Forum ilmondodeitreni
Forum ilmondodeitreni
Home | Profilo | Registrati | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 Ferrovie Italiane
 Ferrovie Italiane
 Ferrovia Terni Sulmona
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: of 10

binario
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Umbria
530 Messaggi

Inviato il 13/06/2019 :  09:30:30  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Notizia a margine: da quanto letto in giro, entro fine giugno a Terni dovrebbe entrare in funzione l'ACC in sostituzione del preesistente ACEI.
Torna all'inizio della Pagina

Leonardo da Civitella
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Lazio
454 Messaggi

Inviato il 13/06/2019 :  14:33:10  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
https://www.rietilife.com/2019/06/13/flash-passaggi-livello-bloccati-citta-disagi-alla-circolazione/

A quanti pare ciò sta divrntando un'abitudine a Rieti.

Saluti,Leonardo

Modificato da - Leonardo da Civitella il 13/06/2019 14:34:54
Torna all'inizio della Pagina

Gabbianone94
Ausiliario

Lazio
109 Messaggi

Inviato il 13/06/2019 :  16:18:53  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Prendo lo spunto dalla notizia postata da Leonardo da Civitella per fare ai più esperti una domanda.

Come avevo già detto nella pagina precedente, da qualche mese il comune di Rieti ha avviato un dialogo con RFI per provvedere a eliminare i passaggi al livello della città. Che attualmente sono molti, in particolare ce ne sono cinque in piena area urbana e per andare dal centro ai quartieri a nord esistono solo due strade che sovra/sottopassano la ferrovia (una sola delle quali agibile da parte dei mezzi pesanti).

Eliminarli farebbe la felicità degli automobilisti, ma rischia anche di generare polemiche, perché ci sono molti edifici a bordo strada che si verrebbero a trovare sulla rampa di discesa/risalita, ed esistono parecchie strade parallele alla ferrovia che rischierebbero di essere troncate perdendo il loro sbocco sul viale dove sorgerebbe il sottopasso. Inoltre, per mancanza di soldi, alcuni PL verrebbero aboliti senza costruire sottopassi, costringendo gli automobilisti a fare giri più lunghi.

Da una prima indiscrezione sembrerebbe che per il PL di viale Maraini verrebbe costruito un sottopasso carrabile, per quello di viale dei Flavi e via A. M. Ricci verrebbe costruito solo un sottopasso pedonale mentre altri 3 PL situati in campagna verrebbero chiusi raccordando la strada ad altra viabilità. Tutto questo perché, per ogni PL abolito, RFI incassa dallo stato 600.000€: insomma eliminando PL in campagna si racimolano i soldi per quelli il città. RFI al momento starebbe realizzando la progettazione definitiva.

Ora, la domanda è questa: eliminando questi passaggi a livello, ci sarebbero benefici per i treni in termini di tempi di percorrenza? Lo chiedo perché, a quanto riferito da un consigliere comunale, RFI avrebbe detto che si otterrebbe un risparmio di 10-12 minuti, e un amico ingegnere mi ha chiesto se sia un'esagerazione o no. Effettivamente mi pare che i treni vadano a molto meno della velocità di fiancata quando entrano a Rieti, ma non saprei quantificare.

Cosa ne pensate? E quali sono i motivi (norme precise o semplice prudenza)?

Modificato da - Gabbianone94 il 13/06/2019 16:24:27
Torna all'inizio della Pagina

binario
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Umbria
530 Messaggi

Inviato il 14/06/2019 :  15:24:31  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
10 - 12 minuti mi pare un'esagerazione completamente fuori dalla realtà.

Per guadagnare tanto secondo me non basta eliminare alcuni dei PL ma fare delle importanti modifiche che portino ala velocizzazione del tracciato e alla rimozione di eventuali rallentamenti in ingresso/uscita dalle stazioni; eliminare inutili perdite di tempo come il procedere a 30 km/h da Terni a Terni Cospea (quello si che può farti perdere un paio di minuti abbondanti). Se RFI intende che alla fine dei presunti lavori di velocizzazione del tracciato, la percorrenza di tutto il tratto può scendere di una decina di minuti, su questo non mi pronuncio anche perché non conosco il dettaglio dei lavori che intendono farsi (a parte l'eventuale elettrificazione, se mai si farà, ma che da sola non risolve il punto).

Il fatto che i treni talvolta impegnino alcuni tratti (compresi, ma non solo, gli attraversamenti con PL) potrebbe anche dipendere dal fatto che le tracce sono così larghe da poter essere rispettate senza dover spingere, e allora magari si presta anche una maggiore cautela in quei punti più sensibili come i PL. Parliamoci chiaramente, le tracce sulla Terni - L'Aquila aumentano di percorrenza di anno in anno .. se si guarda gli orari si vede che molti treni vanno abbondantemente oltre le 2 h sull'intero percorso 2h10, 2h15, uno addirittura 2h e 22. Cavolo, fino a qualche anno fa si riusciva a tenerli tranquillamente nelle 2 h con punte di velocizzazione nell'1h e 40). Ora c'è qualche treno che è se la gioca tra 1h 50 e le 2 h ... ma diversi sforano alla grande. Posso ammettere che l'introduzione di due tre fermate metropolitane tra Sassa e L'Aquila abbiano rallentato qualche treno ma... ho il vago sospetto che si punti a vivacchiare su quella linea. Magari è una impressione sbagliata ma ..

Modificato da - binario il 14/06/2019 15:26:11
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33410 Messaggi

Inviato il 14/06/2019 :  17:06:34  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di binario

Notizia a margine: da quanto letto in giro, entro fine giugno a Terni dovrebbe entrare in funzione l'ACC in sostituzione del preesistente ACEI.


Si, c'è la circolare sul sito RFI

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina

binario
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Umbria
530 Messaggi

Inviato il 17/06/2019 :  00:20:20  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Cmq pare che la ferrovia non chiuda.

https://corrieredirieti.corr.it/news/home/973099/garantito-il-collegamento-ferroviario-con-rieti-e-terni-rimodulati-gli-orari.html
Torna all'inizio della Pagina

emipaco
Amministratore(Capo Reparto Movimento)

Lazio
13076 Messaggi

Inviato il 17/06/2019 :  09:15:22  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quindi avevamo ragione, non esistevano lavori così importanti da richiedere la chiusura della linea...

colui che sorride quando le cose vanno male ha già trovato qualcuno a cui dare la colpa (Arthur Bloch)
Torna all'inizio della Pagina

binario
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Umbria
530 Messaggi

Inviato il 17/06/2019 :  10:52:23  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Evidentemente no.
E cmq, pur con tutti i limiti della ferrovia, la strada non è che è messa meglio ..
Torna all'inizio della Pagina

Gabbianone94
Ausiliario

Lazio
109 Messaggi

Inviato il 18/06/2019 :  00:15:15  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quote:
Messaggio di binario

Evidentemente no.
E cmq, pur con tutti i limiti della ferrovia, la strada non è che è messa meglio ..



La Terni-Rieti ha il vantaggio di essere la parte più agevole di tutta la linea Terni-L'Aquila: è vero che c'è il tratto ripido delle Marmore, ma fortunatamente sono solo 7 km su 40, e per il resto la linea è pressoché pianeggiante con curve ampie non meno di 500 metri.

La superstrada ha invece lo svantaggio di essere ad una sola corsia per senso di marcia, quindi non una strada velocissima vista anche la presenza di mezzi pesanti che non sempre si riescono a sorpassare, oltre ovviamente al fatto di doverla imboccare fuori città.

Tutto ciò fa sì che, per andare da Rieti a Terni senza tappe intermedie, auto e treno si equivalgono (in entrambi i casi ci vogliono sui 35 minuti) e non è poco per una linea mai aggiornata dal 1883.

Se poi si devono effettuare le fermate intermedie Contigliano/Greccio/Marmore (come nel caso degli autobus sostitutivi), si deve utilizzare la viabilità ordinaria (non la superstrada) che è quello che è, e soprattutto dopo Marmore diventa una specie di mulattiera andina: in quel caso il treno addirittura vince il confronto e non di poco.
Torna all'inizio della Pagina

binario
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Umbria
530 Messaggi

Inviato il 18/06/2019 :  14:12:36  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Tra Terni e Marmore i km ferroviari sono almeno il doppio, a causa del largo giro che la ferrovia è costretta a fare. Se devo dare adito alle progressive km messe su wikipedia alla pagina dedicata alla ferrovia, sono 15 pieni su 41 che separano Rieti (km. 190 secondo la progressiva originaria da Pescara) a Terni (231). Marmore sta a 216. E' una parte sicuramente minoritaria del tracciato, ma inizia ad incidere per circa 2/5 dello stesso. Hai ragione a dire che nel complesso il tratto Rieti - Terni è il più agevole per via della piana e dei larghi raggi di curvatura, ma come giustamente ricordi quello è un tracciato pensato nel 1883 per cui le velocità di fiancata della linea restano cmq basse per gli standard attuali. E infatti, se si esclude un brevissimo tratto dopo Marmore dove sono ammessi i 110, per il resto la ferrovia viaggia su velocità inferiori. Su una piana del genere senza ostacoli di alcun tipo, potresti ottenere ben altro, poi è chiaro, è una linea secondaria tangente alle principali direttrici di traffico e nessuno si sognerà di apportare migliorie importanti (che tuttavia l'orografia da Marmore a Rieti consentirebbe agevolmente). Cmq, ila ferrovia del 1883 con il suo tracciato problematico tra Terni e Marmore fu realizzata, all'epoca, nel tempo record di 10 mesi. Per fare la superstrada a pezzi e bocconi (ancora incompleta) sono passati decenni.

La superstrada (che nemmeno ha gli standard per essere definita così) è nata disgraziata e sta finendo peggio, ed è emblema di cosa accada quando si collegano tra loro due zone che nessuno (almeno ai poteri centrali) ha particolare interesse a collegare tra loro, per cui i lavori vengono fatti slittare in continuazione e quando poi vengono ripresi, vengono rivisti al ribasso.

Rieti e il Lazio hanno avuto, se non altro, l'abilità di realizzare subito il tratto di loro pertinenza (certo, come nel caso della ferrovia, era molto più facile del versante umbro con lo scalone di Marmore), peccato che si sono subito adagiati su una soluzione limitante adottando una semplice statale ad un senso di marcia.

Terni e l'Umbria (successivamente anche l'Anas ci si è messa di traverso) erano partiti tardi, però bene, perché il progetto originario di superstrada per Rieti era una superstrada vera a 2 corsie per senso di marcia che partendo dall'allaccio della E45 che scende da Perugia saliva dal lato di Collescipoli - Stroncone, con molti innegabili vantaggi. Anzitutto si evitava tutto il giro di Terni e ci si trovava (per i reatini) già sulla strada per Roma (ma anche Perugia), non ci si andava ad infognare li a Terni Est in un tratto peraltro anche critico (perché li al viadotto Toano in forte discesa ci sono tre corsie senza spartitraffico (una a scendere verso Spoleto e due a salire verso Roma), non si andava a passare sotto la discarica delle acciaierie, per Terni stessa si sarebbe realizzata una tangenziale molto più utile andando a liberare molto di quel tratto problematico tra Terni e Narni dove spesso la città si blocca nelle ore di punta. Hanno aspettato gli anni, alla fine hanno scelto il tracciato più breve ma non il meno problematico (tra la discarica delle acciaierie, la parete cedevole di Marmore e le falde del Velino); morale della favola, oggi abbiamo ancora una stradina piena di problemi, laddove doveva sorgere una moderna superstrada. E alla fine del progetto originario, è rimasto un piccolo moncone a 4 corsie che dallo svincolo per Perugia - Cesena finisce in una strada vicinale poco prima della Flaminia.

Per contro, quando a Foligno hanno deciso di completare la superstrada per Civitanova, hanno mandato su uno stradone a 4 corsie nonostante la salita e le numerose gallerie, e la differenza è sotto gli occhi di tutti.
Torna all'inizio della Pagina

binario
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Umbria
530 Messaggi

Inviato il 18/06/2019 :  14:22:45  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Soprassiedo poi sul fatto che chi deve andare entrare a Terni uscendo a Terni Est venendo da Spoleto o Roma/Perugia (fortunatamente non è il caso per chi viene da Rieti), è costretto a fare un ignobile giro affiancando il tratto reatino per poi scendere su una rotonda posta sotto il viadotto per poi risalirvi e riscendere giu a lato. Almeno nella precedente uscita prima del tratto per Rieti, come si usciva si prendeva subito la strada per la città. Soprassiedo anche sul fatto che, ancora ad oggi, non hanno realizzato un collegamento con le adiacenti acciaierie.
Torna all'inizio della Pagina

Gabbianone94
Ausiliario

Lazio
109 Messaggi

Inviato il 06/07/2019 :  19:51:18  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Sono andato a vedere il sito Trenitalia, per controllare che i treni ci siano anche dopo il 22 luglio, ed effettivamente ci sono; però sembra che abbiano anticipato la rimodulazione perché già ora l'offerta appare ridotta rispetto al solito. Già adesso, e fino al 25 agosto, sul percorso Terni-L'Aquila risultano esserci 9 collegamenti al giorno per direzione (invece dei soliti 11), di cui due sono svolti da autobus sostitutivi e uno è svolto per metà da treno (Terni-Antrodoco) e per metà da autobus (Antrodoco-L'Aquila).

Insomma sembra che abbiano interrotto la linea solo in alcune fasce orarie (tarda mattinata e pomeriggio dalle 17 in poi), lasciando i treni nelle altre, ma per più giorni rispetto a quando chiudeva del tutto.

Il che è sempre meglio di niente, ma bisogna dire che l'orario fa a dir poco schifo: nei feriali ci sono buchi di tre ore e mezza (anche considerando gli autobus), e nei festivi siamo davvero al lumicino (due treni + due autobus in tutta la giornata!)

Inoltre requiem per i diretti Roma-Rieti: di quattro collegamenti (2 andata + 2 ritorno), ad oggi ne hanno lasciato solamente uno (il Rieti-Roma delle 6:10), a cui non corrisponde nessun treno di ritorno; dev'essere così già da qualche giorno, non so quando abbiano segato gli altri tre. Questo fino al 31 luglio, perché poi smetterà di esserci anche quell'unico diretto e per tutto agosto non ci sarà niente (i quattro collegamenti saranno ripristinati il 2 settembre). Insomma una vittoria a metà...
Torna all'inizio della Pagina

kainash1
Dirigente Movimento Operatore

Lazio
2897 Messaggi

Inviato il 06/07/2019 :  23:17:18  Guarda il profilo di  Visita il Sito di kainash1  Rispondi Citando
Fin quando considereranno il trasporto regionale come un servizio per pendolari e studenti anziché per esseri umani in generale...
Questo, come pure l'anacronismo di continuare a considerare luglio e agosto i mesi di vacanze estive per tutti, magari fosse così, pendolari e lavoratori ci sono tutto l'anno.
Torna all'inizio della Pagina

emipaco
Amministratore(Capo Reparto Movimento)

Lazio
13076 Messaggi

Inviato il 08/07/2019 :  10:44:02  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
è vero quel che dici, ma onestamente a scuole chiuse gli spostamenti sui mezzi pubblici calano di oltre il 50%

colui che sorride quando le cose vanno male ha già trovato qualcuno a cui dare la colpa (Arthur Bloch)
Torna all'inizio della Pagina

binario
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Umbria
530 Messaggi

Inviato il 08/07/2019 :  12:32:36  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Avranno cercato la classica via di mezzo.

Volevano autosostituire il servizio (come ogni anno d'agosto), a causa dei problemi sulla superstrada e conseguenti pressioni ricevute, hanno mantenuto il servizio ferroviario dandogli una potata.

Torna all'inizio della Pagina
Pagina: of 10 Discussione  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina Forum ilmondodeitreni - © Ilmondodeitreni.it 2005-2019 Antidoto.org | Brutto.it | Estela.org | Equiweb.it
Questa pagina è stata generata in0,16 secondi Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.05