Forum ilmondodeitreni
Forum ilmondodeitreni
Home | Profilo | Registrati | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 Trasporto Pubblico Locale Roma
 TPL a Roma e nel Lazio
 a volte tornano: la funivia di Roma
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Pagina Precedente
Autore Discussione
Pagina: of 5

Fab 1224
Professional Senior(1° Aggiunto di Reparto)

21540 Messaggi

Inviato il 13/12/2017 :  11:02:09  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
La funivia tanto desiderata dalla giunta pentastellata dovrebbe essere pronta entro l'estate del 2021.. ovvero a termine di questo mandato e ad inizio del prossimo, ma non sarà atac a gestirla.

Modificato da - Fab 1224 il 13/12/2017 11:03:50
Torna all'inizio della Pagina

emipaco
Amministratore(Capo Reparto Movimento)

Lazio
13998 Messaggi

Inviato il 13/12/2017 :  11:50:46  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
ma di quello mi importa il giusto, purchè integrata come titoli di viaggio nel metrebus

colui che sorride quando le cose vanno male ha già trovato qualcuno a cui dare la colpa (Arthur Bloch)
Torna all'inizio della Pagina

Fab 1224
Professional Senior(1° Aggiunto di Reparto)

21540 Messaggi

Inviato il 13/12/2017 :  12:40:05  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Beh spero che a tal proposito ne tengano conto.
Torna all'inizio della Pagina

ROMULUS31
Capo Stazione

1932 Messaggi

Inviato il 13/12/2017 :  15:16:29  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di l_pisani_54

In una linea di metropolitana, mano mano che ci si allontana dal centro e ci si avvicina al capolinea periferico, diminuisce il numero di passeggeri trasportati.
Quindi è giusto far arrivare il "ferro" solo fin dove vale la pena, anche perché si tratta di una infrastruttura costosa e non avrebbe senso fargli trasportare aria per gli ultimi chilometri.
In alcuni casi si fa una diramazione dove, dato il minor flusso di passeggeri, è giustificata una frequenza dimezzata (un treno da una parte ed uno dall'altra).
Vedo di buon occhio quindi, in situazioni periferiche limitate, anche nella lunghezza, l'uso di un simile mezzo alternativo, che possa collegare un abitato relativamente vicino alla metropolitana, non certo come sostituto a questa.
La rottura di carico, dato il funzionamento praticamente in continuo di una cabinovia, è trascurabile, e sicuramente di molto inferiore a quella provocata da una linea di tram o di bus.
Per ora non credo che esista un progetto serio e se le uniche cose uscite sono state elaborate da gente che parla di funicolare invece che di cabinovia, o al massimo, di funivia, non bisogna dargli credito particolare.
Certo, non si tratta di piantare dei paletti tipo i lampioni stradali, comunque l'esecutivo di una simile opera lo può fare solo una ditta specializzata, anche perché alla soluzione tecnologica adottata è legato il tipo di impianto.
Gli impianti aperti, ovvero le seggiovie, hanno dei problemi per il sorvolo delle aree abitate, in quanto potrebbero cadere degli oggetti, infatti in alcuni casi si usano delle reti o altre protezioni.
Questo non accade per gli impianti chiusi (cabinovie e funivie), naturalmente c'è una normativa ben precisa sulle distanze ammissibili e tanti altri elementi.
Il discorso delle 500 persone in contemporanea quindi è per motivi di sicurezza, in caso di evacuazione dei passeggeri.
Che io sappia, in caso di guasto, tutti gli impianti moderni dispongono di dispositivi di emergenza, che possono supplire ad un black out (gruppo elettrogeno), o ad un guasto del motore principale, permettendo comunque la ripartenza dell'impianto, a velocità ridotta, nel secondo caso, in modo da portare a destinazione tutti i passeggeri.
Per questo tipo di emergenza, non ne sono sicuro, ma si può approfondire, la presenza delle stazioni intermedie, utili a far scendere i passeggeri, potrebbe far considerare la tratta parziale tra due fermate e non l'intero percorso.
Comunque 500 persone, su una linea lunga un paio di km, non sono certo poche.
Diverso sarebbe il discorso di un blocco dell'impianto non risolvibile, che costringerebbe ad evacuare i passeggeri lungo il cavo, dopo aver calato i soccorritori dall'elicottero, come è accaduto di recente sul Monte Bianco, ma si tratta di un evento rarissimo, ed in genere legato a delle condizioni meteo proibitive, inimmaginabili a Roma.
Voglio ricordare che gli impianti più recenti, usano tecnologie sofisticate ed operano normalmente in condizioni molto dure, senza fermarsi mai, anche perché può essere molto complicato recuperare qualche centinaio di sciatori in mezzo alle montagne, con la notte che avanza.



Milano infatti ha tutto da insegnarci con la M1 e soprattutto con la M2

Torna all'inizio della Pagina
Pagina: of 5 Discussione  
Pagina Precedente
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina Forum ilmondodeitreni - © Ilmondodeitreni.it 2005-2019 Antidoto.org | Brutto.it | Estela.org | Equiweb.it
Questa pagina è stata generata in0,14 secondi Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.05