Forum ilmondodeitreni
Forum ilmondodeitreni
Home | Profilo | Registrati | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 Trasporto Pubblico Locale Roma
 TPL a Roma e nel Lazio
 Crisi dell' ATAC : Siamo al Capolinea ?
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: of 87

glnstefer
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

373 Messaggi

Inviato il 16/09/2015 :  16:18:18  Guarda il profilo di  Visita il Sito di glnstefer  Rispondi Citando
Preoccupa che i Cinesi Non si son fatti avanti, e peggio anche i Francesi dell' RATP di Parigi ....
A Proposito di Francia , Il Generale De Gaulle per mettere raziocinio contro il multipartitismo diceva "Non Si Può Governare con 130 diversi tipi di Formaggi" ...
Ed Allora mi domando o Propongo , come fatto già in altre Regioni ...
Perché Non Unificare Tutte, ma proprio Tutte le Aziende di Trasporto del Lazio in un' unica Identità , tipo una nuova ACOTRAL o STEFER ?
Premetto che da Informatico riterrei fattibile questo oggi, anche perché l' informatizzazione oltre al taglio delle poltrone ed unificazione di spese e forniture potrebbe Razionalizzare i Costi...


MR FOREVER

Giuliano - STEFER http://digilander.libero.it/stefer77/
Torna all'inizio della Pagina

iencenelli
Moderatore(Coordinatore Movimento)

8276 Messaggi

Inviato il 16/09/2015 :  16:39:44  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
è normale che una azienda non si accolli una società in quasi fallimento , costa meno prendere in appalto il servizio da zero
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33959 Messaggi

Inviato il 16/09/2015 :  16:49:11  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di glnstefer

Preoccupa che i Cinesi Non si son fatti avanti, e peggio anche i Francesi dell' RATP di Parigi ....
A Proposito di Francia , Il Generale De Gaulle per mettere raziocinio contro il multipartitismo diceva "Non Si Può Governare con 130 diversi tipi di Formaggi" ...
Ed Allora mi domando o Propongo , come fatto già in altre Regioni ...
Perché Non Unificare Tutte, ma proprio Tutte le Aziende di Trasporto del Lazio in un' unica Identità , tipo una nuova ACOTRAL o STEFER ?
Premetto che da Informatico riterrei fattibile questo oggi, anche perché l' informatizzazione oltre al taglio delle poltrone ed unificazione di spese e forniture potrebbe Razionalizzare i Costi...



Per vari motivi: intanto nel Lazio c'è un microcosmo di aziende, alcune che coprono varie città (vedi Schiaffini, Troiani, RossiBus,AGO) altre a carattere locale. La regione è presente a Latina con ATRAL cmq. Detto ciò: il tpl urbano è di competenza comunale, sono i comuni a fare gare/affidamenti. Potrebbe sorgere qualcosa a livello di bacino ex provinciale, ma non so quanto il gioco valga la candela...anche perché sarebbero sproporzionati i costi. Si potrebbe, e dico si potrebbe, fare un'azienda unica del tipo che ad ATAC viene tolta la parte ferroviaria extraurbana (ergo la sola RomaNord purtroppo) e la sia ccopri con CoTraL a condizione che la CoTraL diventi anche essa stessa IF e partecipi alle gare nel lazio per avere una alternativa ad FS. Nella situazione attuale...forget it

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina

Alex
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

672 Messaggi

Inviato il 16/09/2015 :  20:34:14  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di iencenelli

è normale che una azienda non si accolli una società in quasi fallimento , costa meno prendere in appalto il servizio da zero


Ma le bad company servono a questo, Alitalia insegna. Certo, significa che il passivo se lo ciuccia la collettività, ma al momento se lo carica comunque. Voglio dire che recenti e famose case histories ci dicono che questo è fattibile, ma ce n'è la reale volontà?
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33959 Messaggi

Inviato il 16/09/2015 :  20:35:41  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76  Rispondi Citando
A Roma se privatizzi l'amici degli amici non possono più fare il bello e il cattivo tempo, i $$indacati non possono imboscare gente e chi più ne ha più ne metta

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina

iencenelli
Moderatore(Coordinatore Movimento)

8276 Messaggi

Inviato il 17/09/2015 :  02:59:55  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Bad compani non servono... Meglio far morire tutto , mandare a casa il personale in eccesso e tenere solo i necessari.
Da atac prenderebbero autisti e macchinisti (se loro vogliono) e una piccolissima parte di personale d'ufficio e di movimento...
La metà del personale verrebbe sfanculata all'istante
Torna all'inizio della Pagina

aequicolo
Oper. Spec. Circolazione (Guardablocco)

Lazio
216 Messaggi

Inviato il 17/09/2015 :  09:23:52  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Ma così verrebbe meno un bel "bacino" di voti.Un dipendente=una famiglia=tanti voti al politico raccomandante di turno.
A pensar mae si fa peccato ,ma il più delle volte ci si azzecca (Andreotti)


saluti






Torna all'inizio della Pagina

Fab 1224
Professional Senior(1° Aggiunto di Reparto)

21540 Messaggi

Inviato il 17/09/2015 :  10:57:21  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di iencenelli

Bad compani non servono... Meglio far morire tutto , mandare a casa il personale in eccesso e tenere solo i necessari.
Da atac prenderebbero autisti e macchinisti (se loro vogliono) e una piccolissima parte di personale d'ufficio e di movimento...
La metà del personale verrebbe sfanculata all'istante


"magari" si potesse agire in questa maniera, in italia c'e' sempre il compromesso fra politica e sindacati...
Torna all'inizio della Pagina

Alex
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

672 Messaggi

Inviato il 17/09/2015 :  13:01:42  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
sì, ma vi sfugge sempre il solito dettaglio: chi paga il debito? La bad company a quello serve.
Se non ti liberi delle passività regresse non puoi iniziare da zero.
Torna all'inizio della Pagina

Fab 1224
Professional Senior(1° Aggiunto di Reparto)

21540 Messaggi

Inviato il 17/09/2015 :  23:51:01  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Credo di si... Sia nel caso intervenisse busitalia con la regione che i cinesi ad esempio...
Personalmente mi riferivo con "magari" esclusivamente al taglio e il reintegro del personale...
Torna all'inizio della Pagina

Alex
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

672 Messaggi

Inviato il 18/09/2015 :  09:19:42  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quello è un discorso a parte che esula dal passivo di bilancio. E' chiaro che se lo Stato si accolla il debito come contropartita chiederà il mantenimento dello stato occupazionale attuale, quantomeno il più possibile. Quando nella vertenza Alitalia c'era da scegliere tra Air France (=tagli significativi al personale e ristrutturazione dolorosa) e i "capitani coraggiosi" di CAI (=dilettanti allo sbaraglio ma con margini di manovra pre concordati con il Ministero) hanno scelto i secondi, Governo di centrodx e sindacati entrambi d'accordo; e ho detto tutto. Nessuna amministrazione attuale, futura o futuribile si sporcherebbe mai le mani rendendosi complice di una macelleria sociale in Atac, non tanto per motivi etici o di coscienza ma semplicemente per le ricadute di immagine ed elettorali che questa azione comporterebbe.
Per questi motivi ritengo molto improbabile una vera privatizzazione e per vera intendo con le caratteristiche di un'azienda che opera sul mercato e con le leggi del mercato, non il cambio di ragione sociale in spa e il solito consiglio di amministrazione di parvenus nominato dalla politica.
Torna all'inizio della Pagina

Fab 1224
Professional Senior(1° Aggiunto di Reparto)

21540 Messaggi

Inviato il 18/09/2015 :  10:59:37  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
D'accordo con te in questa tua analisi, sia sulla vicenda passata di alitalia che su quella del futuro di atac...
Torna all'inizio della Pagina

Br1
Capo Stazione

774 Messaggi

Inviato il 05/10/2015 :  15:53:53  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
ma qual era il motivo dei procedimenti disciplinari tanto far sì che i sindacati ne richiedano la sospensione?
dal sito atac http://www.atac.roma.it/page.asp?r=15516&p=160
Atac: in corso valutazione su richiesta revoca sanzioni
In relazione alla richiesta di Cgil, Cisl e Uil di sospendere i procedimenti di sanzione disciplinare attivati nei mesi scorsi verso alcuni dipendenti, Atac comunica che e' in corso una "attenta valutazione" da parte degli organi aziendali.
L'esito finale sara' comunicato alle organizzazioni sindacali.
Torna all'inizio della Pagina

Hammill
Dirigente Movimento Operatore

Lazio
3567 Messaggi

Inviato il 18/10/2015 :  15:28:57  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Interessante intervista su Repubblica di oggi all'assessore dimissionario Stefano Esposito:

http://pdroma.it/stefano-esposito-manager-strapagati-e-incompetenti-hanno-depredato-latac-ora-vi-faccio-i-nomi/

Stefano Esposito: “Manager strapagati e incompetenti hanno depredato l’Atac, ora vi faccio i nomi”

18 ottobre 2015/in In evidenza, Interviste, PD e la Città /
Mauro Favale intervista Stefano Esposito, la Repubblica, 18 ottobre 2015



L’Atac secondo Stefano Esposito è un «far west», un’azienda «senza speranze» dove in questi anni «la politica ha scorrazzato liberamente», promuovendo «manager senza competenze che hanno qualcosa da nascondere» e prendono decisioni in un «clima costantemente avvelenato», di «guerra permanente coi dipendenti». Tutto questo, al netto di ciò che potrà emergere dalle inchieste aperte in procura e presso l’Anac. Indagini che, sostiene l’assessore capitolino ai trasporti, rischiano al confronto di far apparire il simbolo di Tangentopoli Mario Chiesa e il suo Pio Albergo Trivulzio di Milano «un collegio di lattanti».

Tre mesi dopo il suo ingresso nella squadra di Ignazio Marino, a due settimane dalle decadenza della giunta che lascerà spazio all’arrivo del commissario nominato dal governo, Esposito punta il dito contro i vertici della municipalizzata, quelli che «quando hanno saputo delle mie dimissioni hanno brindato».

Chi ha stappato lo champagne, assessore?

«Quei 15-20 manager superpagatí a 200-250 mila euro l’anno, quelli a cui dissi, appena arrivato qui a luglio “io vi romperò i coglioni”».

I nomi, assessore.

«Posso immaginare che un brindisi l’abbia fatto Giuseppe Depaoli, il direttore del personale che mal sopportava le mie iniziative per provare a mettere un po’ di pace col personale, preferendo invece lavorare in un clima di scontro permanente».

Si è chiesto il perché?

«Forse perché fa comodo avere questo clima per nascondere i veri problemi dell’azienda e dire che è colpa dei lavoratori».

Depaoli ha brindato da solo?

«Lui è una delle peggiori espressioni dell’azienda dal punto di vista gestionale: ma in Atac c’è il responsabile delle relazioni industriali indagato per la vicenda della Parentopoli, il capo dell’ufficio legale coinvolto in quella dell’Ama. Può una municipalizzata che versa in queste condizioni permettersi manager così? Non dico che vanno licenziati, ma almeno messi di lato».

E i suoi rapporti con l’amministratore delegato dimissionario Danilo Broggi?

«Ho chiuso con lui da più di un mese, da quando mi promise di dare il via libera al bilancio l’8 di settembre. Salvo poi non approvarlo e non dirmi nulla».

Ma una parte di questo management è stato nominato dalla giunta Marino.

«Una parte, esattamente. Per il resto, questi sono gli stessi vertici che hanno liquidato 1,2 milioni di euro al responsabile della bigliettazione parallela».

Com’è finita quella vicenda?

«È in mano alla procura».

E la bigliettazione in Atac ora è regolare o ci sono ancora angoli bui?

«Non ho elementi per pronunciarmi, nè in un senso, nè nell’altro».

Lei ha consegnato in Procura un dossier sugli appalti in azienda. Poi ha citato Mario Chiesa, l’arrestato che dette il via a Tangentopoli.

«Ma lui era un lattante in confronto alle cifre in ballo oggi: si parla di gare per 2 miliardi e 200 milioni di euro, 4500 miliardi delle vecchie lire. Dove li hanno spesi, visto che il servizio è così scarso? Con un giro così vorticoso di soldi speriamo sia tutto in regola».

Puzza di tangenti?

«Il sospetto è lecito. La reazione rabbiosa che ho ricevuto in azienda quando ho chiesto approfondimenti su questi appalti mi fa pensare che abbiano qualcosa da nascondere».

Cos’è mancato in questi anni ad Atac?

«Il controllo della politica, l’indirizzo. Lo dice la storia: nell’era Alemanno gli assessori invece di dare la linea, passavano all’azienda gli elenchi di chi assumere e dei dirigenti da promuovere».

Il centrosinistra è assolto?

«Io sono di parte eppure ho sempre detto che una situazione così non si crea in cinque anni. La logica consociativa e clientelare che vige oggi in Atac non può essere figlia solo del centrodestra. Con Alemanno è arrivato lo sfascio organizzativo, l’eliminazione delle persone competenti che hanno dovuto fare posto a manager incapaci. Ho cominciato a monitorare le gare a trattativa privata a partire dal 2011. Ma andando indietro chissà cosa si trova».

Atac si giustifica, parla di campagna diffamatoria e difende gli appalti di questi anni.

«Più si giustificano con i comunicati stampa più confermano l’idea che ho maturato. E cioè, che non sono buoni».

Non si salva nessuno del management?

«Enrico Sciarra, il responsabile metro-ferro. Uno che trovi sempre, a qualsiasi ora».

Il 2 novembre voi andrete via, arriverà il commissario. In Atac si brinderà di nuovo?

«Fossi in loro riporrei lo champagne in frigo. Prima di andarmene ho acceso i riflettori. Si è mossa l’Anac, si è mossa la procura: direi che hanno poco da festeggiare».

Tags: ama, Anac, atac, bigliettazione, Danilo Broggi, Enrico Sciarra, Gianni Alemanno, Giuseppe Depaoli, manager, Parentopoli, stefano esposito


Teo Orlando
Torna all'inizio della Pagina

alejandro.roma
Professional Senior(1° Aggiunto di Reparto)

Lazio
12823 Messaggi

Inviato il 18/10/2015 :  19:05:02  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Per me il vero danno e` stato.
il controllo o influenza di una parte della
politica , difatti l`indirizzo e` stato
assumere a tutto spiano, troppo in assoluto come mai accaduto, i
risultati sono sotto gli occhi di tutti.


***************************************
I mezzi su rotaia sono i migliori mezzi di trasporto pubblico
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: of 87 Discussione  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina Forum ilmondodeitreni - © Ilmondodeitreni.it 2005-2019 Antidoto.org | Brutto.it | Estela.org | Equiweb.it
Questa pagina è stata generata in0,18 secondi Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.05