Forum ilmondodeitreni
Forum ilmondodeitreni
Home | Profilo | Registrati | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 Trasporto Pubblico Locale Roma
 Metropolitana di Roma
 [MA.300 - MB.400] Convogli CAF
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: of 19

Marzio Montebello
Capo Stazione

2000 Messaggi

Inviato il il 21/09/2009 :  23:08:18  Guarda il profilo di  Rispondi Citando


Visto che da inizio 2005 prestano servizio sulla metro A, ma alcuni di essi sono sulla Lido e la loro immissione sulla B è imminente, parliamone!

n/a
deleted

3045 Messaggi

Inviato il 22/09/2009 :  02:53:20  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Treno S/300 ( aka MA 300 )
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I treni tipo S/300 sono i nuovi convogli metropolitani acquistati nel 2005 da parte della società Met.Ro, che gestisce la metropolitana di Roma. Sono entrati in servizio sulla rete romana con la sigla MA300.

Il progetto nasce da una gara del 1999 bandita dal Comune di Roma, finanziata al 40% dal Comune e per il 60% dallo Stato, per l'acquisto da parte di Metropolitana di Roma SpA [1] di 45 di questi veicoli, in livrea bianco-rossa, consegnati a partire dal gennaio 2005 ed entrati in servizio pochi mesi dopo sulla Linea A. Attualmente è in corso l'inserimento di questi treni anche sulla Roma-Lido.

Prodotti dalla spagnola CAF (Construcciones y Auxiliar de Ferrocarrilles), sono costruiti negli stabilimenti di Beasain e Saragozza, in composizione di sei casse. Il convoglio è costituito da due carrozze pilota con pantografo (ma non motorizzate), e quattro carrozze intermedie dotate di carrelli motori. Le carrozze sono assemblate in due unità di trazione simmetriche, composte da due motrici e una testata ognuna, funzionanti in modo indipendente tra loro ed in grado di soccorrersi reciprocamente in caso di guasti.

La costituzione del convoglio è semipermanente, per cui è necessaria un'officina attrezzata per apportare modifiche alla composizione. Tra le diverse casse sono posizionate delle capsule ammortizzanti antiurto oleoidrauliche. L'intero convoglio è "a salone", e non vi sono suddivisioni tra le casse né stretti passaggi intercomunicanti. Sulle estremità sono presenti degli agganci semiautomatici per permettere l'accoppiamento di più veicoli, con fissaggio meccanico e pneumatico. Sempre sulle testate sono posti una coppia di ammortizzatori anti-climber, che impediscono il sormonto tra casse in caso di incidente, mentre lungo il treno la funzione è realizzata da montanti rigidi.

La cassa è in lega di alluminio, autoportante in estrusi elettrosaldati. Il rivestimento interno è in composito di poliestere rinforzato con fibra di vetro, arredato con sedili di tipo cantilever (senza piede d'appoggio) disposti a parete e realizzati da lastre di composito sagomate e termoformate (SMC) e raccolti in nove panche da 4 posti l'una. Le porte di accesso sono quattro per cassa, a scorrimento laterale, con apertura utile di 1300 x 1900 mm, monitorate e con sistema dinamico di regolazione della forza di chiusura in grado di rilevare ostacoli sul percorso tramite la misura della resistenza elettrica offerta dagli attuatori.

Ogni carrozza è omologata per 38 passeggeri seduti e 168 in piedi, mentre le due testate possono alloggiare 160 passeggeri in piedi, 32 seduti e due disabili ognuna, per un totale di 1.212 posti vendibili sul convoglio.

Gli spazi passeggeri sono attrezzati con 44 monitor di informazione video al passeggero, impianto audio, 8 display di indicazione della linea e delle fermate, citofono per il contatto col macchinista. Inoltre su ogni cassa vi sono una coppia di sistemi di ripresa antivandalismo. Tutti gli arredi sono trattati con apposite pellicole antivandaliche ed antigraffito.

Solo le due testate non sono dotate di carrelli motori, e ogni carrello monta due motori trifase gemelli autoventilati a circuito chiuso. Ogni convoglio ha quindi in totale otto gruppi di propulsione composti da due motori l'uno, in grado di produrre un'accelerazione di 1 m/s2.

I motori sono posti longitudinalmente sul carrello, appesi sulla parte inferiore della struttura (al contrario rispetto ai normali carrelli ferroviari): i motori sono collegati tramite un sistema di trasmissione posto sull'asse, e trasmettono il movimento alle ruota. Il raggio minimo di curvatura è di soli 69 m. L'alimentazione è delegata ad un inverter IGBT da 3,3 kV e 1200 A

I carrelli motori sono dotati di un singolo disco frenante autoventilante, calettato sull'asse: su questi carrelli il disco è posto in posizione asimmetrica sull'asse e contrapposto tra i due assi del carrello. Al contrario, i carrelli delle testate portano una coppia di dischi per asse, in posizione simmetrica.

Il freno è elettrico a recupero grazie sui motori elettrici reversibili. A questo si aggiunge un freno di soccorso ad attivazione pneumatica, con controllo automatico delle morse. Questi due sistemi sono controllati dal computer di bordo e vengono usati in congiunzione, dando priorità al freno a recupero.

Inoltre gli S/300 sono dotati di frenatura di emergenza automatica e di freno di stazionamento a molla ad accumulo di energia in gradi di sostenere il convoglio su una pendenza massima del 4%. In condizioni normali il sistema frenante può produrre una decelerazione di 1.1 m/s2, che arriva a 1.3 m/s2 con l'intervento del freno di emergenza.

I carrelli di testa sono dotati di cacciapietre, mentre i carrelli motori portano sabbiere e ungibordo. Le ruote sono di tipo monoblocco, pensate per ridurre i rumori di rotolamento e le vibrazioni in marcia.

La sospensione è pneumatica, con un sistema primario in molle in acciaio incapsulate da smorzatori in gomma e un sistema secondario realizzato tramite una coppia di molle sul supporto delle boccole dove sono alloggiati i cuscinetti a sfera. L'appoggio della cassa è tramite ralla con perno verticale che insiste sulla trave ballerina.

La pneumatica di bordo è alimentata da una coppia di motocompressori da 1850/l min a 10 bar, situati nel sottocassa.

I treni sono alimentati a 1500 V, secondo la tensione in uso sulla Metropolitana di Roma: ogni treno è dotato di due convertitori statici da bassa tensione, rispettivamente da 400 V corrente alternata e 170 KVoltAmpere e da 72 V a corrente continua e 35 KW, a cui si affiancano una coppia di convertitori ausiliari da 11 KVoltAmpere per la ventilazione e l'alimentazione d'emergenza. Inoltre ogni treno è dotato di due batterie di emergenza da 230 Ampere/ora, principalmente per l'assorbimento dei cali di tensione.

I pantografi si trovano simmetricamente sulla parte posteriore delle due testate. Il treno è dotato di autodiagnostica e comunicazione terra-treno full duplex, di sistema di sicurezza Train Stop (un sistema a ripetizione di segnale), di blocco automatico in caso di divisione involontaria del convoglio e del tradizionale dispositivo vigilante per il controllo dell'attenzione del macchinista.

Inoltre vi è un sistema di rilevamento di fumi ed un circuito elettrico di diagnostica per incendi. di Il banco di manovra è di tipo unificato, adatto a singolo operatore.

L'impianto di condizionamento a gas ecologico, composto da due unità posizionate sotto la cassa del veicolo per la parte meccanica e sull'imperiale per l'evaporatore, può erogare 48 kW di potenza: l'aria è distribuita lungo un solo canale centrale.




Dati treno:

Anni di progettazione 	           1999 - 2003
Anni di costruzione                2003 - oggi
Anni di esercizio                  2005 - oggi
Quantità prodotta                  45 convogli
Costruttore                        CAF
Distanza dal Piano del ferro       1100 mm
Interperno                         11.100 mm
Passo dei carrelli                 2.350 mm
Diametro ruote motrici             900 mm
Potenza oraria                     2800 KW
Sforzo trazione massimo            312 KN
Velocità massima omologata         90 km/h
Alimentazione                      1,5 KV CC

Dati testate:

Dimensioni                         18.200 x 2.830 x 3.550 mm
Capacità                           32 posti a sedere, 160 in piedi, 2 disabili
Massa vuoto                        29,5 t
Rodiggio                           2'2'

Dati Rimorchiate:

Dimensioni                         17.920 x 2.830 x 3.550 mm
Capacità                           38 posti a sedere, 168 in piedi
Massa vuoto                        30.8 t ( carrozze intermedie )
                                   30.5 t ( carrozze centrali )
Rodiggio                           Bo'Bo'

"Lo sviluppo di una nazione si misura anche dallo stato della sua rete ferroviaria".
Camillo Benso Conte di Cavour
[...]"Nei casi imprevisti ogni agente, nei limiti delle proprie attribuzioni, deve provvedere usando senno e ponderatezza[...]" Regolamento d'esercizio FS

Modificato da - n/a il 22/09/2009 02:53:45
Torna all'inizio della Pagina

emipaco
Amministratore(Capo Reparto Movimento)

Lazio
13461 Messaggi

Inviato il 22/09/2009 :  09:02:04  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
sono curioso di sapere se la livrea dei CAF sulla linea B sarà uguale a quella sulla A (bianchi con la banda "porpora"); tendenzialmente dovrebbe essere così, perchè come certo ricorderete i primi CAF sulla A avevano una fascia arancione, sostituita poi da quella porpora per richiamare il "brand roma"...
anche sulla numerazione ci sarebbe da parlare, perchè la serie MA300 è quasi esaurita, almeno credo...

colui che sorride quando le cose vanno male ha già trovato qualcuno a cui dare la colpa (Arthur Bloch)
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

3045 Messaggi

Inviato il 22/09/2009 :  18:03:16  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di emipaco

sono curioso di sapere se la livrea dei CAF sulla linea B sarà uguale a quella sulla A (bianchi con la banda "porpora"); tendenzialmente dovrebbe essere così, perchè come certo ricorderete i primi CAF sulla A avevano una fascia arancione, sostituita poi da quella porpora per richiamare il "brand roma"...


Imho: sì


quote:
anche sulla numerazione ci sarebbe da parlare, perchè la serie MA300 è quasi esaurita, almeno credo...



In effetti quelli della foto sono numerati RA384.3 quindi è il treno 42 50 treni si fa presto a farli... Magari continuano con il 400 fregandosene della prima cifra e fanno il gruppo 3xx-4xx come del resto le MA100 in reatà sono 0xx-1xx

Imatricolarli come MB200 ( ad esempio ) mi sembrerebbe stupido considerando che non hanno diferenze rispetto al gruppo MA300...

"Lo sviluppo di una nazione si misura anche dallo stato della sua rete ferroviaria".
Camillo Benso Conte di Cavour
[...]"Nei casi imprevisti ogni agente, nei limiti delle proprie attribuzioni, deve provvedere usando senno e ponderatezza[...]" Regolamento d'esercizio FS

Modificato da - n/a il 22/09/2009 18:03:42
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33743 Messaggi

Inviato il 22/09/2009 :  23:41:08  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76  Rispondi Citando
Si, ma chi ah scritto al voce di wikipedia non consoce il Train-Stop, che non è la ripetizione segnali,son le boe poste sui segnali imperativi...il famoso 0 rosso sulla ripetizione segnali che comporta il riarmo dell'apposito interruttore piombato, nonchè suppongo il DCT che lancia bestemmie anche usando il calendario etiope....

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

3045 Messaggi

Inviato il 23/09/2009 :  01:21:58  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di Gemini76

Si, ma chi ah scritto al voce di wikipedia non consoce il Train-Stop, che non è la ripetizione segnali,son le boe poste sui segnali imperativi...il famoso 0 rosso sulla ripetizione segnali che comporta il riarmo dell'apposito interruttore piombato, nonchè suppongo il DCT che lancia bestemmie anche usando il calendario etiope....



A dire il vero Il Train-Stop non sono boe, ma sono delle "braccia" che vanno meccanicamente a frenare il convoglio. In questa foto si vede il braccio "abbassato":



Comunque se non sei daccordo con la voce di wikipedia invece di lamentarti cambiala :-)

{ imagine presa dalla voce inglese di wikipedia sul Train Stop )

"Lo sviluppo di una nazione si misura anche dallo stato della sua rete ferroviaria".
Camillo Benso Conte di Cavour
[...]"Nei casi imprevisti ogni agente, nei limiti delle proprie attribuzioni, deve provvedere usando senno e ponderatezza[...]" Regolamento d'esercizio FS

Modificato da - n/a il 23/09/2009 01:23:43
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33743 Messaggi

Inviato il 23/09/2009 :  09:43:52  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76  Rispondi Citando
non perdo tempo con wikipedia, non la reputo neanche una fonte affidabile al 100%, ma semplicemente un passatempo x avere alcune nozioni

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina

ferpas
Capo Stazione

Campania
1574 Messaggi

Inviato il 23/09/2009 :  17:32:09  Guarda il profilo di  Visita il Sito di ferpas  Rispondi Citando
ma è vero che sono arrivati i caf a magliana??? però io ho un presentimento: non è che sono stati trasferiti dei caf dalla A alla B????? da dove sono saltati fuori questi caf per la B se la commessa era esaurita con gli ultimi treni che sono stati destinati alla lido??? qualcuno ne sa niete

MA 100
Torna all'inizio della Pagina

alejandro.roma
Professional Senior(1° Aggiunto di Reparto)

Lazio
12293 Messaggi

Inviato il 23/09/2009 :  20:27:13  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Potresti avere ragione, perchè il caf immortalato da Francesco in zona Eur http://www.busbusnet.com/forum/topic.asp?TOPIC_ID=2644&whichpage=9 assomiglia in tutto e per tutto a quelli in servizio sulla A, ma cosi facendo però la linea A resterebbe scoperta di ben otto treni, a meno che non abbiano Ma100 o Ma200 a sufficienza per metterci una pezza..


***************************************
I mezzi su rotaia sono i migliori mezzi di trasporto pubblico
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

3045 Messaggi

Inviato il 23/09/2009 :  21:15:42  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Mi sembra strano che abbiano tolto 8 mezzi alla A, forse hanno tolto 1 CAF ( perché di questo si parla ) per fare delle prove in attesa che la CAF costruisca i 8 mezzi della B. Se si vedesse la matricola ogni dubbi verebbe chiarito.

"Lo sviluppo di una nazione si misura anche dallo stato della sua rete ferroviaria".
Camillo Benso Conte di Cavour
[...]"Nei casi imprevisti ogni agente, nei limiti delle proprie attribuzioni, deve provvedere usando senno e ponderatezza[...]" Regolamento d'esercizio FS

Modificato da - n/a il 23/09/2009 21:52:03
Torna all'inizio della Pagina

fla5
Capo Stazione

756 Messaggi

Inviato il 23/09/2009 :  21:21:26  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
sicuramente è strano che sia saltato un caf ora, il primo caf era previsto per ottobre e via via uno al mese, ma nuovi, non dalla A, altrimenti il problema del caldo si sposta un sulla A e un po' sulla B (poi vi immaginate a cambiare tutte le fermade e i sedili da rossi a blu, sperando che abbiano un minimo di coerenza)


Torna all'inizio della Pagina

Spo
Capo Stazione

1137 Messaggi

Inviato il 23/09/2009 :  22:13:59  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
In effetti non credo che quelli della B avranno la stessa livrea di quelli della A...
potrebbe essere tranquillamente che hanno mandato uno di quelli della A a fare un preesercizio - test sulla B in attesa dell'arrivo dei veri convogli per la B

Comunque se non fosse per i colori per la data delle consegne potrebbe anche essere stato della B: la prima consegna era prevista per ottobre, che inizia tra una settimana circa, quindi magari avevano la produzione già avviata ed hanno fatto presto a farlo...

Modificato da - Spo il 23/09/2009 22:21:06
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33743 Messaggi

Inviato il 23/09/2009 :  22:34:20  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76  Rispondi Citando
Mode ot per il Trains Stop:
Il sistema di protezione Train Stop è un insieme di apparecchiature, operanti in funzionamento automatico, per l’arresto condizionato dei treni. Opera ogni volta che il treno stesso transita in corrispondenza di segnali protetti per integrare le garanzie di sicurezza nella marcia dei convogli.
Il funzionamento avviene, mediante accoppiamento induttivo, tra un dispositivo di captazione installato a bordo del rotabile ed un altro simile di terra installato in corrispondenza di punti singolari della linea. Per tale motivo viene anche denominato gergalmente sistema di protezione discontinuo puntuale. I due dispositivi che operano l’accoppiamento induttivo sono gergalmente denominati “BOE”.
La funzione svolta da questo dispositivo è quella di intervenire sull’apparato di frenatura di emergenza del rotabile ogni volta che il treno oltrepassa indebitamente uno dei punti protetti della linea con segnale disposto a via impedita.
Per consentire lo scopo indicato il sistema consta di due parti principali distinte: la parte fissa ubicata a terra, in prossimità del binario e punti della linea definiti, e la parte di bordo, mobile e solidale al primo carrello dei convogli.
Le informazioni trasmesse da terra a bordo possono essere interpretate nei due modi seguenti:
#61553; punto della linea disposto a via libera;
#61553; punto della linea disposto a via impedita.
In condizioni di funzionamento normali, in relazione allo stato trasmesso il convoglio opera automaticamente per il transito o l’arresto di emergenza.

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina

ferpas
Capo Stazione

Campania
1574 Messaggi

Inviato il 23/09/2009 :  23:36:11  Guarda il profilo di  Visita il Sito di ferpas  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di Razziatore

Mi sembra strano che abbiano tolto 8 mezzi alla A, forse hanno tolto 1 CAF ( perché di questo si parla ) per fare delle prove in attesa che la CAF costruisca i 8 mezzi della B. Se si vedesse la matricola ogni dubbi verebbe chiarito.



forse hai ragione allora il trasferimento immortalato da francesco riguarda un caf spostato dalla A alla B. Sulla A dovrebbero esserci ancora 2 MA 100 e 4 MA 200 giusto???

Però ho un'altro dubbio: non potevano effettuare le prove con uno dei caf della lido??? So che differiscono in qualcosa rispetto ai Caf della A però visto che si tratta solo di prove possono anche farli con quelli della lido

MA 100

Modificato da - ferpas il 24/09/2009 00:13:08
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33743 Messaggi

Inviato il 23/09/2009 :  23:44:31  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76  Rispondi Citando
Una MA100 l'ho avvistata oggi

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina

Giancarlo Giacobbo
Professional Senior(1° Aggiunto di Reparto)

Lazio
8028 Messaggi

Inviato il 24/09/2009 :  00:14:57  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Scusate, ma se è previsto che i nuovi CAF arrivino a cominciare da ottobre, è possibile che sia stato stornato un treno dalla A per permettere al personale della B di cominciare ad impratichirsi, così, quando ci saranno i nuovi arrivati ci sarà già chi saprà guidarli per fargli fare il pre esercizio.

Giancarlo
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: of 19 Discussione  
Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina Forum ilmondodeitreni - © Ilmondodeitreni.it 2005-2019 Antidoto.org | Brutto.it | Estela.org | Equiweb.it
Questa pagina è stata generata in0,18 secondi Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.05