Presentato l’ ATR220, il nuovo treno diesel per i pendolari

ATR 220 PESA

ATR 220 PESA

v_soprano

Brindisi dell’AD di Trenitalia Vincenzo Soprano insieme ai ferrovieri

La presentazione del nuovo orario 2015 avvenuta ieri a Roma è stata l’occasione per presentare alla stampa il nuovo treno a trazione diesel (tipo ATR220), che insieme ai nuovi Vivalto e Jazz  va ad accrescere la scuderia regionale Trenitalia.   Saranno complessivamente 40 i nuovi convogli messi a disposizione per i pendolari di Abruzzo, Basilicata, Marche, Molise e Toscana, che dal 2015 correranno sui binari della Rete Ferroviaria Italiana.  Il nuovo treno, costruito in Polonia dalla PESA e già in servizio in Italia sui binari di FER, Sistemi Territoriali e Ferrovie del Sud Est,  è dotato di due carrelli con motori diesel con una potenza di 390kW ciascuno e di due carrelli portanti, può raggiungere una velocità massima di 130 km/h. Composto da tre carrozze, (due con cabina di guida alle estremità ed una rimorchiata al centro) è un convoglio con architettura open space, per offrire un’esperienza di viaggio più gradevole al passeggero e nel contempo permettere una visibilità complessiva del treno al Personale di Bordo. L’attenzione ai dettagli durante la progettazione del treno assicurano il massimo comfort di viaggio e movimento già dall’entrata, merito del piano ribassato con ingresso a raso e di pedane retrattili per passeggeri a mobilità ridotta su carrozzelle. I posti a sedere sono complessivamente 161, di cui sette ribaltabili e due dedicati a passeggeri a mobilità ridotta, e sono tutti corredati da presa elettrica per computer, telefonini e altri dispositivi. Il treno è stato dotato di display al LED esterni e all’interno di sistema OBOE/Dove6 direttamente collegato all’impianto audio e video per consentire al Personale di Bordo di comunicare con i viaggiatori. Telecamere interne ed esterne garantiscono inoltre il controllo del corretto incarrozzamento del treno durante le fermate e la videosorveglianza a bordo.

 

Share Button

2 Comments:

  1. GIOVANNI INTORCIA Macch. trenitalia

    MINUETTO dopo 10 anni di esercizio è un prodotto scadente per cambio non è un disel elettrico come il 445 di ansaldo breda ,condizionamento sempre guasto fin da i primi anni,il pesa atr 220 a mio parere sara molto peggio,le 663 aggiornate con un po di eletttronica andavano benissimo , ci guadagnava l’occupazione degli italiani,avavamo costruttori che hanno fatto la storia della trazione diesel ,compriamo un abborto dalla polonia ,al peggio non c’è mai fondo

  2. I D 445 non sono assolutamente AnsaldoBreda, ma Savigliano/Omeca/Casertana e montano motore fiat e trasmissione Asgen E per la serie 1001-1036 ed Ansaldo E per la serie D445.1036 – 1150 . Il Pesa è sicuramente un prodotto nettamente migliore del minuetto, un revamping delle 663 sarebbe stato follia allo stato puro.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.