Le origini della trazione elettrica in Italia

Il primo esperimento di trazione elettrica avvenne in Gran Bretagna nel 1842 a cura di Robert Davidson. Esso costruì una locomotiva che impiegata sulla linea Edimburgo – Glasgow sviluppò una velocità di 6 Km/h rimorchiando una vettura del peso di 6 tonnellate. I successivi tentativi per migliorare l’uso della corrente elettrica come mezzo di alimentazione per le locomotive per lungo tempo non varcarono mai la soglia dei laboratori sperimentali. Bisognerà…

Continua la lettura

Share Button

Befana e Gruppo Fs, insieme da oltre 90 anni

Viso grinzoso, naso grande, gonna lunga, scopa e molti dolci da consegnare nelle calze di tutti i bambini. Nonostante le grandi distanze che separano le varie parti d’Italia, chiunque nel nostro paese non farebbe fatica a collegare immediatamente questa breve descrizione al personaggio della Befana, vero e proprio simbolo dell’Epifania. Non tutti però sono a conoscenza del lungo filo che da oltre 90 anni lega a stretto contatto la festività del 6 gennaio…

Continua la lettura

Share Button

ADM – Apparati per Deviatoi Manuali

In questo tipologia di apparati centrali il vincolo meccanico tra deviatoio e segnale è costituito esclusivamente dalle varie chiavi dei fermascambi. Tutti i deviatoi presenti nell’impianto sono manuali muniti o di  controllo di posizione con controllo elettrico (CEF) o muniti di FS55 (con eventuale unità bloccabile), o con fermascambio a chiave. In questa tipologia di apparati l’itinerario (di arrivo o partenza)  viene formato manovrando quindi manualmente i vari deviatoi,secondo il…

Continua la lettura

Share Button

Gli articoli più letti del 2020

Torna il nostro consueto appuntamento con la classifica degli articoli più letti del nostro sito nell’anno appena trascorso.  Nella classifica, poco al di fuori della top ten, si sono classificati gli articoli sulla minaccia di chiusura delle ferrovie dei bambini di Uzhorod e Lutsk, in Ucraina. Lo scorso 4 settembre demmo la notizia della volontà da parte di Ukrzaliznytsia di chiudere queste ferrovie. Ricordiamo che la notizia venne diffusa per…

Continua la lettura

Share Button

Sviluppo e declino delle ferrovie pioniere in Jugoslavia

Con la fine della Seconda Guerra Mondiale e l’ascesa al potere del Maresciallo Tito, la Jugoslavia diventa un fedele alleato dell’URSS ed in segno di amicizia, venne decisa la costruzione di ferrovie dei pionieri,primo paese al di fuori dell’URSS in tutte le repubbliche, sul collaudato modello sovietico. Solo in Montenegro, per motivi non noti,  non ne vennero realizzate. Caso piuttosto insolito in quanto la città di Podgorica, capitale della Repubblica…

Continua la lettura

Share Button

Locomotive tedesche sui binari delle ferrovie ucraine a scartamento ridotto

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, le ferrovie industriali a scartamento ridotto dell’URSS sperimentarono una grave carenza di locomotive, per superare la quale, a seguito delle riparazioni del dopoguerra, la Germania dovette produrre 400 potenti locomotive principali a scartamento ridotto. Per la loro produzione fu scelto lo stabilimento  Maschinenbau und Bahnbedarf AG Orenstein & Koppel di Babelsberg, che il 15 luglio 1948 fu ribattezzato Stabilimento di locomotive Karl Marx…

Continua la lettura

Share Button

Il segnalamento delle Ferrovie Ucraine (UZ) – Parte 2

(segue dalla parte 1) LUCI DI TRAFFICO DI USCITA (ВИХІДНІ СВІТЛОФОРИ – VYKHIDNI SVITLOFORY) I segnali di uscita, in aree dotate di blocco automatico (автоблокуванням) , mostrano i seguenti aspetti: una luce verde – “Il treno può lasciare la stazione e viaggiare alla velocità impostata; due o più sezioni di blocco sono libere davanti”              una luce gialla – “Il treno è autorizzato a lasciare…

Continua la lettura

Share Button

Il segnalamento delle ferrovie rumene (Parte 2 – Segnali luminosi di ingresso)

Dopo aver esaminato i segnali meccanici, passiamo ora ai segnali luminosi utilizzati sulla rete CFR.  I segnali luminosi di ingresso, equivalenti ai segnali di avviso RFI, hanno il palo dipinto con una striscia rossa e  forniscono le seguenti indicazioni: STOP, senza superare il segnale! Giorno e notte – una luce di colore rosso, verso il treno         LIBERO con impostare la velocità. Il prossimo segnale è a…

Continua la lettura

Share Button

Il segnalamento delle Ferrovie Ucraine (UZ) – Parte 1

In questa pagina andremo ad esaminare il segnalamento in uso sulle ferrovie ucraine. Tali segnali sono, in linea di massima, comuni in tutti i paesi dell’ex URSS. Nelle spiegazioni, dove i regolamenti stabiliscono che il segnale vada identificato da una lettera, è stata lasciata la grafia dell’alfabeto cirillico. I segnali sono normalmente installati alla destra del binario.  Secondo quanto indicato dalle “ІНСТРУКЦІЯ з сигналізації на залізницях України” (istruzioni sui segnali…

Continua la lettura

Share Button

Il segnalamento delle Ferrovie Slovene (SZ) Parte 5 (segnali di vecchio tipo)

Le particolarità relative solo ai segnali del vecchio tipo sono descritte in questo capitolo. Questi segnali, pur essendo ancora in uso in alcune linee/stazioni della rete SZ, non possono più essere installati e ne è prevista la loro sostituzione. L’aspetto dei Glavni Signali e dei Predsignali è stato trattato anche nella parte 1  “Stop” : Una luce rossa fissa. Il treno deve fermarsi prima di questo segnale ed è vietato l’ulteriore passaggio…

Continua la lettura

Share Button