La Ferrovia Suzzara – Ferrara (parte 2)

(qui la parte 1) Gli anni ’70 si aprono con l’arrivo di “nuovo” materiale rotabile. Infatti a causa della messa fuori servizio delle ALn 72.01 e 04 e delle “gemelline” ALn 56 la FSF si trovò nella necessità di reperire nuovo materiale rotabile, ricorrendo all’acquisto di  automotrici di costruzione anteguerra, già radiate dalle FS ma comunque in condizioni accettabili. La scelta cadde su cinque ALn556.1200, che avevano da poco cessato…

Continua la lettura

Share Button

La Ferrovia Ceva – Ormea

Alla fine del 1800, in pieno periodo di sviluppo del trasporto ferroviario in Italia, venne progettata una linea che mettesse in collegamento la Liguria con il Piemonte e la Francia, allo scopo di favorire il trasporto merci e gli scambi commerciali. Il progetto, prevedeva un percorso molto ardito,su un tracciato prevalentemente montuoso,tanto che si prevedeva di raggiungere la Francia, attraverso un tunnel che sottopassava il Colle di Nava. Ben presto…

Continua la lettura

Share Button

La Ferrovia Suzzara – Ferrara Parte 1

L’idea di realizzare una linea ferroviaria che collegasse Suzzara e Ferrara, quasi 80 km lunga la pianura padana, quasi seguendo il corso del Grande Fiume, prende corpo già nel 1875, quando uno dei più importanti giornali locali, La Gazzetta di Mantova, riporta un progetto di linea ferroviaria da Ferrara a Pontelagoscuro. Di questa ferrovia se ne discusse negli anni seguenti in diverse riunioni dell’amministrazione provinciale di Mantova, finchè, nella riunione…

Continua la lettura

Share Button

La Ferrovia dei bambini di Rivne

La Ferrovia dei Bambini di Rivne (Рівне дитяча залізниця) è una ferrovia a scartamento ridotto nella città di Rivne (Рівне) città dell’Ucraina Occidentale capoluogo dell’omonimo Oblast. La linea è un istituto scolastico extra-scolastico per bambini, che introduce gli studenti nelle classi 5-9 con specialità ferroviarie. I lavori di costruzione avvennero tra il 1948 e il 1949, durante l’ondata postbellica di costruzione di ferrovie per bambini nell’attuale Ucraina (all’epoca parte dell’URSS).…

Continua la lettura

Share Button

La ferrovia Teresva – Sighetu Marmaţiei – Rakhiv

Nel corso dello sviluppo tecnico dell’Ungheria, dopo l’ insediamento austro-ungarico nel 1867, secondo i desideri del governo ungherese, le aree periferiche del paese dovevano ricevere linee ferroviarie; queste regioni includevano anche le contee di Sathmar e Máramaros . La storia del collegamento inizia durante l’Impero austro-ungarico, quando, attraverso i passi dei Carpazi furono realizzate diverse linee ferroviarie a servizio dei vari centri abitati. All’inizio del 1890, i governi austriaco e…

Continua la lettura

Share Button

La ferrovia Domodossola – Locarno

Le prime ipotesi di un collegamento tra Locarno e l’Italia risalgono al 1898  ed ebbero per promotore il brillante sindaco della città Francesco Balli,  cui si dovranno anche la ferrovia della Valmaggia (1907) e le  tranvie  cittadine (1908). Accanto al sindaco elvetico, l’altro incrollabile sostenitore della ferrovia fu il maestro vigezzino Andrea Testore, figura  curiosa legatissima alla sua “piccola patria”, ma al contempo progressista,  acceso anticlericale e animato da una grande…

Continua la lettura

Share Button

La Ferrovia Noto – Pachino

Dopo l’apertura della ferrovia Siracusa – Gela – Canicattì, che permetteva di metteva l’area sud orientale della Sicilia in comunicazione con il Porto di Siracusa,e di conseguenza di poter spedire via ferrovia verso i mercati del nord i prodotti agricoli della zona, da più parti si rilevò la necessità di realizzare anche una ferrovia che collegasse anche la zona più meridionale della Sicilia con le sue attività agricole, vinicole e…

Continua la lettura

Share Button

La Ferrovia Motta S. Anastasia – Regalbuto

Di una linea ferroviaria che da Catania andasse sino a Leonforte, attraverso la valle del fiume Simeto si iniziò già a parlare nel 1875, quando il progetto di tale linea fu caldeggiato dalla Giunta Parlamentare incaricata di fare il punto sullo stato dei trasporti nell’isola. Il progetto ipotizzava che tale linea dovesse diramarsi dalla stazione di Motta S. Anastasia, risalire il fiume Simeto fin sotto Carcaci e da lì, seguendo…

Continua la lettura

Share Button

La Ferrovia Foggia – Manfredonia

Di un collegamento ferroviario con Manfredonia si iniziò a parlare già a metà dell’ottocento quando si intendeva prolungare la progettata linea Napoli – Benevento via Valle Caudina verso Foggia e Manfredonia, così da ottenere una linea traversale veloce che collegasse Mediterraneo ed Adriatico. Nonostante gli interessi iniziali tale progetto rimase sulla carta. Si ricominciò a parlare di un collegamento con Manfredonia nella seconda metà dell’ottocento: stavolta il progetto prevedeva un…

Continua la lettura

Share Button

La Ferrovia Casalecchio – Vignola

L’Emilia Romagna è certamente una delle regioni italiane che ha avuto in esercizio il maggior numero di tranvie a vapore, il cui sviluppo fu certamente favorito dall’andamento pianeggiante del territorio, che permise inoltre l’insediamento di numerosi centri abitati, ed in seguito di attività agricole ed industriali, spesso legate proprio alla trasformazione di prodotti agricoli. Anche Bologna, capoluogo della regione, non fu da meno, e vi vennero realizzate numerose linee ferroviarie…

Continua la lettura

Share Button