Soluzione nel traffico regionale transfrontaliero tra Svizzera e Italia

In seguito ai colloqui tra la Presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga e la Ministra dei trasporti italiana Paola De Micheli  è stata trovata una soluzione grazie alla quale il traffico regionale tra la Svizzera e l’Italia può essere ripristinato.  Sulla base delle rassicurazioni fornite dalle autorità italiane, le FFS, in collaborazione con TILO e Trenord, hanno elaborato  soluzioni concrete per ripristinare i collegamenti tra le due regioni di confine.  In occasione del cambiamento d’orario di domenica 13 dicembre 2020, che porterà importanti cambiamenti nel traffico regionale sia per il Ticino sia per la Lombardia, grazie anche alla messa in esercizio della galleria di base del Monte Ceneri, i treni riprenderanno a circolare.  Dal 13 dicembre, nel traffico a lunga percorrenza, sull’asse del Gottardo e su quello del Sempione circoleranno giornalmente due coppie di treni tra la Svizzera e l’Italia. Il servizio regionale tornerà regolare entro il weekend grazie a una riprogrammazione da parte delle ferrovie svizzere. Si tratta di 171 collegamenti tra Canton Ticino e Lombardia effettuati dalla società TILO (partecipata al 50% Trenord-FFS). Scendendo nel dettaglio: verso Como-Milano  i pendolari frontalieri potranno cambiare treno nella stazione di Chiasso; verso Varese, invece, dovranno attendere che le FFS riattivino il servizio. Per quanto riguarda l’alta velocità oggi circolano 16 EuroCity (otto verso nord e altrettanti verso sud), di questi dieci via Chiasso e sei via Domodossola. Fino a sabato 12 circoleranno 6 EuroCity, di cui 4 via Domodossola e 2 via Chiasso. Da domenica 13 infine passeranno a 8, la metà dei quali via Domodossola e l’altra metà via Chiasso. Fra gli EuroCity attivati dal 13 dicembre ci sarà anche il nuovo collegamento Zurigo-Genova.

Share Button

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.