COVID-19 : I trasporti pubblici regolari continuano a circolare in Svizzera come da orario

Secondo le disposizioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica, i trasporti pubblici devono rimanere operativi anche durante un’epidemia o pandemia, in quanto la riduzione dell’offerta nei trasporti pubblici causerebbe pesanti conseguenze in diversi settori della vita e dell’economia. È pertanto fondamentale mantenere un’offerta di base nei trasporti pubblici. Conformemente a quanto stabilito dall’ordinanza OCTS, le FFS sono l’organizzazione incaricata del coordinamento del sistema nel traffico ferroviario, mentre AutoPostale SA coordina i trasporti pubblici regionali su strada (autobus e tram). Per i trasporti a fune e i battelli con funzione di collegamento basilare, per analogia devono essere riprese le disposizioni dei leader di sistema. Le organizzazioni coordinatrici FFS (ferrovia) e AutoPostale (strada) garantiscono, d’intesa con l’UFT, l’attuazione delle raccomandazioni dell’UFSP in seno alle imprese dei trasporti pubblici e ordinano in modo uniforme in tutta la Svizzera ulteriori misure necessarie per la gestione del sistema. Le singole imprese di trasporto sono responsabili dell’attuazione vincolante. 

Le FFS e AutoPostale applicano diverse misure per quanto concerne l’offerta, la protezione dei clienti e dei collaboratori, l’informazione alla clientela e la condiscendenza.

Offerta    

  • I trasporti pubblici regolari (per il traffico regionale e a lunga percorrenza) continuano a circolare come da orario.
  • Il traffico sulle linee prettamente turistiche senza funzione di collegamento, le corse speciali e le corse storiche sono sospesi.
  • Tutti i viaggi di gruppo sono annullati.
  • L’offerta internazionale verso l’Italia è già stata limitata. Ulteriori restrizioni sono previste per tutto il traffico internazionale a lunga percorrenza di viaggiatori.
  • L’autorità competente per i controlli alle frontiere nega l’entrata in Svizzera a tutte le persone provenienti da un Paese o una regione a rischio che non soddisfano le condizioni definite. I relativi controlli alle frontiere sono eseguiti dalle autorità competenti e non dal personale dei trasporti pubblici.
  • Il traffico merci viene mantenuto, per quanto possibile, con il suo volume attuale. L’UFSP non vede alcun motivo per limitarlo. Sono state attuate le misure protettive per i collaboratori del traffico merci.

Protezione dei clienti e dei collaboratori.

  • Dove possibile, nelle stazioni e alle fermate i treni e gli autobus aprono tutte le porte per evitare ai passeggeri di doverle aprire manualmente azionando i relativi pulsanti.
  • Tutti treni delle FFS vengono puliti più volte al giorno, in particolare le superfici all’entrata, nel compartimento viaggiatori e nei WC. Di notte i treni vengono nuovamente puliti a fondo.

Le misure di protezione del personale sui mezzi di trasporto vengono attuate nel miglior modo possibile:

  • Nel traffico a lunga percorrenza i treni continueranno a essere accompagnati. Da subito si riducono notevolmente i controlli dei biglietti. Rimane in vigore l’obbligo del biglietto.
  • Nel traffico regionale i controlli sporadici sono sospesi fino a nuovo avviso, anche in questo caso rimane valido l’obbligo del biglietto.
  • Il rilevamento delle frequenze nel traffico regionale e a lunga percorrenza è sospeso.
  • Si rinuncia completamente ai servizi di catering nei treni a partire da sabato 14 marzo (carrozze ristorante e servizio al posto).
  • In caso di bassa affluenza è possibile la chiusura dei Centri viaggiatori e dei punti vendita e/o un adeguamento degli orari di apertura. L’informazione sarà diffusa direttamente presso le sedi interessate.
  • Sugli autobus la porta anteriore all’altezza del conducente rimane chiusa, così come il settore del personale viaggiante. La vendita di biglietti sugli autobus è sospesa.

Informazione alla clientela e condiscendenza nel traffico ferroviario.

  • L’orario online su ffs.ch viene costantemente aggiornato. Le FFS e AutoPostale raccomandano di consultare l’orario su ffs.ch e nell’app Mobile FFS prima di mettersi in viaggio.
  • I clienti vengono informati attraverso gli usuali canali d’informazione nelle stazioni, sui treni e sugli autobus nonché alle fermate (schermi, tabelloni delle partenze e annunci agli altoparlanti) sulle nuove raccomandazioni e misure per i trasporti pubblici.
  • Le FFS e AutoPostale continueranno a essere concilianti, i costi per i viaggi annullati o non effettuati fino al 26 aprile 2020 saranno rimborsati per intero.
  • Si consiglia, nel limite del possibile, di non acquistare i titoli di trasporto allo sportello, ma di avvalersi di altre soluzioni quali acquisto online, Mobile FFS, distributori automatici di biglietti, al telefono, EasyRide o altre app di ticketing
Share Button

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.