Approfondimenti


Il trasporto delle merci pericolose 

Parte 1


L'Istruzione per l'Applicazione  del Regolamento per il trasporto ferroviario di Merci Pericolose (IRMP) elenca le descrizioni delle materie comprese nelle classi che verranno di seguito elencate, le specifiche tecniche di carri, cisterne e contenitori per il trasporto di Merci Pericolose oltre a tutte le prescrizioni di carico e trasporto delle suddette merci. In queste pagine cercheremo di spiegare, a grandi linee, la normativa che regola il trasporto delle merci pericolose. Il trasporto delle merci pericolose in ferrovia disciplinato dal Decreto Legislativo 13 gennaio 1999, n. 41  "Attuazione delle direttive 96/49/CE e 96/87/CE relative al trasporto di merci pericolose per ferrovia" che ha abrogato l'allegato n. 7 alle "condizioni e tariffe per il trasporto delle cose sulle Ferrovie dello Stato, regolamento per il trasporto per ferrovia delle merci pericolose (RMP)", di cui al regio decreto-legge 25 gennaio 1940, n. 9, convertito dalla legge 13 maggio 1940, n. 674, e successive modificazioni. Le norme regolamentari e tecniche integrative per il trasporto di rifiuti sono adottate ai sensi dell'articolo 18, comma 2, lettera i), e comma 4, del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, e successive modifiche ed integrazioni

Le materie e oggetti del RID/RMP sono raggruppati nelle seguenti classi:

Classe 1 Materie ed oggetti esplosivi
Classe 2 Gas compressi,liquefatti o disciolti sotto pressione
Classe 2.3 Gas tossici (solo IRMP)
Classe 3 Materie liquide infiammabili
Classe 4.1 Materie solide infiammabili
Classe 4.2 Materie soggette ad accensione spontanea
Classe 4.3 Materie che, a contatto con l'acqua, sviluppano gas infiammabili
Classe 5.1 Materie comburenti
Classe 5.2 Perossidi organici
Classe 6.1 Materie tossiche
Classe 6.2 Materie infettanti e ripugnanti
Classe 7 Materie radioattive
Classe 8 Materie corrosive
Classe 9 Materie e oggetti pericolosi diversi

 

Le etichette di pericolo

Tutti i carri o i singoli colli trasportanti merci pericolose (che rientrano nelle classi sopra elencate)  devono portare in maniera visibile le etichette indicate nella seguente tabella (Estratto relativo alla segnalazione delle cisterne, dei carri e contenitori per il trasporto alla rinfusa e alle etichette di pericolo per trasporti di merci pericolose - IRMP). Le etichette da utilizzare, aventi  forma di un quadrato con il lato di 150 mm posato sulla punta, sono riportate in una apposita tabella del "Regolamento Merci Pericolose". Cliccando su ogni singola etichetta si accede alla descrizione della singola classe di pericolo (come da tabella precedente) 

ETICHETTE DI PERICOLO

Etichetta Numero Tipo di materia
Classe 1 1

Esplosivi che comportano:

  • 1.1: esplosione di massa;
  • 1.2: proiezione senza esplosione di massa;
  • 1.3: incendio con leggero rischio di proiezione o spostamento d'aria.
1.4 Materie esplosive che comportano un rischio minore d'esplosione
1.5 Materie esplosive poco sensibili comportanti rischio di esplosione di massa.
1.6 Materie esplosive estremamente poco sensibili che non comportano rischio di esplosione di massa.
01 Materie non classificate fra gli esplosivi ma con rischio di esplosione (di solito comburenti e perossidi organici)
Classe 2 2 Materie gassose non infiammabili e non tossiche
2.3 Gas Tossici
Classe 3 3 Pericolo d'incendio (materie liquide infiammabili)
4.1 Pericolo d'incendio (materie solide infiammabili, materie autoreattive e materie esplodibili desensibilizzate)
4.2 Materie (solide) spontaneamente infiammabili.
4.3 Materie solide che a contatto con l'acqua sviluppano gas infiammabili.
5.1 Materie comburenti.
5.2 Perossidi organici.
05 Pericolo di attivazione di un incendio
6.1 Materia tossica, da tenere isolata da derrate alimentari, o da altri oggetti di consumo e alimenti per animali nei carri e nei magazzini merci
6.2 Materia infettante o presentante rischio biologico, da tenere isolata da derrate alimentari, o da altri oggetti di consumo e alimenti per animali nei carri e nei magazzini merci
7A Materie radioattive in colli di categoria  I-BIANCA. In caso di avaria dei colli pericolo per la salute a causa di ingestione, inalazione o contatto con la materia che si trova sparsa
irmpclasse7.htm 7B Materie radioattive in colli di categoria II-GIALLA. Colli da tenere lontano da colli che portano una etichetta con l'iscrizione FOTO . In caso di avaria dei colli pericolo per la salute a causa di ingestione, inalazione o contatto con la materia che si trova sparsa come pure rischio di radiazione esterna a distanza
7C Materie radioattive di categoria  III-GIALLA. Colli da tenere lontano da colli che portano una etichetta con l'iscrizione FOTO . In caso di avaria dei colli pericolo per la salute a causa di ingestione, inalazione o contatto con la materia che si trova sparsa come pure rischio di radiazione esterna a distanza
7D Materia radioattiva che presenta i pericoli descritti nelle etichette n. 7A, 7B e 7C
7E Materia radioattiva fissile
8 Materie corrosive.
9 Materie e oggetti diversi, che durante il trasporto presentano un pericolo diverso da quelli contemplati nelle classi precedenti 
13 Carri da  manovrare con precauzione, evitando, comunque, urti a velocità superiore a 7 Km/h 8passo d'uomo).
15 Divieto assoluto di manovra a spinta e/o a gravità. I carri devono essere accompagnati in manovra da un mezzo di trazione con divieto di urti e contraccolpi
* Marchio per materie trasportate a caldo (misura di almeno 250 mm). Vedi 5.3.3 RID
* Segnale di attenzione relativo ai carri ed ai contenitori che hanno subito un processo di fumigazione. vedi 5.5.2.2. RID

 

Distanziamento

 

Precauzioni di manovra


Parte 2: Il Tabellone Arancione ed i codici ONU


Torna all'indice