Forum ilmondodeitreni
Forum ilmondodeitreni
Home | Profilo | Registrati | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 Ferrovie Italiane
 Ferrovie Italiane
 Ferrovia Sicignano Lagonegro
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Autore Discussione  

rosasera
Oper. Spec. Circolazione (Guardablocco)

Campania
249 Messaggi

Inviato il il 21/09/2012 :  10:21:56  Guarda il profilo di  Visita il Sito di rosasera  Rispondi Citando
Segnalo questa iniziativa per chi è interessato.
“C’era una volta il treno...”. La ferrovia Sicignano-Lagonegro tra storia, paesaggio e mobilità sostenibile
La ferrovia Sicignano – Lagonegro non racconta episodi della “grande storia” ma la sua realizzazione è stata un veicolo formidabile di integrazione e di coinvolgimento istituzionale di Province e di Comuni, che cercavano di inserirsi da protagonisti nella vita nazionale postunitaria, comprendendo immediatamente l’importante contributo che la strada ferrata era in grado di dare alla valorizzazione dei propri territori. Il treno è stato così per lungo tempo l’unico mezzo di trasporto portatore di sviluppo, esprimendo in sé stesso e nelle sue tecnologie un concetto di progresso inarrestabile.
La mostra documentario-fotografica e l’attività didattica sono dedicate al tracciato ferroviario ed all’intimo legame che ha caratterizzato il rapporto con il territorio in cui si è radicato, come un’ arteria che ha alimentato economie, vita e cultura dei luoghi attraversati, determinando rilevanti trasformazioni.
Partecipano all’iniziativa, promossa dalla Soprintendenza archivistica per la Campania, la Soprintendenza BAP di Salerno e Avellino, la Soprintendenza BSAE di Salerno e Avellino, la Soprintendenza archivistica per la Basilicata, le scuole e i Comuni di Atena Lucana, Buonabitacolo, Casalbuono, Monte San Giacomo, Montesano sulla Marcellana, Padula, Polla, Sala Consilina, San Pietro al Tanagro, San Rufo, Sant'Arsenio, Sanza, Sassano, Teggiano , le Province di Salerno e di Potenza, i parchi nazionali, le comunità montane e le associazioni culturali del territorio.
Data Inizio:29 settembre 2012
Data Fine: 29 settembre 2012
Costo del biglietto: Gratuito
Prenotazione: Facoltativa
Luogo: Padula (SA), Certosa di San Lorenzo
Orario: ore 10.00-13.00
Telefono: 3351708108
E-mail: michelina.sessa@beniculturali.it

Segnalo anche l'aggiornamento dell'articolo sulla ferrovia in questione con le foto di pochi giorni fa alla pagina www.lestradeferrate.it/mono8.htm

Modificato da - rosasera in data 21/09/2012 10:24:55

Massimo
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Lazio
406 Messaggi

Inviato il 15/04/2013 :  10:18:12  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Se ne riparla:

http://www.giornaledelcilento.it/it/12-04-2013-caso_ferrovia_sicignano_lagonegro_al_ministero_dei_trasporti_incontro_con_mauro_moretti-17155.html

Caso ferrovia Sicignano - Lagonegro, al ministero dei Trasporti incontro con Mauro Moretti


Si è tenuto nella mattinata di venerdì 12 aprile l’incontro con l'amministratore delegato di Ferrovie Mario Moretti. La delegazione pro ferrovia ha visto la presenza di: Gianni Pittella, vice-presidente vicario del parlamento, Rocco Della Corte, comitato per la riattivazione della Sicignano-Lagonegro, Rocco Panetta, codacons Vallo di Diano, Tommaso Pellegrino, sindaco di Sassano, Piero Muscolino, ex dirigente delle ferrovie e Salvatore Passavanti, ex capo tronco della linea a Sala Consilina.

Ad introdurre l’incontro è stato Gianni Pittella, che si è fatto portavoce delle esigenze del territorio sottolineando l’importanza della riattivazione della tratta. Ha poi ceduto la parola a Rocco Della Corte, del comitato pro ferrovia che ha, invece, evidenziato come la riattivazione della Sicignano-Lagonegro, sospesa dal servizio dal lontano 1987, sia diventata sempre più un'esigenza per la comunità (composta da oltre 100.000 abitanti) in fatto di pendolarismo, turismo e sviluppo economico. Inoltre la recente istituzione dell'alta velocità con i freccia rossa nel capoluogo Salerno accentua la necessità di un collegamento diretto con lo scalo salernitano, visto l'isolamento persistente – confermato anche dal sindaco di Sassano Pellegrino - delle zone di Vallo di Diano e Lagonegrese.

Successivamente, dopo l’intervento di Rocco Panetta in veste di rappresentante dei trasporti del codacons in cui si sono ribaditi i concetti espressi dal comitato, ha preso la parola proprio il sindaco Tommaso Pellegrino. Il primo cittadino di Sassano ha smentito lo scarso pendolarismo e portato all’attenzione dell’amministratore delegato quelle che sono le esigenze delle amministrazioni. Mauro Moretti si è mostrato sensibile e attento alle problematiche e ha aperto alla riattivazione, parlando di un eventuale servizio a spola (due treni che circolano nelle due direzioni di marcia tra i capolinea) fra Salerno e Lagonegro. Nell’immediato, l’amministratore di ferrovie Italiane ha dichiarato che verrà riaperto il capitolo del ripristino con uno studio di fattibilità aggiornato e improntato al minimo costo da consegnare a breve scadenza (circa un mese). Dopo aver definitivamente fissato i costi necessari ai lavori di riattivazione, andranno coinvolte le regioni Basilicata e Campania interessate dalla linea. Inoltre, come già noto, sono disponibili dei fondi comunitari europei per infrastrutture primarie e strategiche come può considerarsi la Sicignano-Lagonegro da utilizzare nel periodo 2014-2020. Sono invece stati riassorbiti i finanziamenti di 15 milioni di euro concessi alla provincia di Salerno per i lavori di riapertura nel 2003 dalla legge n.376: un’occasione concreta persa malamente. L’incontro è terminato con una foto di rito di tutti i partecipanti a suggello di una collaborazione speriamo duratura e utile a riportare finalmente il treno nel Vallo di Diano.
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33260 Messaggi

Inviato il 15/04/2013 :  11:34:20  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76  Rispondi Citando
Si, ma visto che la regione campania è molto allergica alle ferrovie (tipo il Piemonte), resta da capire se effettivamente vorranno cacciare i soldi....

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina

roso
Oper. Spec. Circolazione (Guardablocco)

Calabria
210 Messaggi

Inviato il 21/06/2013 :  15:49:57  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
dipende anche come sta messa la linea,e che traffico avrebbe oggi
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33260 Messaggi

Inviato il 21/06/2013 :  17:23:21  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76  Rispondi Citando
la linea...beh.....credo vada rifatta daccapo...son anni che non si esegue manutenzione....il traffico....boooohhhhh....

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina

roso
Oper. Spec. Circolazione (Guardablocco)

Calabria
210 Messaggi

Inviato il 21/06/2013 :  21:25:24  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
daccapo,allora misà che passerà parecchio tempo prima di vedere di nuovo il treno da quelle parti
Torna all'inizio della Pagina

Simoned
Ausiliario

Lazio
18 Messaggi

Inviato il 02/05/2014 :  15:21:33  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Sarebbe bello se venisse riaperta al pubblico anche questa linea Ferroviaria.
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33260 Messaggi

Inviato il 03/05/2014 :  22:56:28  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76  Rispondi Citando
Molto difficile.

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina

Solitairwolf
Dirigente Movimento Operatore

2613 Messaggi

Inviato il 19/07/2018 :  20:05:57  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Buone notizie in vista?

http://www.ferrovie.it/portale/articoli/7603
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33260 Messaggi

Inviato il 09/08/2019 :  20:24:48  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76  Rispondi Citando
Spiace deludere i sogni di chi pensa che basta uno studio di fattibilità per riaprire la linea: i costi sono esorbitanti, tra diserbo, bonifica sede ferroviaria, sostituzione armamento, sistemazione gallerie, ricostruzione ponti (nei pressi di Padula le travate son state rimosse per motivi di sicurezza) , automazione PL ed installazione CTC/DCO. Chi paga?

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina Forum ilmondodeitreni - © Ilmondodeitreni.it 2005-2019 Antidoto.org | Brutto.it | Estela.org | Equiweb.it
Questa pagina è stata generata in0,5 secondi Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.05