Forum ilmondodeitreni
Forum ilmondodeitreni
Home | Profilo | Registrati | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 Trasporto Pubblico Locale
 Altri mezzi di trasporto
 monorotaia Alweg Torino - Italia 61
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile
Autore Discussione  

Vinc
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Piemonte
473 Messaggi

Inviato il il 21/02/2010 :  16:35:28  Guarda il profilo di
Come torinese ormai coi capelli bianchi, mi permetto di fornire qualche informazione in più sulla monorotaia Alweg dell'expo di Italia 61 (la prima in Italia del genere), su cui vedo esservi già stata una discussione, avendovi viaggiato all'età di 12 anni.
La monorotaia venne installata all'interno dell'esposizione, come trasporto interno; attraversava infatti tutta l'area espositiva da un capo all'altro in senso Nord - Sud. Lunga circa 1 km, aveva solo le due stazioni capolinea, appunto Nord e Sud; non vi erano stazioni intermedie. Il tragitto tra i due capilinea durava circa 5 minuti.
Si accedeva alle stazioni mediante "tornelli" tipo metropolitana, funzionanti con monete da 50 Lire; una volta passate le barriere, si saliva con scalinate alle banchine di accesso al convoglio.

Censin

n/a
deleted

4036 Messaggi

Inviato il 21/02/2010 :  17:10:18  Guarda il profilo di
Ciao e benvenuto sul forum.
Interessante il discorso sulla monorotaia, hai altre informazioni\ricordi a tal proposito?
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

3045 Messaggi

Inviato il 21/02/2010 :  18:51:22  Guarda il profilo di
Credo che un buon punto di partenza è: http://www.italia61.it/monorail.htm

Attualmente quasi tutta la monorotaia è andata distrutta ne rimane solo un piccolo pezzettino sopra un lagetto artificiale vicino all'edificio del museo dell'automobile e una delle due stazione che oggi viene usata come padiglione infantile di un ospedale.

Il treno, mi pare che c'è ne fosse uno solo, è stato demolito.

"Lo sviluppo di una nazione si misura anche dallo stato della sua rete ferroviaria".
Camillo Benso Conte di Cavour
[...]"Nei casi imprevisti ogni agente, nei limiti delle proprie attribuzioni, deve provvedere usando senno e ponderatezza[...]" Regolamento d'esercizio FS
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33905 Messaggi

Inviato il 21/02/2010 :  19:39:34  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76
Il treno è rimasto conservato per anni in stato di abbandono. Poi, quando se n'è parlato troppo è finito flmabè in circostanze misteriose. Come le elettromotrici della Rimini - San Marino

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina

Gemini76
Amministratore Delegato

Lazio
33905 Messaggi

Inviato il 21/02/2010 :  19:44:34  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Gemini76
Mi correggo. il convoglio è stato lasciato per decenni in abbandono all'interno del capolinea nord, ed è stato demolito in quanto ormai semidistrutto dai vandali

************************
http://www.ilmondodeitreni.it

************************
Torna all'inizio della Pagina

Giovanni Carboni
Dirigente Movimento Operatore

Marche
2945 Messaggi

Inviato il 21/02/2010 :  20:52:28  Guarda il profilo di
Non conoscevo questa storia e ne sono davvero affascinato e colpito. Approfondirò l'argomento. Ringrazio per lo spunto Vinc e colgo l'occasione per dargli il benvenuto.

www.ferroviafvm.it

Torna all'inizio della Pagina

Vinc
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Piemonte
473 Messaggi

Inviato il 28/02/2010 :  20:33:44  Guarda il profilo di
Completo quanto detto all'inizio della discussione. La monorotaia funzionò egregiamente sino al termine di Italia 61, nell'autunno di quell'anno. Successivamente, si pose il problema di "cosa farne"; ci fu chi propose di prolungarla da una parte verso il centro e dall'altra verso Moncalieri, proposta scartata in quanto il percorso era troppo "fuori mano" rispetto alle correnti di traffico (l'attuale linea 1 del metrò, in costruzione, segue ad es. un percorso parallelo ma spostato a monte in Via Nizza, verso il Lingotto, il Centro commerciale 8Gallery e il Centro Fiere, quello della Fiera del Libro). Rimasta ferma tre anni, venne rimessa in funzione a scopo puramente ricreativo nell'estate 1964, a cura dell'Azienda Tranvie Municipali; fu un autentico fiasco! il più delle volte la vettura viaggiò col solo conducente a bordo. Nell'autunno, il servizio venne sospeso, e da allora la monorotaia non funzionò più.
Negli anni '70, per la costruzione di un sottopasso stradale, si rese necessario l'abbattimento della linea, ormai inutilizzata; venne conservato solo il tratto che attraversava il laghetto presso la stazione Sud, tuttora esistente.
Nel 1979, per un incendio, andò distrutta la rimessa, che era situata presso la stazione Nord, e con essa la motrice che ancora vi era ricoverata. Fu la fine definitiva della monorotaia torinese!
Attualmente, la stazione Sud è stata demolita; la Nord, assieme alla rimessa riattata, è stata riconvertita a struttura a servizio della vicina "cittadella ospedaliera" (ospedali Molinette, S.Anna, CTO e Infantile). Rimane solo il "rudere" del tratto sopra il laghetto.

Censin
Torna all'inizio della Pagina

Vinc
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Piemonte
473 Messaggi

Inviato il 28/02/2010 :  20:46:15  Guarda il profilo di
Volevo ancora aggiungere che le monorotaie si sono rivelate piuttosto deludenti come mezzo di trasporto di massa veramente utile, probabilmente per i loro limiti, come la difficoltà, data la rigidità della via di corsa, di realizzare scambi, incroci, ecc. In una monorotaia rettilinea, non vi può in pratica essere che una sola vettura che la percorre alternativamente nei due sensi (come era quella torinese). Per questo motivo, in molte realizzazioni, il percorso è circolare ad anello, con più vetture che lo percorrono sempre nello stesso senso, tale è ad esempio quello osservato nel 1992 alla Floriade (l'esposizione florovivaistica mondiale che si tiene in Olanda con cadenza decennale, in località sempre diverse del paese) nei pressi di L'Aia, con due vetture carrozzate da bruchi giganti.
Comunque, in Europa, l'impiego delle monorotaie è limitato a esposizioni, parchi divertimento e simili; non mi risulta che, nel nostro continente, ve ne siano come vero e proprio mezzo di trasporto di massa al pari di metropolitane, tram o autobus.

Censin
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

3045 Messaggi

Inviato il 28/02/2010 :  20:49:54  Guarda il profilo di
Non è vero si possono costruire scambi. Sono complessi, ma si possono costruire...

"Lo sviluppo di una nazione si misura anche dallo stato della sua rete ferroviaria".
Camillo Benso Conte di Cavour
[...]"Nei casi imprevisti ogni agente, nei limiti delle proprie attribuzioni, deve provvedere usando senno e ponderatezza[...]" Regolamento d'esercizio FS
Torna all'inizio della Pagina

Coccodrillo
Tecnico Circolazione (Capo Squadra Deviatori)

Estero
415 Messaggi

Inviato il 28/02/2010 :  21:09:10  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Coccodrillo
Infatti ha detto che sono difficili da costruire, non impossibili.

In Europa come trasporto pubblico c'è la monorotaia di Wuppertal, negli Stati Uniti c'è Las Vegas, più qualcuna in Asia ed una, principalmente turistica, a Sydney.

Vedi http://www.urbanrail.net/eu/vrr/wu/wuppertal.htm e pagine delle altre città.

Marco "Coccodrillo"
http://www.milanotrasporti.org/
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina Forum ilmondodeitreni - © Ilmondodeitreni.it 2005-2019 Antidoto.org | Brutto.it | Estela.org | Equiweb.it
Questa pagina è stata generata in0,09 secondi Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.05