Moldavia aumenta i collegamenti transfrontalieri

tn_md-cfm-dmu-d1mCFM – Calea Ferată din Moldova  , la compagnia ferroviaria nazionale moldava, ha messo le automotrici ristrutturate in servizio sul percorso da Chişinău a Iaşi, in Romania, ed ha firmato un accordo con le Ferrovie ucraine per il ripristino della linea dalla città di confine di Basarabeasca a Berezyne in Ucraina. Cinque unità Ganz-Mavag D1M a scartamento 1 520 millimetri  sono state modernizzate da Electroputere VFU Paşcani. Hanno due motori 515 kW di Volvo, wi-fi, aria condizionata, CCTV, da 230 V prese di corrente, informazioni ai passeggeri basato su GPS, un ascensore per accesso viaggiatori su sedia a rotelle, servizio igienico accessibile ai disabili  e capacità per 265 passeggeri. Il servizio è stato lanciato alla fine di settembre. Servizi CFM precedenza terminati presso la stazione di confine rumeno Cristeşti Jijia, ma ora proseguono sul percorso a doppio scartamento per la stazione Socola nella città di Iasi, che è una destinazione importante istruzione e occupazione per i moldavi. Il miglioramento del servizio ha intercettato un tempo di percorrenza di circa 6 ore a circa 3 ore. La tariffa è di € 10 in prima classe o € 7 in seconda. Separatamente, CFM e UZ hanno deciso di ripristinare la di linea 21, 5 km tra Basarabeasca nel sud della Moldova e Berezyne in Ucraina, che è stata chiusa nel 1999.  La linea  di UZ Berezyne – Artsyz deve essere ammodernata e deve essere realizzato un posto di controllo di frontiera congiunto. Inizio dei lavori è previsto per l’inizio del estate 2016. Le  due ferrovie prevedono un servizio di sei treni andata e ritorno al giorno. La riapertura del collegamento fornirebbe la Moldavia di un percorso verso Odessa ed il sud-ovest dell’Ucraina che non passa attraverso la regione separatista della Transnistria occupata dall’esercito russo.

Share Button

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.