lamusicastacambiando: per i treni Pop e Rock a Trieste 130mila visitatori

Sono state 130mila le persone che hanno varcato la soglia del Villaggio Trenitalia  #lamusicastacambiando, allestito in piazza Unità d’Italia in occasione della 50a Barcolana. La tappa nel capoluogo giuliano, l’undicesima del road show di Trenitalia che sta toccando le principali piazze italiane, ha registrato il record di affluenza di visitatori a livello nazionale. È stato record anche per i viaggiatori trasportati nei giorni immediatamente precedenti la regata: 77mila viaggiatori a Trieste Centrale, senza contare gli abbonati. Nella sola domenica della competizione 10mila viaggiatori in più rispetto alla stessa giornata del 2017. Domenica l’affluenza eccezionale e le partenze da Trieste tutte concentrate nella fascia oraria 16-20 hanno determinato il sovraffollamento di molti treni. Grande curiosità e tanta affluenza di visitatori per i nuovi treni Rock e Pop, in mostra dal 10 al 14 ottobre. Bambini, giovani e meno giovani, triestini, turisti e velisti sono stati accolti da hostess, stewart e personale Trenitalia per poi salire a bordo dei modelli in scala reale dei nuovi convogli e apprezzarne i dettagli.

Durante le giornate dell’esposizione sono state organizzate attività di intrattenimento rivolte a diverse fasce di pubblico, con la partecipazione di numerose scolaresche. A tutti i visitatori, ingegneri e specialisti hanno mostrato le caratteristiche dei nuovi treni destinati a rivoluzionare positivamente, dal 2019, l’esperienza di viaggio dei pendolari.

Destinati a migliorare l’esperienza di viaggio dei pendolari, Rock e Pop sono parte della nuova flotta di oltre 600 convogli per il trasporto pendolare e rappresentano la concretizzazione del processo di rinnovamento in atto. Inizieranno a circolare a partire dalla primavera del 2019 nelle regioni italiane che hanno sottoscritto con Trenitalia nuovi Contratti di Servizio di lunga durata.

Il Gruppo FS Italiane, attraverso la controllata Trenitalia, è infatti fortemente impegnato nel rilancio del trasporto regionale e pendolare, mettendo al centro della filiera industriale le esigenze delle persone che ogni giorno scelgono il treno per muoversi per motivi di lavoro, studio e turismo. Sarà la grande sfida per i prossimi cinque anni che vede, a livello nazionale, un maxi investimento di sei miliardi di euro in nuovi treni regionali.

Share Button

I commenti sono chiusi