Forum ilmondodeitreni
Forum ilmondodeitreni
Home | Profilo | Registrati | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 Ferrovie Italiane
 Ferrovie Italiane
 Riportare il treno a Cortina: perchè no?
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: of 2

Vinc
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Piemonte
472 Messaggi

Inviato il il 06/07/2019 :  14:25:25  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Gli appassionati di ferrovie ricorderanno che, fino al 1960, esisteva una linea a scartamento ridotto, conosciuta come "Ferrovia delle Dolomiti", da Calalzo a Cortina e Dobbiaco; per le Olimpiadi invernali a Cortina del 1956, la linea era pure stata rimodernata con nuovo materiale rotabile. Purtroppo, quattro anni dopo, nel 1960, un incidente (deragliamento, con una vittima) fu pretesto per la chiusura della linea, isolando così quella che a buon diritto può essere definita la "città delle Dolomiti" dal punto di vista ferroviario.
Ora che, a 70 anni di distanza, le Olimpiadi invernali stanno tornando a Cortina (sia pure con lo strano "tandem" con Milano...), visto che la sede ferroviaria risulta tuttora in gran parte esistente, non si potrebbe pensare di ripristinarla, almeno da Calalzo a Cortina, come opera accessoria (a meno che la metropoli lombarda non finisca, per queste opere, a fare la parte del leone, lasciando a Cortina solo le briciole?).

Censin

Vinc
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Piemonte
472 Messaggi

Inviato il 06/07/2019 :  14:32:40  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di Vinc

Gli appassionati di ferrovie ricorderanno che, fino al 1960, esisteva una linea a scartamento ridotto, conosciuta come "Ferrovia delle Dolomiti", da Calalzo a Cortina e Dobbiaco; per le Olimpiadi invernali a Cortina del 1956, la linea era pure stata rimodernata con nuovo materiale rotabile. Purtroppo, quattro anni dopo, nel 1960, un incidente (deragliamento, con una vittima) fu pretesto per la chiusura della linea, isolando così quella che a buon diritto può essere definita la "città delle Dolomiti" dal punto di vista ferroviario.
Ora che, a 70 anni di distanza, le Olimpiadi invernali stanno tornando a Cortina (sia pure con lo strano "tandem" con Milano...), visto che la sede ferroviaria risulta tuttora in gran parte esistente, non si potrebbe pensare di ripristinarla, almeno da Calalzo a Cortina, come opera accessoria (a meno che la metropoli lombarda non finisca, per queste opere, a fare la parte del leone, lasciando a Cortina solo le briciole?).



Ecco una foto, pescata sul Web, del trenino delle Dolomiti negli ultimi anni di vita (seconda metà anni 50).

[url=https://postimages.org/][/url]

Censin
Torna all'inizio della Pagina

Vinc
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Piemonte
472 Messaggi

Inviato il 06/07/2019 :  14:37:18  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di Vinc

quote:
Messaggio di Vinc

Gli appassionati di ferrovie ricorderanno che, fino al 1960, esisteva una linea a scartamento ridotto, conosciuta come "Ferrovia delle Dolomiti", da Calalzo a Cortina e Dobbiaco; per le Olimpiadi invernali a Cortina del 1956, la linea era pure stata rimodernata con nuovo materiale rotabile. Purtroppo, quattro anni dopo, nel 1960, un incidente (deragliamento, con una vittima) fu pretesto per la chiusura della linea, isolando così quella che a buon diritto può essere definita la "città delle Dolomiti" dal punto di vista ferroviario.
Ora che, a 70 anni di distanza, le Olimpiadi invernali stanno tornando a Cortina (sia pure con lo strano "tandem" con Milano...), visto che la sede ferroviaria risulta tuttora in gran parte esistente, non si potrebbe pensare di ripristinarla, almeno da Calalzo a Cortina, come opera accessoria (a meno che la metropoli lombarda non finisca, per queste opere, a fare la parte del leone, lasciando a Cortina solo le briciole?).



Ecco una foto, pescata sul Web, del trenino delle Dolomiti negli ultimi anni di vita (seconda metà anni 50).

[url=https://postimages.org/][/url]


Censin
Torna all'inizio della Pagina

alejandro.roma
Professional Senior(1° Aggiunto di Reparto)

Lazio
11743 Messaggi

Inviato il 06/07/2019 :  17:03:48  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Quante probabilita’ ci sono che effettivamente rinasca in chiave moderna?
L’opera ferroviaria ritenuta fondamentale e’ la Brescia Padova.


***************************************
I mezzi su rotaia sono i migliori mezzi di trasporto pubblico
Torna all'inizio della Pagina

Vinc
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Piemonte
472 Messaggi

Inviato il 07/07/2019 :  17:24:17  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di alejandro.roma

Quante probabilita’ ci sono che effettivamente rinasca in chiave moderna?
L’opera ferroviaria ritenuta fondamentale e’ la Brescia Padova.


L'incidente era avvenuto il 12/3/1960, nei pressi di Cortina; causa la neve fresca caduta abbondante, il convoglio era deragliato pressochè completamente, rovesciandosi su un fianco, come vediamo dalla foto del quotidiano "La Stampa"

[url=https://postimages.org/][/url]

la sciagura aveva causato due morti e diversi feriti, alcuni gravi. Aveva subito suscitato polemiche sulla sicurezza e affidabilità della linea, e, complice anche il clima di allora favorevole alla "gomma", che vedeva il "ferro" come ormai obsoleto, portò alla sua soppressione (però, chissà perchè, la Svizzera e altri paesi abbondano di simili ferrovie alpine a scartamento ridotto, teatro in molti casi di incidenti anche più gravi; ma nessuno ha mai pensato di sopprimerle, anzi!).

Censin
Torna all'inizio della Pagina

emipaco
Amministratore(Capo Reparto Movimento)

Lazio
12912 Messaggi

Inviato il 08/07/2019 :  10:42:36  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
non la faranno mai, sopratutto non nei pochi anni che mancano alle olimpiadi...
certo sarebbe una ottima idea, ma costi e tempi la rendono (a mio avviso) irrealizzabile

colui che sorride quando le cose vanno male ha già trovato qualcuno a cui dare la colpa (Arthur Bloch)
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33256 Messaggi

Inviato il 08/07/2019 :  11:43:45  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76  Rispondi Citando
mai dire mai

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina

Vinc
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Piemonte
472 Messaggi

Inviato il 08/07/2019 :  16:43:45  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Però , per le Olimpiadi invernali del 2014, tenutesi nella russa Sochi (tra l'altro città di mare, più conosciuta come stazione di soggiorno climatico invernale per il clima invernale mite, una sorta di Riviera russa, che come centro di sport invernali), era stata costruita una linea ferroviaria per collegare la città coi campi di sci e le altre sedi dei giochi, situate nella retrostante catena montana del Caucaso (quella che ripara la città costiera dai venti freddi del Nord, come da noi le Alpi Marittime per la Riviera Ligure e la Costa Azzurra)

https://youtu.be/gof4jfaI3dM

https://youtu.be/fCT0w4y-lf4

https://youtu.be/g6s-nqJqorI

Censin
Torna all'inizio della Pagina

emipaco
Amministratore(Capo Reparto Movimento)

Lazio
12912 Messaggi

Inviato il 08/07/2019 :  16:53:19  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
si ma la Russia (piaccia o meno) ha risorse ben più consistenti e una opinione pubblica meno "contraria a prescindere" rispetto alla nostra italietta

colui che sorride quando le cose vanno male ha già trovato qualcuno a cui dare la colpa (Arthur Bloch)
Torna all'inizio della Pagina

alejandro.roma
Professional Senior(1° Aggiunto di Reparto)

Lazio
11743 Messaggi

Inviato il 08/07/2019 :  18:33:37  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Spaventano i costi per la sua realizzazione e gestione, forse manca la volontà e una sinergia fra le regioni interessate.



***************************************
I mezzi su rotaia sono i migliori mezzi di trasporto pubblico
Torna all'inizio della Pagina

binario
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Umbria
498 Messaggi

Inviato il 09/07/2019 :  11:26:10  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Però che non passi che la ferrovia di Cortina fu chiusa per l'incidente del 1960 .. la ferrovia fu chiusa nel suo ultimo tratto tra Cortina e Calalzo nel 1964 (nel 1962 tra Cortina e Dobbiaco). Magari l'incidente può aver dato manforte ai suoi detrattori ma nulla più, ma in quegli anni hanno praticamente falcidiato lo scartamento ridotto italiano che veniva visto come obsoleto (oltre che, in taluni casi, necessitava di importanti lavori di manutenzione che non si era più disposti a sostenere).

Anche perché appena un anno dopo ... a Catanzaro un Emmina che cadde dal viadotto della Fiumarella fece 70 vittime (e la ferrovia, che all'epoca fu commissariata, sta ancora li...). Sempre un Emmina sulla Vibo Mileto nel 51 fece 11 vittime (perché cedette un viadotto), e la ferrovia fu chiusa nel 1966 ... non è che si chiude la ferrovia per un incidente come quello di Cortina.
Torna all'inizio della Pagina

emipaco
Amministratore(Capo Reparto Movimento)

Lazio
12912 Messaggi

Inviato il 09/07/2019 :  11:58:48  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
per cortina secondo me o si mette divieto di accesso con mezzi privati oppure nessuno o quasi prenderebbe il trenino.
e non solo per il periodo dell'olimpiade, dove viaggerebbe carico, ma per il futuro dove mantenere attiva l'infrastruttura sarebbe un costo elevato a fronte di pochi passeggeri.

mi ricorda il caso minimetro di perugia

colui che sorride quando le cose vanno male ha già trovato qualcuno a cui dare la colpa (Arthur Bloch)
Torna all'inizio della Pagina

Vinc
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Piemonte
472 Messaggi

Inviato il 09/07/2019 :  16:40:37  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di binario

Però che non passi che la ferrovia di Cortina fu chiusa per l'incidente del 1960 .. la ferrovia fu chiusa nel suo ultimo tratto tra Cortina e Calalzo nel 1964 (nel 1962 tra Cortina e Dobbiaco). Magari l'incidente può aver dato manforte ai suoi detrattori ma nulla più, ma in quegli anni hanno praticamente falcidiato lo scartamento ridotto italiano che veniva visto come obsoleto (oltre che, in taluni casi, necessitava di importanti lavori di manutenzione che non si era più disposti a sostenere).

Anche perché appena un anno dopo ... a Catanzaro un Emmina che cadde dal viadotto della Fiumarella fece 70 vittime (e la ferrovia, che all'epoca fu commissariata, sta ancora li...). Sempre un Emmina sulla Vibo Mileto nel 51 fece 11 vittime (perché cedette un viadotto), e la ferrovia fu chiusa nel 1966 ... non è che si chiude la ferrovia per un incidente come quello di Cortina.



Avevo già avuto occasione di rilevarlo in passato: le linee e reti a scartamento ridotto hanno resistito al Sud e in Sardegna, mentre sono state falcidiate al Nord, dove ormai esistono solo brevi tronchi.
Ricordo bene l'incidente della Fiumarella a Catanzaro, l'antivigilia di Natale del 1961, col rimorchio che si staccò dalla motrice precipitando da un viadotto; tuttora l'incidente ferroviario più grave dal dopoguerra, come numero di vittime.

Censin
Torna all'inizio della Pagina

Vinc
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Piemonte
472 Messaggi

Inviato il 09/07/2019 :  16:44:46  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di emipaco

per cortina secondo me o si mette divieto di accesso con mezzi privati oppure nessuno o quasi prenderebbe il trenino.
.


quello che viene fatto per la svizzera Zermatt, dove si può accedere solo col treno a scartamento ridotto; le auto vanno lasciate nei parcheggi sottostanti.

Censin
Torna all'inizio della Pagina

Giancarlo Giacobbo
Professional Senior(1° Aggiunto di Reparto)

Lazio
7995 Messaggi

Inviato il 09/07/2019 :  19:54:49  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
La Svizzera è una realtà a parte. Li per mantenere in servizio alle linee a scartamento ridotto che raggiungono le località alpine è stato dato loro il compito del trasporto della posta alla quale gli svizzeri tengono molto. Uno dei motivi è quello della continuità del servizio nel periodo invernale quando i passi alpini sono difficilmente transitabili a causa della neve, mentre la ferrovia riesce a mantenere i collegamenti.

Giancarlo

Modificato da - Giancarlo Giacobbo il 09/07/2019 19:56:14
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33256 Messaggi

Inviato il 09/07/2019 :  23:58:26  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76  Rispondi Citando
Oltretutto da Zermatt alla montagna la MGB funziona come impianto di risalita

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: of 2 Discussione  
Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina Forum ilmondodeitreni - © Ilmondodeitreni.it 2005-2019 Antidoto.org | Brutto.it | Estela.org | Equiweb.it
Questa pagina è stata generata in0,5 secondi Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.05