\\ Home Page : Articolo : Stampa
TRASPORTI: RICCARDI, LA REGIONE FVG COMPRA ALTRI DUE NUOVI TRENI
Di Omar Cugini (del 28/11/2012 @ 17:03:01, in News, visualizzato 959 volte)

Trieste, 28 nov - "Abbiamo prenotato altri 21 milioni di euro per comperare due nuovi treni che si aggiungono agli otto in costruzione e oltre ai due già opzionati. In tutto, in questi anni, il Friuli Venezia Giulia ha lavorato per mettere a disposizione 12 nuovi convogli per fare quel salto di qualità atteso nel servizio ferroviario". Lo afferma l'assessore regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità Riccardo Riccardi al termine dei lavori della Giunta regionale che nella seduta odierna ha approvato la spesa, spiegando come le risorse stanziate garantiranno anche altre tipologie di investimento: "oltre ai treni - ha detto l'assessore - i sistemi di politensione per consentirne l'utilizzo anche sulla rete austriaca e le scorte tecniche necessarie per la manutenzione del nuovo parco rotabile". Il potenziamento dei collegamenti transfrontalieri di trasporto pubblico è l'altro obiettivo al quale tende la decisione di acquistare i due ulteriori elettrotreni dalla società spagnola CAF, che a breve consegnerà i primi degli otto 'Civity' già acquistati e in attesa dell'autorizzazione al loro utilizzo da parte dell'Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria. "La linea ferroviaria Udine-Villaco, realizzata nell'ambito dell'iniziativa UE Micotra e operativa in via sperimentale dallo scorso giugno - afferma l'assessore Riccardi - è importante per la normale mobilità transfrontaliera, ma apre anche la possibilità di incentivare l'attrattività turistica del nostro territorio in connessione con la ciclovia Alpe Adria", che muove da Salisburgo, attraversa la Carinzia e scende attraverso Tarvisio, Gemona, Udine, fino al mare di Grado. Anche per questo tutta la flotta di elettrotreni acquistati dalla Regione sarà dotata di specifiche attrezzature per il trasporto di un adeguato numero di biciclette. "La mobilità - dice ancora Riccardi - è uno dei fattori importanti anche per il GECT (Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale) appena firmato, al quale oggi partecipano Friuli Venezia Giulia, Veneto e Carinzia e al quale guardano con interesse Slovenia e Croazia. In quest'ottica, la flotta regionale sarà composta da treni predisposti per circolare anche sulle reti austriaca e slovena". "L'obiettivo principale rimane quello di rispondere alle esigenze dei quasi 25.000 pendolari che ogni giorno salgono sui treni del trasporto pubblico regionale - sottolinea l'assessore - ma facilitare la mobilità transfrontaliera è obiettivo non secondario quando guardiamo ai possibili futuri scenari di collaborazione in questa parte dell'Europa"