\\ Home Page : Articolo : Stampa
Accordo tra FS Italiane, Regione Calabria e Protezione Civile per la gestione delle emergenze
Di Omar Cugini (del 06/12/2012 @ 20:38:27, in News, visualizzato 894 volte)

Catanzaro, 6 dicembre 2012

Siglato martedì scorso, nella sede del Dipartimento della Protezione Civile a Germaneto di Catanzaro, un protocollo d’intesa per la gestione delle emergenze in ambito ferroviario. Il documento è stato firmato, per la Regione Calabria, dal sottosegretario alla Presidenza con delega alla Protezione civile Franco Torchia e dal dirigente di settore Salvatore Mazzeo, per FS Italiane dal Direttore Protezione Aziendale, Franco Fiumara. Il protocollo si inserisce nel contesto di un’intesa a livello nazionale tra FS Italiane e il Dipartimento nazionale della Protezione Civile, con lo scopo di potenziare la preparazione delle attività riguardanti il territorio regionale a seguito di eventi e criticità di varia natura relative al trasporto ferroviario, stabilendo modalità e procedure comuni di intervento. “Questa intesa – ha affermato il sottosegretario Torchia - completa il quadro di riferimento della Protezione civile della Calabria, perché si aggiunge anche alla pianificazione messa in atto l’anno scorso, e suggella un rapporto di collaborazione attiva con il Gruppo FS per i casi di emergenza ferroviaria. Con le Ferrovie è già in atto una collaborazione legata allo scambio di informazioni a supporto degli interventi di protezione civile e quest’atto assicura un ulteriore sviluppo dei rapporti di collaborazione già esistenti, concordando modalità operative da attuare in caso di emergenza per un miglior coordinamento nella fasi di previsione e prevenzione puntando anche su esercitazioni pratiche”. “Oggi è stato firmato – ha dichiarato Franco Fiumara – un protocollo all’avanguardia che in base all’aggiornamento dell’accordo sottoscritto con il Dipartimento nazionale di Protezione civile nel 2008, introduce importanti innovazioni. Chi è un tecnico della materia – ha proseguito – ha in mente solo una cosa: intervenire e ripristinare le condizioni precedenti all’ evento disastroso. Ma nessuno può farlo da solo. Il coordinamento tra le varie strutture che, a diverso titolo, dovranno intervenire nei casi di emergenza, è fondamentale. Perciò è basilare la formazione per meglio organizzare gli interventi e per far conoscere tra di loro le persone che dovranno operare sul campo. Questi gli ingredienti per fronteggiare al meglio le emergenze, questo lo spirito del protocollo”. I dettagli tecnici della convenzione sono stati illustrati dal dirigente della Protezione civile regionale, Salvatore Mazzeo, che ha parlato “di un atto che segna un ulteriore sforzo per creare un modello d’intervento unico, per parlare la stessa lingua” ed ha espresso l’auspicio “di poter organizzare una sala operativa permanente e non solo per la gestione delle emergenze”.