Forum ilmondodeitreni
Forum ilmondodeitreni
Home | Profilo | Registrati | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 Trasporto Pubblico Locale Roma
 Metropolitana di Roma
 Linea C (3)
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: of 84

Flaminio
Oper. Spec. Circolazione (Guardablocco)

Lazio
198 Messaggi

Inviato il 07/11/2016 :  18:04:02  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di emipaco

comunque, se decidessero di fermare le talpe a fori imperiali proseguire non sarebbe impossibile ma decisamente più costoso.
dovresti abbandonare un tratto di tunnel e "circumnavigare" gli scudi delle talpe.

oppure, le talpe le potrebbero portare a lato del futuro tracciato.

almeno questo, per non ipotecare il futuro della città (come già fatto con le olimpiadi)




Esatto,non sarebbe impossibile ma molto più costoso perchè fare il tunnel di collegamento sotto i Fori Imperiali non sarebbe cosa da poco.
Resta comunque il fatto che entro il 31 dicembre c'è la possibilità di levarsi dai piedi un consorzio che si è dimostrato ampiamente non all'altezza. Ce la faranno i nostri eroi?
Dare il benservito a MetroC,rilanciare la T2 e battersi affinchè nella tratta sia inserita ovviamente la fermata di Chiesa Nuova (o comunque una fermata quanto più possibile vicina a Piazza Navona);servirebbe poi a mio parere una fermata intermedia tra Piazza Venezia e Chiesa Nuova:se a Largo Argentina non si trova da nessuna parte un buco per le uscite,dove si potrebbe attestare?
Torna all'inizio della Pagina

Forzaferrarileo
Capo Stazione

1236 Messaggi

Inviato il 07/11/2016 :  20:38:44  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di Flaminio

quote:
Messaggio di emipaco

comunque, se decidessero di fermare le talpe a fori imperiali proseguire non sarebbe impossibile ma decisamente più costoso.
dovresti abbandonare un tratto di tunnel e "circumnavigare" gli scudi delle talpe.

oppure, le talpe le potrebbero portare a lato del futuro tracciato.

almeno questo, per non ipotecare il futuro della città (come già fatto con le olimpiadi)




Esatto,non sarebbe impossibile ma molto più costoso perchè fare il tunnel di collegamento sotto i Fori Imperiali non sarebbe cosa da poco.
Resta comunque il fatto che entro il 31 dicembre c'è la possibilità di levarsi dai piedi un consorzio che si è dimostrato ampiamente non all'altezza. Ce la faranno i nostri eroi?
Dare il benservito a MetroC,rilanciare la T2 e battersi affinchè nella tratta sia inserita ovviamente la fermata di Chiesa Nuova (o comunque una fermata quanto più possibile vicina a Piazza Navona);servirebbe poi a mio parere una fermata intermedia tra Piazza Venezia e Chiesa Nuova:se a Largo Argentina non si trova da nessuna parte un buco per le uscite,dove si potrebbe attestare?



sei troppo fiducioso

la mozione del 2013 per fermare la mc a san giovanni te la scordi ?( firmata dai 4 consiglieri di allora : raggi , frongia, stefano , devito ) , oltre alla campagna elettorale di devito contro la mc

se riesciranno a fare qualcosa sarà giusto un tram , sennò preferenziali a furia di pitta gialla

Modificato da - Forzaferrarileo il 07/11/2016 20:40:34
Torna all'inizio della Pagina

Flaminio
Oper. Spec. Circolazione (Guardablocco)

Lazio
198 Messaggi

Inviato il 07/11/2016 :  23:52:14  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Eh lo so,la speranza è l'ultima a morire.
Comunque in tema di preferenziali a "pitta gialla",stefano ha detto in un commento che la preferenziale in Via Emanuele Filiberto non sarà protetta. Insomma,due pittate bianco-gialle e passa la paura,poi quando le maghine e gli sghuderoni la invaderanno ci si piangerà addosso.
Torna all'inizio della Pagina

l_pisani_54
Capo Stazione

1021 Messaggi

Inviato il 08/11/2016 :  09:35:15  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
La metro C è nata male e morirà peggio.
Tra le tante linee possibili si è scelto di far partire prima quella che forse poteva aspettare, visto che la parte periferica si sovrapponeva in parte al RM Giardinetti, quindi data la carenza dei trasporti della capitale, forse era meglio dare una "rinfrescata" al trenino e riversare i tanti soldi sulla D, o la E oppure la F, visto che una città delle dimensioni di Roma avrebbe bisogno di tante linee.
Tra l'altro la RM Giardinetti porta (quasi) a Termini, la metro C per ora si ferma nel nulla di Piazza Lodi.
Se proprio si voleva fare la C e sopprimere il trenino, forse era meglio iniziare dalla parte centrale della linea, che avrebbe garantito l'interscambio con le altre due esistenti.
E veniamo al progetto della parte che attraversa il centro storico.
Temo che il progetto iniziale sia stato fatto tracciando un segno con il pennarello sulla mappa della città: "famo 'na stazione qua, n'antra là, ecc ..."
Ricordo che dissero che lo scavo sarebbe stato fatto in profondità, al di sotto dello strato romano, quindi avevano cognizione, che scavando nel sottosuolo di Roma, avrebbero incontrato delle rovine romane.
Insomma, quando decisero il tracciato, non esaminarono l'effettiva fattibilità delle stazioni, come se la metro C servisse a scarrozzare la gente da una periferia all'altra, passando per il centro, ma senza potersi fermare, un'autentica follia.
Ora dovrebbe fare tutto Corso Vittorio senza fermate o quasi, ma non si sa neanche se ci arriverà.
Al Colosseo, tra qualche anno, salvo ulteriori complicazioni, ci arriverà, a Piazza Venezia non si sa, e poi, anche lì, siamo sicuri che scavando, riescono a fare la stazione e venire fuori?
Oltre, un buco nero.
Ma si possono progettare così simili importanti infrastrutture?
Se il tracciato della metro C non era fattibile, bisognava scoprirlo prima di appaltarlo e, soprattutto, prima di iniziare a scavare.
Adesso le possibilità sono una peggio dell'altra:
1) lasciarla monca al Colosseo o forse a Piazza Venezia, magari tombando le talpe sotto terra
2) continuarla attraversando il centro senza fermate, realizzando un'opera inutile, per non parlare dei problemi di sicurezza, tipo, evacuare treni con 1000 e passa persone, facendo camminare i passeggeri in fila indiana, per un km, un km e mezzo, sulla stretta banchina della galleria
3) girare la talpa e scavare da qualche altra parte, perché bisogna finirla in qualche modo

Forse era meglio non farla proprio 'sta metro C e realizzare una linea tranviaria.
Tra l'altro l'8, una volta sistemati i fori imperiali, potrebbe proseguire su Via Labicana fino a San Giovanni, usando l'anello di Via Domenico Fontana, dando anche una seconda possibilità a quella parte della rete che va verso Trastevere, che, in caso di interruzione, rimarrebbe isolata dal resto.
Torna all'inizio della Pagina

Fab 1224
Professional Senior(1° Aggiunto di Reparto)

19477 Messaggi

Inviato il 08/11/2016 :  10:22:58  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Ormai stanno in ballo, ballassero..
Torna all'inizio della Pagina

emipaco
Amministratore(Capo Reparto Movimento)

Lazio
13186 Messaggi

Inviato il 08/11/2016 :  11:06:48  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
da piano regolatore, la linea E sarebbe la attuale roma-lido rimodernata e la linea F sarebbe il tratto urbano della roma-civita c.-vt.

la D nasce come metro leggera, come progettazione... mi piacerebbe molto vederla realizzata ma dubito nei prossimi anni.

mi ricordo anche di una linea G ma non ne sono sicuro

colui che sorride quando le cose vanno male ha già trovato qualcuno a cui dare la colpa (Arthur Bloch)
Torna all'inizio della Pagina

Josedam
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

380 Messaggi

Inviato il 08/11/2016 :  14:18:10  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
io preferisco che la metro C si fermi a Piazza Venezia piuttosto che prosegua SENZA fare fermate intermedie nel centro.
Inoltre, fermarla a Colosseo è una follia, visto che non si potrà più chiudere Via dei Fori Imperiali al traffico privato e pubblico... non è pensabile che chi si reca al lavoro e deve prendere l'8 oppure un autobus che fa capolinea o passa per piazza venezia debba percorrere tutta via dei fori imperiali a piedi: la metro (soprattutto la metro C) serve ai cittadini romani anche e soprattutto per andare al lavoro, non solo per i turisti.
I motivi per i quali hanno iniziato a costruirla dalla periferia sono due:
a) perché serviva il deposito in periferia;
b) perché quella tratta era di più facile realizzazione, mentre sapevano benissimo che la tratta centrale sarebbe stata più complicata e per farsi belli sia nei confronti del committente sia della cittadinanza hanno preferito inaugurare "prima" (nonostante un ritardo credo di 8 anni) una tratta monca piuttosto che nulla.
Torna all'inizio della Pagina

emipaco
Amministratore(Capo Reparto Movimento)

Lazio
13186 Messaggi

Inviato il 08/11/2016 :  14:20:08  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
manca il punto più importante.
perché hanno valorizzato decine di terreni sui cui i palazzinari hanno costruito migliaia di alloggi visto che grazie alla metro saranno in un quarto d'ora al centro di roma

colui che sorride quando le cose vanno male ha già trovato qualcuno a cui dare la colpa (Arthur Bloch)
Torna all'inizio della Pagina

smiley1081
Capo Stazione

Lazio
1439 Messaggi

Inviato il 08/11/2016 :  15:01:54  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di emipaco

perché hanno valorizzato decine di terreni sui cui i palazzinari hanno costruito migliaia di alloggi visto che grazie alla metro saranno in un quarto d'ora al centro di roma



Come nella pubblicita' degli appartamenti a Torreimpietra, "la metropolitana leggera vi portera' al centro di Roma in pochi minuti..."

Si', la Linea Tirrenica delle Ferrovie dello Stato vi porta fino a Termini, esatto...

Voglio i TSR a sei vagoni sulla Roma-Capranica-Viterbo!

Evolution in action!
Torna all'inizio della Pagina

Flaminio
Oper. Spec. Circolazione (Guardablocco)

Lazio
198 Messaggi

Inviato il 08/11/2016 :  16:16:19  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di l_pisani_54

La metro C è nata male e morirà peggio.
Tra le tante linee possibili si è scelto di far partire prima quella che forse poteva aspettare, visto che la parte periferica si sovrapponeva in parte al RM Giardinetti, quindi data la carenza dei trasporti della capitale, forse era meglio dare una "rinfrescata" al trenino e riversare i tanti soldi sulla D, o la E oppure la F, visto che una città delle dimensioni di Roma avrebbe bisogno di tante linee.
Tra l'altro la RM Giardinetti porta (quasi) a Termini, la metro C per ora si ferma nel nulla di Piazza Lodi.
Se proprio si voleva fare la C e sopprimere il trenino, forse era meglio iniziare dalla parte centrale della linea, che avrebbe garantito l'interscambio con le altre due esistenti.
E veniamo al progetto della parte che attraversa il centro storico.
Temo che il progetto iniziale sia stato fatto tracciando un segno con il pennarello sulla mappa della città: "famo 'na stazione qua, n'antra là, ecc ..."
Ricordo che dissero che lo scavo sarebbe stato fatto in profondità, al di sotto dello strato romano, quindi avevano cognizione, che scavando nel sottosuolo di Roma, avrebbero incontrato delle rovine romane.
Insomma, quando decisero il tracciato, non esaminarono l'effettiva fattibilità delle stazioni, come se la metro C servisse a scarrozzare la gente da una periferia all'altra, passando per il centro, ma senza potersi fermare, un'autentica follia.
Ora dovrebbe fare tutto Corso Vittorio senza fermate o quasi, ma non si sa neanche se ci arriverà.
Al Colosseo, tra qualche anno, salvo ulteriori complicazioni, ci arriverà, a Piazza Venezia non si sa, e poi, anche lì, siamo sicuri che scavando, riescono a fare la stazione e venire fuori?
Oltre, un buco nero.
Ma si possono progettare così simili importanti infrastrutture?
Se il tracciato della metro C non era fattibile, bisognava scoprirlo prima di appaltarlo e, soprattutto, prima di iniziare a scavare.
Adesso le possibilità sono una peggio dell'altra:
1) lasciarla monca al Colosseo o forse a Piazza Venezia, magari tombando le talpe sotto terra
2) continuarla attraversando il centro senza fermate, realizzando un'opera inutile, per non parlare dei problemi di sicurezza, tipo, evacuare treni con 1000 e passa persone, facendo camminare i passeggeri in fila indiana, per un km, un km e mezzo, sulla stretta banchina della galleria
3) girare la talpa e scavare da qualche altra parte, perché bisogna finirla in qualche modo

Forse era meglio non farla proprio 'sta metro C e realizzare una linea tranviaria.
Tra l'altro l'8, una volta sistemati i fori imperiali, potrebbe proseguire su Via Labicana fino a San Giovanni, usando l'anello di Via Domenico Fontana, dando anche una seconda possibilità a quella parte della rete che va verso Trastevere, che, in caso di interruzione, rimarrebbe isolata dal resto.



Sul perchè si sia preferito far partire prima i lavori della metro C che della D la risposta te la fornisce proprio l'assessore ai trasporti dell'epoca,Walter Tocci: http://waltertocci.blogspot.it/2015/04/ancora-la-cura-del-ferro.html?m=1
Sostanzialmente anche lui riteneva che trasportisticamente parlando i quartieri serviti dalla metro D avessero maggiore bisogno di un collegamento pesante su ferro rispetto a quelli serviti dalla C,il fatto è che il comune avrebbe perso un finanziamento statale non ancora speso nel 1993 se non avesse iniziato la metro C.
Interessante tra l'altro quello che espone dopo,e cioè che in presenza di seri progetti lo stato potrebbe finanziare nuove metro a Roma dal momento che è da molto tempo che non le finanzia visto che il Comune chiede più spesa corrente che investimenti.
Il fatto che la metro C si fermi a Lodi è frutto di tutti i ritardi che sono stati accumulati,secondo il progetto originale avrebbe dovuto raggiungere San Giovanni con la tratta precedente già aperta.
Inoltre la costruzione sarebbe dovuta partire proprio da Clodio/Mazzini,si decise di partire dal capolinea opposto per il problema,tra l'altro,del deposito:dove sarebbero stati rimessati i treni in attesa dell'apertura dell'intera tratta? A quel punto forse sarebbe stato meglio introdurre anche la tratta Grottarossa-Clodio/Mazzini nel tracciato fondamentale e fare il deposito a Roma Nord,andando a servire Cassia/Flaminia sprovviste di trasporto su ferro. Il fatto è che mentre la tratta Pantano-San Giovanni faceva e fa tutt'ora parte del tracciato fondamentale,Grottarossa-Clodio/Mazzini è il prolungamento nord ma non fa parte del tracciato fondamentale.
Aggiungo io che visto lo scarso impegno che almeno le ultime tre giunte hanno profuso nello sviluppo della rete metropolitana,temo che si sarebbe potuto correre il rischio di mandare a monte il progetto dell'intera linea non appena si fossero incontrate delle difficoltà nella realizzazione del tratto centrale che è chiaramente quello più complicato. Qualcuno avrebbe potuto sfruttare le difficoltà di realizzazione per affondare del tutto il progetto.
Sullo scavo mi sa che non è chiaro come viene effettuato:i tunnel vengono realizzati a grande profondità,ed infatti non ci sono stati e difficilmente ci saranno problemi nella realizzazione dei tunnel:il problema è che poi da sotto terra la gente deve risalire,ed è proprio nel cercare spazi per realizzare le uscite che si riscontrano i maggiori problemi. Si devono trovare punti in cui non siano presenti resti archeologici dove far le uscite e far salire scale mobili ed ascensori.
Le stazioni come è ovvio non sono state disegnate solo sulla carta,la fase di progettazione di una metro può andare avanti anche per anni e la dimostrazione è che si è deciso di sopprimere la fermata Argentina proprio perchè non si sono trovati punti in cui realizzare le eventuali uscite,non perchè non si riescono a realizzare i tunnel sotto Largo Argentina. Insomma la metro passerà sotto Largo di Torre Argentina,molto in profondità,ma l'assenza di possibili sbocchi in superficie ha compromesso la realizzazione della stazione. Erano perfettamente al corrente del fatto che avrebbero trovato resti archeologici,speravano tuttavia di trovare punti in cui sarebbe stato possibile realizzare le uscite.
Su Corso Vittorio dovrebbe esserci una fermata,Chiesa Nuova,ed ieri ho scritto proprio su questo topic dove si potrebbe fare una stazione intermedia tra Venezia e Chiesa Nuova. Nessuno ha mai pensato di non fare fermate in centro,già il cosiddetto "tubone" di due chilometri da Piazza Venezia a San Pietro senza fermate è stato aspramente criticato,figuriamoci non fare fermate metro in centro nemmeno a Piazza Venezia e San Pietro.
Al Colosseo ci si arriverà,e a Piazza Venezia è previsto che vengano estratte le talpe che scaveranno i tunnel da San Giovanni fino,appunto,a Piazza Venezia,quindi evidentemente lo spazio per fare la stazione e venire fuori c'è. Sotto Piazza Venezia si prevede di realizzare anche i tunnel di collegamento tra quelli scavati da San Giovanni a Piazza Venezia e quelli che si dovrebbero scavare da Clodio/Mazzini a Piazza Venezia. Venezia è anche l'unica stazione della tratta T2 che non è mai stata messa in discussione,a differenza di Chiesa Nuova,San Pietro e Risorgimento. Inoltre ti informo che a Piazza Venezia,proprio durante gli scavi che DEVONO essere effettuati nella fase di progettazione,è venuto alla luce quello che si ritiene essere l'Ateneo di Adriano.
Secondo me un paese tra le prime dieci economie del mondo deve prendersi la briga di progettare anche importanti infrastrutture,non ci sono scuse di nessun tipo e nessuno ha mai detto che il tracciato non è fattibile.
La possibilità di continuare in centro senza fermate non esiste nel modo più assoluto,come detto prima le fermate sono state progettate e non vedo motivo per cui non dovrebbero essere realizzate,quantomeno Venezia,Chiesa Nuova e San Pietro,altrimenti davvero diventa un'opera inutile. La possibilità di far scavare le talpe in altre direzioni non esiste,o meglio fino ad oggi visto che quella volpe di berdini ha proposto di mandarla a Corviale da San Giovanni ma evidentemente non gli è chiaro che ci sono i cantieri aperti fino a a Colosseo e che perfino la raggi ha detto che al Colosseo ci si arriva. La possibilità di fermarsi a Colosseo o Piazza Venezia ad oggi purtroppo c'è per colpa della mancanza di visione su lungo termine,la speranza è che l'attuale giunta non comprometta nulla.
L'ultima proposta è pura utopia,non mi stancherò mai di ripetere che metropolitana e tram rispondono a due richieste di trasporto completamente diverse,oltre ad avere una differente capacità di trasposto e differenti tempi di percorrenza su uguali tragitti. Metro e tram sono complementari,non alternativi. L'8 sui Fori Imperiali (per quanto il prolungamento NATUTALE sarebbe (o meglio sarebbe stato dopo il prolungamento su Via delle Botteghe Oscure) Via del Plebiscito-Piazza Venezia-Via Nazionale) non esclude la metro C,così come non condivido chi non approva il tracciato nella parte sud della metro D perchè sostiene che tanto c'è già il tram 8 e sarebbe un'inutile doppione. Sarebbero due opere complementari,la metro D non esclude il tram 8 e viceversa,assolverebbero a differenti richieste di trasporto ed avrebbero due diversi tipi di utenza,anche perchè avrebbero lo stesso percorso solo su Viale Trastevere,dalla Stazione Trastevere la metro D andrebbe verso Marconi-Portuense-Magliana-Eur,l'8 va verso Casaletto-Monteverde.
E questo non lo dico,lo dice chi studia i flussi di trasporto e che di conseguenza progetta il servizio. Proporre una linea tranviaria in sostituzione della metro C oltre il Colosseo significa rispondere ad una richiesta stimata di trasporto di 20000/25000 passeggeri ora per direzione con un'offerta tranviaria di non più di 3000 passeggeri ora.

Modificato da - Flaminio il 08/11/2016 21:19:26
Torna all'inizio della Pagina

Josedam
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

380 Messaggi

Inviato il 08/11/2016 :  16:50:35  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di emipaco

manca il punto più importante.
perché hanno valorizzato decine di terreni sui cui i palazzinari hanno costruito migliaia di alloggi visto che grazie alla metro saranno in un quarto d'ora al centro di roma



diciamo che nonostante la metro C i prezzi degli appartamenti nelle zone in cui passa la metro non hanno avuto subito aumenti , anzi hanno risentito anche loro del calo dei prezzi dovuta alla crisi del settore immobiliare, tant'è che io ho comprato casa due anni fa a centocelle a 600 metri dalla stazione Mirti.
Torna all'inizio della Pagina

emipaco
Amministratore(Capo Reparto Movimento)

Lazio
13186 Messaggi

Inviato il 08/11/2016 :  17:05:43  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
notizia BOOM!
che ne pensate?

http://www.muoversiaroma.it/muoversiaroma/articolo.aspx?id=22854
Arriva dall'assessore all'Urbanistica Paolo Berdini una proposta alternativa per la linea C della metropolitana: deviate il tracciato da San Giovanni a Piramide e da lì verso Corviale, evitando la fermata Colosseo. "La linea ha senso se incrocia la B e se c'è una rete - ha spiegato all'Ansa il professor Berdini - Visto che andare verso Colosseo sarebbe una spesa enorme, la mia proposta è deviare la metro da San Giovanni verso la Piramide. Qui incontrerebbe la metro B, un importante nodo ferroviario e il terminale della ristrutturanda Roma-Ostia. A questo punto l'idea è far proseguire la metro C verso la periferia, lungo via Portuense per servire gli ospedali Spallanzani e San Camillo. Poi si termina a Corviale, la periferia più devastata di Roma".

colui che sorride quando le cose vanno male ha già trovato qualcuno a cui dare la colpa (Arthur Bloch)
Torna all'inizio della Pagina

l_pisani_54
Capo Stazione

1021 Messaggi

Inviato il 08/11/2016 :  17:09:10  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
@Flaminio
Ho ben chiaro che il problema della parte centrale della metro C non era lo scavo della galleria, effettuato in profondità, ma la realizzazione delle stazioni.
Progettare una stazione "sulla carta" confidando poi di non trovare "cocci importanti" che possano pregiudicarne la realizzazione, è da incoscienti.
Se non sono fattibili le stazioni, non è fattibile la linea, anche perché, nella situazione di Roma, i margini di manovra sono risicatissimi.
L'idea di girare la talpa e scavare in un'altra direzione era evidentemente una provocazione.
La stazione di Piazza Venezia non sarà mai stata in discussione, ma comunque non l'hanno ancora fatta e, se trovano qualche "sorpresa", come si mettono?
Comunque la metro C per ora finisce a Lodi, tra un annetto, se tutto va bene, si scaricherà sulla A a San Giovanni dove arriva già bella piena, poi, tra non so quanti anni, forse arriverà al Colosseo, per Piazza Venezia il futuro mi sembra nebuloso.
Il prolungamento dell'8 fino a San Giovanni, passando per il Colosseo non mi sembra una cattiva idea: comunque, fermando la C al Colosseo, la rottura di carico verso le linee di superficie, ci sarebbe, dirottare una parte dell'utenza sul tram, meno capiente della metro, ma più capiente di una linea di bus, sarebbe forse il male minore. E poi con la linea monca, che dalla periferia va a morire in centro, ci sarebbero comunque problemi.
Torna all'inizio della Pagina

emipaco
Amministratore(Capo Reparto Movimento)

Lazio
13186 Messaggi

Inviato il 08/11/2016 :  17:11:11  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
a me l'idea di modifica della metro C non dispiace, ma a venezia ci arriverei ormai.
poi da li curvone, no a piramide ma sotto Trastevere, poi da li portuense, ecc...

colui che sorride quando le cose vanno male ha già trovato qualcuno a cui dare la colpa (Arthur Bloch)
Torna all'inizio della Pagina

l_pisani_54
Capo Stazione

1021 Messaggi

Inviato il 08/11/2016 :  17:26:37  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Riguardo alla proposta di Berdini, in parte ha senso, ma ci sono molti aspetti negativi.
Innanzitutto significa buttare nel cesso tutto quanto è stato progettato (magari male) finora.
Il tracciato verso la periferia sarebbe tutto da studiare, comunque sarebbe OK sulla Portuense, fino ad un certo punto, sinceramente il capolinea a Corviale non lo vedo molto bene.
Capisco che il "serpentone" sia tuttora una spina nel fianco per gli architetti e gli urbanisti della sinistra storica, perché fu una toppa colossale, un esperimento fallito, anche perché furono realizzate solo le abitazioni e la gente si trovò allo sprofondo senza nessun servizio, poi ci furono le occupazioni ed il degrado, ora si sta cercando di riqualificare il quartiere, ma è comunque dura.
Comunque l'architetto fa le case, per fare la città non bastano gli edifici, ci vuole anche qualcos'altro, altrimenti capita come successe a me negli anni '70, quando andai a visitare il Gallaratese di Aymonino e Rossi. Un'altra volta magari ve lo racconto.
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: of 84 Discussione  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina Forum ilmondodeitreni - © Ilmondodeitreni.it 2005-2019 Antidoto.org | Brutto.it | Estela.org | Equiweb.it
Questa pagina è stata generata in0,19 secondi Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.05