Rfi, al via gruppo di lavoro per valorizzazione scalo di Novi San Bovo

Individuare progetti per la valorizzazione dello scalo ferroviario di Novi San Bovo attraverso lo sviluppo del trasporto merci su ferro, puntando sui collegamenti con i nodi del sistema portuale ligure e con i retroporti della Valle Scrivia e della provincia di Alessandria. Questi gli obiettivi del Protocollo d’Intesa firmato lo scorso 4 Aprile a Roma dalla Regione Piemonte, dal Comune di Novi Ligure e da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane). L’accordo definisce l’istituzione di un Gruppo di Lavoro congiunto che avrà il compito di valutare e definire, entro la fine del 2019, le possibili modalità di riqualificazione dello scalo di Novi San Bovo. L’impianto, con i suoi 500 mila mq, 15 binari e collegamenti con tre importanti siti industriali, è considerato strategico sia per la sua collocazione lungo il Corridoio TEN- T Reno – Alpi, che collega il porto di Genova con quello di Rotterdam, sia come futura piattaforma di raccordo per le merci provenienti dalla Liguria e dalle direttrici Genova-Torino e Genova-Rivalta-Milano.

Share Button

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.