Treno dei Bambini: 200 piccoli viaggiatori in Frecciargento da Papa Francesco

Foto di Gruppo per il personale dell'ETR 600

Foto di Gruppo per il personale dell’ETR 600

ETR 600 in arrivo

ETR 600 in arrivo

È arrivato ieri, 30 Maggio, nella storica stazione ferroviaria di Città del Vaticano il Treno dei Bambini, uno speciale Frecciargento che ha trasportato a Roma 200 bambini, coinvolti loro malgrado in situazioni disagiate, assieme ai loro accompagnatori. Quest’anno il treno, messo a disposizione per il terzo anno consecutivo dal Gruppo FS Italiane, ha ospitato i figli di detenuti e detenute, provenienti da Bari e Trani. Nella stazione vaticana sono stati poi raggiunti da altri bambini romani, nelle stesse condizioni familiari. Subito dopo l’arrivo del treno, hanno potuto conoscere il Santo Padre, che li ha incontrati in Sala Nervi.  Ad accogliere il treno c’erano il Card. Giuseppe Bertello, Presidente del Governatorato della Città del Vaticano, il Card. Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e l’Amministratore Delegato del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, Michele Mario Elia. In Sala Nervi, l’AD Elia ha mostrato al Santo Padre alcune scene tratte dal film di Pupi Avati, “Un viaggio di cento anni”. Nel film, che – usando come file rouge il treno – ripercorre un secolo di storia italiana, si ricorda infatti anche il viaggio in treno di Papa Giovanni XXIII da Città del Vaticano a Loreto. Il Frecciargento è partito dalla stazione di Bari di primo mattino, e dopo aver raggiunto la stazione di Roma Termini ha proseguito il suo viaggio fino a Roma San Pietro e di lì , attraversando il portone in ferro che segna il confine tra Italia e Città del Vaticano, si è fermato davanti alla storica stazione vaticana, sotto lo sguardo interessato e stupito sia dei piccoli viaggiatori a bordo che delle persone presenti in Vaticano, che hanno potuto assistere all’insolito arrivo. Il Gruppo FS Italiane ha messo in campo tutte le forze produttive necessarie per assicurare un viaggio sereno ai bambini e per lasciare loro un ottimo ricordo dell’esperienza, attraverso il lavoro delle donne e degli uomini di Rete Ferroviaria Italiana e di Trenitalia. Questo viaggio, promosso da Il Cortile dei Gentili, conferma ancora una volta l’impegno sociale del Gruppo FS Italiane, reso concreto dalle numerose iniziative intraprese negli ultimi anni. Al termine della giornata, nel primo pomeriggio il treno ha lasciato la Città del Vaticano per ripartire in senso opposto.

Share Button

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.