Friuli Venezia Giulia: Santoro, la ferrovia rinnova il piacere di scoprire il territorio

Il treno Mi.Co.Tra. delle Ferrovie Udine Cividale (FUC) (Foto FUC)

Il treno Mi.Co.Tra. delle Ferrovie Udine Cividale (FUC) (Foto FUC)

I treni concedono il tempo di una riflessione, il piacere di una visione nuova sul paesaggio, la magia dell’incontro con persone sconosciute. Le medesime emozioni che si provano leggendo. Da qui l’idea di unire la ferrovia ai libri e, in una visione più ampia, alla conoscenza del territorio e del suo patrimonio culturale per promuovere una diversa fruizione della mobilità. Con questo intento le Ferrovie Udine Cividale (FUC) hanno inaugurato lo scorso 29 maggio una serie di iniziative lungo la linea ferroviaria gestita dalla Società regionale, sconfinando fino ad Aquileia per incentivare l’utilizzo, anche a fini turistici, dell’intermodalità treno – bici. Il tempo di mezzo con Mi.Co.Tra. è il titolo della rassegna, e del primo appuntamento, che metterà di fronte l’amministratore unico di FUC Maurizio Ionico e l’autore Romano Vecchiet nella presentazione del libro, scritto da quest’ultimo ed edito dalle Edizioni Forum, Treni d’archivio, capitoli di storia delle Ferrovie in Friuli. A bordo del treno Mi.Co.Tra. il poeta Maurizio Mattiuzza ha proposto delle letture a cura dell’Associazione Culturale Bottega Errante. Soddisfatta dell’iniziativa l’assessore regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità del Friuli Venezia Giulia Mariagrazia Santoro, intervenuta al viaggio. “Ho manifestato da subito apprezzamento ed entusiasmo per questa iniziativa che restituisce valore alla scoperta del proprio territorio attraverso uno dei mezzi di trasporto più affascinanti della storia. La ferrovia – ribadisce Santoro – può e deve tornare a essere un mezzo privilegiato sia negli spostamenti interni che nei viaggi a lunga percorrenza. Le Ferrovie Udine Cividale hanno in questo un vantaggio competitivo determinato dall’essere un servizio apprezzato dai cittadini, ma anche dai turisti, grazie all’eccellente gestione del collegamento Mi.Co.Tra. tra Udine e l’Austria”.

Per Maurizio Ionico “conciliare cultura e viaggio è un’operazione che ci è apparsa quasi naturale, dal momento che proprio il viaggio e il treno, soprattutto, hanno ispirato alcune delle più belle pagine di letteratura italiane e straniere. D’altra parte l’attenzione che abbiamo riposto nella gestione del servizio ferroviario che ci compete non è altro che l’assunzione di responsabilità verso un diverso approccio culturale al tema della mobilità e del trasporto delle persone”.

Il calendario di eventi promosso da FUC proseguirà con i seguenti appuntamenti:
– 4 giugno, ore 10.00, presso il Centro Intermodale Passeggeri di Cividale del Friuli presentazione del progetto plurilingue Il treno delle lingue in collaborazione con l’ARLeF;
– 8 giugno, ore 12.00, presso l’Arcidiocesi di Udine Il tempo di mezzo con Mi.Co.Tra., evento a margine del quale verrà sottoscritta la convenzione FUC – Museo Diocesiano – OBB Land Carinzia finalizzata al co-marketing per la promozione dei patrimoni museali sul treno transfrontaliero;
– 13 giugno, ore 18.00, presso il Palaghiaccio di Pontebba, serata in collaborazione tra Ciclo Assi Friuli e FUC per la promozione dell’intermodalità treno – bici e presentazione del video Pontebba, la storia, la ciclovia;
– 20 giugno, ore 9.00, ad Aquileia evento per la promozione della mobilità sostenibile treno – bici in collaborazione con la Federazione Italiana Amici della Bicicletta (FIAB), l’Unione Italiana Sport per tutti (UISP), Ciclo Assi Friuli e Legambiente.

Share Button

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.