma da Eurostar in Intercity. Scelta praticamente obbligata vista la passività dei servizi che vengono così inseriti nel servizio universale, sovvenzionato dallo stato. Segno evidente che non sempre "spennare" i viaggiatori con servizi Eurostar sia una scelta vincente. Per quanto riguarda il trasporto regionale il nuovo orario riconferma tutti i volumi di traffico verso Roma, Terontola-Firenze ed Ancona. Tutti i collegamenti diretti tra l’Umbria e la Capitale continueranno a percorrere la Linea Direttissima tra Orte e Roma e avranno come stazione di arrivo e di partenza quella di Roma Termini. Viene riprogrammata l’offerta tra le ore 12 e le 14 per 3 treni che da Roma raggiungono l’Umbria, che sono stati posticipati per facilitare il rientro della clientela pendolare.

Si tratta dei treni

• Reg 2482 in partenza da Roma Termini alle 12,13 con arrivo a Foligno alle 14,03: fermate intermedie in Umbria a Nera Montoro (13,04), Narni-Amelia (13,09), Terni (13,18), Spoleto (13,41) e Trevi alle 13,53

• Reg 2322 in partenza da Roma Termini alle 13,28 per Ancona (17,36) con fermate a Nera Montoro (14,18), Narni-Amelia (14,23), Terni (14,33), Baiano di Spoleto (14,51), Spoleto (14,58), Trevi (15,09), Foligno (15,21), Nocera Umbra (15,44), Gualdo Tadino (15,58) e Fossato di Vico alle 16,05

• Reg 21626 in partenza da Termini alle 14,18 con arrivo a Foligno alle 16,05: fermate intermedie a Narni-Amelia (15,12), Terni (15,22), Baiano di Spoleto (15,40) e Spoleto (15,47).

Riprogrammati, sempre da Roma, anche 3 treni tra le ore 16 e le 19:

 • Reg 2324 in partenza da Roma Termini alle 16,18 per Ancona (20,13), con fermate intermedie a Nera Montoro (17,13), Narni-Amelia (17,17), Terni (17,26), Baiano di Spoleto (17,44), Spoleto (17,51), Trevi (18,01), Foligno (18,13), Nocera Umbra (18,29), Gualdo Tadino (18,43) e Fossato di Vico alle 18,49

• Reg 12122 in partenza da Roma alle 16,48 per Foligno (18,30), con fermate intermedie a Narni-Amelia (17,36), Terni (17,44), Baiano di Spoleto (18,01), Spoleto (18,08) e Trevi alle 18,20

• Reg 2484 in partenza dalla Capitale alle 17,35 e diretto a Perugia (20,17), con fermate a Nera Montoro (18,25), Narni-Amelia (18,30), Terni (18,39), Spoleto (19,10), Trevi (19,21), Foligno (19,31), Spello (19,38), Assisi (19,47), Bastia (19,54) e Perugia Ponte San Giovanni alle 20,07. Sulla Terontola-Foligno è stato infine modificato l’orario del Reg 12103 in partenza da Terontola alle 8,26 per Foligno (9,56) per venire incontro alle esigenze degli studenti della facoltà di Ingegneria dell’Ateneo perugino, che potranno utilizzare questo treno (fermata a Perugia Università alle 9,05) per arrivare in tempo con l’inizio delle lezioni.

Lazio: sostanzialmente invariata l’offerta del trasporto regionale con la conferma dei treni già presenti nello scorso orario. L’unica novità, inutile per i pendolari, è il ritorno del Leonardo Express al binario 24 di Roma Termini,con l’introduzione, su questo collegamento, di nuovi convogli di tipo “Minuetto” (cfr http://www.ilmondodeitreni.it/dblog/articolo.asp?articolo=149 ) . Restano insoluti i disagi quotidiani dei pendolari che quotidianamente utilizzano i servizi delle FR, come emerso anche dal recente rapporto “Pendolaria” di Legambiente che assegna il poco ambito “Trofeo Caronte” alla linea FR3 Roma – Viterbo distintasi nel corso del 2010 per le peggiori “performance di viaggio”, seguita dalla linea FR2 Roma – Tivoli e dalla FR8 Nettuno – Roma. Ai pendolari non resta che sperare in un futuro migliore, quando, come comunicato da Trenitalia “l’ attuale offerta sarà oggetto di verifica nei prossimi mesi in relazione all’effettiva congruenza con le risorse disponibili da parte del committente Regione alla luce dell'ultima manovra finanziaria” anche se gli annunciati tagli annunciati dal governo potrebbero portare spiacevoli sorprese.

Abruzzo: da sempre una delle regioni meno attente al trasporto ferroviario, distintasi in passato più per scelte quantomeno discutibili (vedi gli eterni lavori sulla rete della Ferrovia Sangritana) che per aver puntato sul trasporto ferroviario. E,anche con il nuovo orario la Regione continua a dare il peggio di se tagliando servizi ferroviari. Quella che Trenitalia dichiara essere stata una “razionalizzazione dei servizi regionali” altro non è che incapacità di studiare orari migliori per l’utenza ed una concreta integrazione tra vettori,ad ulteriore dimostrazione del totale disinteresse anche di Trenitalia nei confronti del trasporto locale. Ad aggravare il tutto c’è la consueta ed assurda sospensione estiva sulla linea Sulmona - L’Aquila dal 23 luglio al 26 agosto 2012, mentre sulla linea Avezzano - Roccasecca la circolazione sarà sospesa dal 15 luglio al 9 settembre 2012

Campania: il nuovo orario non porta alcuna novità per i pendolari campani

Molise: La nuova offerta regionale nel Molise porta pochissime novità per i pendolari,confermando nella quasi totalità i precedenti treni, compresa l’assurda eliminazione delle corse ferroviarie Sulmona – Carpinone – Isernia. D’intesa con l’assessorato Regionale ai Trasporti sono state però apportate alcune modifiche su richiesta dalla clientela tramite le Associazioni dei Consumatori:

 •sulla relazione Campobasso - Roma, nei giorni festivi, è stata anticipata l’ora di partenza del treno 22217 dalle 17.00 alle 16.30, in modo da consentire, un più agevole rientro dei pendolari molisani nella Capitale, oltre che per favorire le coincidenze con treni diretti verso nord;

•sulla relazione Roma – Campobasso, è stato anticipato, l’arrivo a Isernia dalle 8.27 alle 8.17 ed a Campobasso dalle 9.23 alle 9.15, con una riduzione, del tempo di percorrenza complessivo di 10 minuti a Isernia e 8 minuti a Campobasso;

•sulla relazione Isernia - Vairano, è stata prolungata da Venafro fino a Vairano la corsa bus CB 107 in partenza da Isernia alla 16.30, con arrivo a Vairano alle 17.30 in coincidenza con collegamento per Caserta/Napoli;

•sulla relazione Campobasso – Termoli, è stato modificato l’orario del treno 8122 per agevolare la coincidenza con il treno in arrivo da Roma e a Termoli, consente il proseguimento per Milano con il nuovo treno IC in partenza alle ore 11.26;

•sulla relazione Termoli – Campobasso, è stata ritardata la partenza del treno 8129 dalle 14.38 alle ore 15.00 per consentire le coincidenze con i treni IC in arrivo alle 14.26 da Milano e alle 14.40 da Lecce; l’arrivo alle 16.39 a Campobasso permette il proseguimento col treno 2379 delle ore 17.00 per Roma

Puglia: i drastici tagli dei treni a lunga percorrenza, molto utilizzati dai pendolari pugliesi, e le minacciate soppressioni di treni regionali hanno provocato il deciso intervento della Regione,con l’Assessore Regionale ai Trasporti, Minervini, accorso subito a Roma per discutere con Trenitalia le modifiche urgenti del servizio. Incontro molto fruttuoso che ha portato Trenitalia a potenzierà l’offerta nella fascia pendolare del mattino sulla linea Lecce-Bari e a modifiche degli orari e delle fermate di alcuni treni regionali sulla linea Bari – Taranto per andare incontro alle esigenze dei pendolari. Sulla linea Lecce – Bari da viene istituito un nuovo treno regionale (R12618) con partenza da Lecce alle 7.08 ed arrivo a Bari Centrale alle 8.45 effettuando fermate intermedie a Trepuzzi, Squinzano, San Pietro Vernotico, Brindisi, Fasano e Monopoli. Da Bari Centrale partirà un nuovo treno regionale (R12619) alle 12.00 che fermerà a Monopoli, Fasano, Brindisi e arriverà a Lecce alle 13.28. Il treno regionale veloce in partenza da Lecce alle 7.57 sarà posticipato di cinque minuti: partirà alle 8.02 per arrivare a Bari Centrale alle 9.31. Sulla linea Bari – Taranto le novità più significative riguardano quattro treni regionali in partenza da Bari nella fascia pendolare del pomeriggio. Nel dettaglio:

• il treno R12633 partirà da Bari Centrale alle 14.20 ed effettuerà fermate a Modugno Città, Bitetto, Grumo Appula, Acquaviva con arrivo a Gioia del Colle alle 15.03;

 • il treno R12635 partirà da Bari Centrale alle 14.43 e fermerà a Gioia del Colle, Castellaneta, Palagianello, Palagiano Mottola, Massafra con arrivo a Taranto alle 15.58:

• il treno R22455 partirà alle 17.20 da Bari Centrale e fermerà a Modugno Città, Bitetto, Grumo Appula, Acquaviva con arrivo a Gioia del Colle alle 18.02;

• il treno R12645 partirà da Bari Centrale alle 17.40 e fermerà a Gioia del Colle, Castellaneta, Palagianello, Palagiano Mottola, Massafra con arrivo a Taranto alle 18.55.

Inoltre, sempre l’impegno della Regione, ha portato Trenitalia, dal 23 di dicembre, a lanciare una nuova tariffa per i treni notte tra la Puglia e il Nord del Paese. Questa nuova tariffa sarà data dalla combinazione del prezzo del treno notte (che come noto, col nuovo orario coprirà la tratta Puglia-Bologna Centrale), e il nuovo prezzo scontato dei treni ad Alta Velocità (che completeranno l’intero percorso coprendo il tragitto tra Bologna e Milano/Torino/Venezia). In questo modo le nuove tariffe saranno pressoché in linea con il vecchio sistema di prezzi in vigore fino al 10 dicembre scorso, quando cioè i treni notte percorrevano l’intera tratta Puglia-Torino/Milano/Venezia. Resta però confermata la riduzione del servizio sulla linea Spinazzola - Gioia del Colle

Calabria: Il comunicato di Trenitalia fa sapere che “la Direzione Regionale Calabria, in considerazione dei buoni risultati ottenuti anche grazie alle novità introdotte nell’orario in corso, riproporrà per l’orario 2011-2012 la stessa offerta ferroviaria (con i necessari aggiustamenti), come concordato con la Regione, in attesa di conoscere le determinazioni della Regione stessa sugli eventuali tagli di produzione che potrebbero essere richiesti” . E quest’ultima frase potrebbe togliere il sonno a molti pendolari che potrebbero vedersi sopprimere all’improvviso il loro treno…

Sicilia:nessuna novità per i collegamenti regionali

Sardegna: l'unica novità del nuovo orario è l'istituzione di due nuovi Regionali Veloci tra Cagliari ed Olbia

 

Dall'analisi appare sempre più evidente la necessità sia di maggiori investimenti da parte delle regioni verso il trasporto su ferro, sia la necessità,per le regioni, di attuare le gare per l'affidamento del servizio a soggetti diversi da Ferrovie dello Stato/Trenitalia, ormai sempre più palesemente interessate solo ai c.d. "servizi a mercato"

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 259 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aggiornamenti del Sito (5)
Approfondimenti&Curiosità (29)
Autobus di Roma (28)
Il viaggio del "Caritas Express" (5)
Il viaggio inaugurale di .Italo (15)
Inaugurazione Stazione Tiburtina AV (13)
La pagina dei Link (2)
News (374)
News Circolazione Ferroviaria (51)
News Ferrovie Estero (72)
News Roma Tiburtina (11)
Nuovo Orario Ferroviario 2012 - 2013 (21)
Nuovo Orario Ferroviario 2013 - 2014 (17)
presentazione nuovo frecciarossa (16)
Speciale "Caritas Express" (18)
Video (2)

Catalogati per mese:
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli articoli più letti



Titolo
Ilmondodeitreni.it




15/11/2019 @ 18:38:23
script eseguito in 84 ms